sabato 31 agosto 2013

ORME DI DINOSAURI: IL PASSATO RITORNA DALLE PROFONDITÀ DELLA TERRA

Nella cava. L'ombra con il braccio alzato è di Walter Caputo
In una cava, a circa 10 chilometri da Fatima (Portogallo), in direzione sud (precisamente nella periferia di Bairro, vicino alla N360), c'è una vasta area tappezzata da orme di dinosauri. Si distinguono quelle quasi tonde degli erbivori, da quelle quasi triangolari dei carnivori.

L'ampiezza dell'area è davvero straordinaria: ci si sente molto piccoli, d'altronde il luogo è proprio a misura di dinosauro; se poi si confronta il proprio piede con la zampa di un dinosauro ci si rende conto di quanto fossero enormi coloro che hanno dominato il nostro pianeta per circa 170 milioni di anni

La cava è stata scoperta dai paleontologi nel 1994 e si tratta della più antica e lunga serie di impronte di dinosauri del mondo. Tali impronte (stiamo parlando di centinaia di pegadas) si possono ammirare presso il Monumental Natural das Pegadas dos Dinossaurios: occorre percorrere un sentiero di 500 metri che, da una collina sopra il sito, scende nella cava.
Il piede è di Luigina Pugno


"Dinosauro" significa letteralmente (dal greco) "terribile lucertola". Quelli che vissero in questa zona erano sauropodi, ovvero grossi quadrupedi ed erbivori con la testa piccola. Dalle loro orme gli studiosi hanno capito che pesavano 70 quintali ed erano lunghi fino a un massimo di 30 metri. Dall'ampiezza del passo è stata calcolata la velocità: circa 4/5 chilometri all'ora. Ma come si sono formate le orme fossili dei dinosauri?

Essi devono aver camminato su sedimenti soffici e poi
la superficie su cui hanno appoggiato le zampe deve essere stata protetta da nuovi depositi di sedimenti.

Questi ultimi, nel corso di milioni di anni, si sono accumulati e pietrificati, formando in questo modo delle rocce. I movimenti delle zolle in cui è suddivisa la crosta terrestre hanno "sollevato" quelle rocce.
Poi l'erosione e le attività dell'uomo le hanno riportate alla luce. Così il passato remoto e la storia dei dinosauri sono proprio sotto i
orme di dinosauri
nostri piedi e devo dirvi che passeggiare vicino a quelle grandi orme fa un certo effetto.

L'area è fortemente battuta dal vento: non a caso sulla sommità della collina vicina si trova un discreto numero di pale eoliche. Il vento che ora proviene dall'Oceano Atlantico, all'epoca dei dinosauri non c'era poichè Europa e Nord America erano ancora unite.

Ma, a proposito, cosa succederà il 2 settembre su Gravità Zero? Dinosauri???????? .........


ALTRI ARTICOLI DI "VIAGGI E SCIENZA"


Il lupo cattivo?
Come si otteneva un tempo carbone da legna
Viaggi e scienza: uno sguardo al nostro glorioso passato
Esploratori perduti. Gravità Zero intervista il Dott. Stefano Mazzotti
Microrganismi estremi in fonti termali sottomarine
Specie endemica in via di estinzione: il Priolo


L'8 AGOSTO 2010 NASCEVA VIAGGI E SCIENZA: UNA NUOVA RUBRICA DI GRAVITA' ZERO, CON QUESTA INTRODUZIONE:

Questo articolo inaugura una nuova rubrica di Gravità Zero dal titolo Viaggi e Scienza. Il suo scopo è quello di raccogliere i contributi a carattere scientifico che vi sono stati stimolati dai luoghi che avete visitato durante viaggi, gite o scampagnate.


4 commenti:

Tiziana Brazzatti ha detto...

Buongiorno Luigina e Walter

Articolo fantastico ed entusiasmante. Complimenti. Per la prossima vacanza vi consiglio di andare a visitare le orme di dinosauri sparse in tutta la Croazia passando per Trieste...........

Walter Caputo ha detto...

Cosa? Cosa? Pensa che nel 2003 abbiamo visitato tutta (tranne qualche isoletta) la Croazia perche' mia moglie doveva aggiornare la guida verde sulla Croazia del Touring club italiano e non abbiamo visto nessuna orma di dinosauro!!!! Questo significa che allora nella guida, ma anche negli uffici turistici, c'era questa terribile omissione!!!!!!!!
Le uniche altre orme le abbiamo viste vicino a Rovereto.
Piu' di preciso, dove sono in Croazia? Grazie

Tiziana Brazzatti ha detto...

Ciao
Mi dispiace che nessuno vi abbia informato di queste grandi scoperte!
Mi indico un link
http://dinosauroantonio.blogspot.it/2013/07/apertura-dello-spazio-museale-ulika.html
...hanno aperto addirittura un Museo a Valle, però solo quest'anno, ma la notizia dei ritrovamenti non è recente. Isola di Felonega vicino a Promontore Pola, Valle, e tutta la costa istriana......scriviamoci se venite nel profondo nord-est.
Complimenti ancora

Walter Caputo ha detto...

Certo Tiziana, sarebbe bello incontrarci dalle tue parti e fare quattro chiacchere (penso che diventerebbero 400..... io sono logorroico...)