mercoledì 21 febbraio 2018

IMPRESE ITALIANE E CAMBIAMENTI CLIMATICI: SI SOTTOVALUTANO I RISCHI?

Anche le aziende italiane stentano ad avviare strategie, processi e programmi per contrastare gli impatti dei cambiamenti climatici. 


L'ente di certificazione internazionale DNV GL ha recentemente pubblicato un’indagine sul tema dell’adattamento e della resilienza ai cambiamenti climatici da parte del mondo delle imprese, coinvolgendone oltre 1.200 nel mondo. L’indagine, condotta in collaborazione con l’istituto di ricerca GFK, ha evidenziato come le aziende su scala globale siano ancora impreparate ad affrontare la problematica. Non fanno eccezione le imprese italiane, che non spiccano per proattività. 

Nonostante il 40% circa delle aziende del Bel Paese riconosca già gli effetti dei cambiamenti climatici su almeno una delle aree principali della propria attività (asset, operazioni, catena di fornitura o clienti e mercati) o se li aspetti nel breve termine, sono poche quelle che hanno già preso precauzioni. 

I RISCHI CLIMATICI PIU’ TEMUTI 

Innalzamento delle temperature e ondate di calore (73%) in netta predominanza, tempeste e siccità (31%) e alluvioni (29%) sono gli eventi climatici più temuti dalle aziende del nostro Paese. Seguono, a distanza, gli incendi (14%), l’innalzamento del livello medio del mare (12%), frane e smottamenti (11%) e acidificazione delle acque marine (5%). 

martedì 20 febbraio 2018

UNA CLINICA ODONTOIATRICA VICINO A IVREA SPIEGA PERCHÈ AL VOSTRO BAMBINO SERVE UN ORTODONTISTA

Il dentista dei bambini non è un medico qualsiasi: è uno specialista in ordodonzia infantile. La cura della salute dentale è importante fin da quando spuntano i primi denti, e il rapporto con il dentista va curato e fatto crescere da quando i bambini sono ancora piccoli. 

nova ars med banchette ivrea torino


Serve dunque un dentista specializzato, noto come pedodontista, capace nella cura della salute orale dei bambini e dei ragazzi. La sua formazione lo aiuta a trasformare le attività odontoiatriche in un gioco, consentendo ai piccoli pazienti di affrontare le visite di controllo ed eventuali trattamenti divertendosi. 

Per iniziare col piede giusto, la prima visita è consigliabile evitare di iniziare con dei trattamenti, ma fare dei controlli relativi alla dentatura da latte, accompagnato da qualcosa di piacevole, come musiche per bambini. Instaurare fin da subito un buon rapporto col dentista consente di agire sulla prevenzione, curando eventuali disallineamenti dentali, guidando lo sviluppo morfologico, funzionale e sensoriale del "sistema bocca" contribuendo in modo determinante alla corretta crescita generale del bambino.

È importante, quindi, seguire i bambini sin da piccolissimi ed accompagnarli durante la crescita con l'applicazione di protocolli di prevenzione della carie ed intercettare e correggere precocemente le eventuali alterazioni funzionali.

nova ars med banchette ivrea torino QUANDO LA PRIMA VISITA? RISPONDE NOVA ARS MEDICA, CLINICA ODONTOIATRICA A IVREA BANCHETTE TORINO 
"La prima visita ortodontica dovrebbe essere effettuata nei bambini in crescita, preferibilmente tra i 3 e i 6 anni. È questo il momento migliore per individuare possibili problematiche e per prevenire l’insorgere di problematiche future".
"In caso di sintomi o problematiche sviluppatisi in seguito è possibile effettuare una visita di controllo e diagnosi anche da adulti." 
Proprio  per questo a Nova Ars Medica ci son medici preparati nell'ortodontia infantile al vostro servizio per rispondere a ogni domanda.

L’ortodonzia intercettiva, della quale si occupano i pedodontisti, si occupa infatti di contrastare con quelle forze muscolari che possono condizionare in maniera sfavorevole lo sviluppo armonico delle ossa mascellari e che, in casi più gravi, vanno corrette chirurgicamente. Successivamente, quando la sostituzione dei denti da latte con quelli definitivi è pressoché completa, l’interesse passa all’allineamento dentale utilizzando apparecchiature di tipo fisso (brackets) che possono essere di varie tipologie e la durata del trattamento può variare da caso a caso. È ovvio che il trattamento compiuto fra i 5 e i 9 anni facilita notevolmente questa fase in quanto predispone al corretto rapporto delle arcate dentarie, alla creazione degli spazi sufficienti per l’allineamento dentale ed elimina le interferenze muscolari che possono ostacolare il trattamento o predisporlo ad una recidiva.

Lo screening precoce delle funzioni masticatorie e dell’occlusione del bambino consente, di evidenziare eventuali disallineamenti dentali o anomalie scheletriche (mascellari e mandibolari) che, intercettate durante il periodo di crescita, possono essere corrette mediante l’ausilio di apparecchi ortodontici, evitando il ricorso ad eventuali estrazioni o alla chirurgia ortognatica, il cui scopo è riallineare le mascelle. La terapia ortodontica intercettiva precoce consente di evitare i lunghi e tradizionali trattamenti ortodontici in età adolescienziale.


PER APPROFONDIRE O PER PUBBLICARE ARTICOLI SU TEMATICHE DENTALI
VASI SU TUTTODENTI: LA RIVISTA CHE VUOL BENE AL TUO SORRISO 

lunedì 19 febbraio 2018

FESTA DELLA MATEMATICA 2018: IN GARA STUDENTI DA MOLTE REGIONI ITALIANE

C'è ancora tempo per iscriversi.  Il 2 marzo le gare. L'anno scorso sono stati coinvolti 1500 studenti provenienti dalle scuole superiori del Piemonte, Liguria, Valle D’Aosta, Emilia Romagna e Toscana. A vincere lo scorso anno è stato il liceo scientifico Galileo Ferraris di Torino, seguito dal Volta di Milano e dal Galileo Galilei di Alessandria. Le squadre vincitrici parteciperanno alla finale nazionale delle «Olimpiadi della Matematica» che quest'anno si svolgeranno in Romania. 

L'edizione del 2017 svolta all'interno del Lingotto (altre foto qui

Il giornalista Antonio Lo Campo ci invia un comunicato avvertendoci dell'avvicinarsi della data della quindicesima edizione della “Festa della Matematica, la gara a squadre tra le scuole del Piemonte e di altre regioni italiane, organizzata dall'Associazione Subalpina “Mathesis”, e realizzata con il supporto della Compagnia di San Paolo, che si svolgerà nella giornata del 2 Marzo.

Anche quest'anno la “Festa della Matematica” si svolgerà nella tradizionale sede dell'”8Gallery”del Lingotto, a Torino. Qui il programma e gli orari

Vi sono già più di 30 squadre iscritte, e quest'anno è alta la presenza di quelle che giungono da fuori Piemonte. Vi sono infatti istituti scolastici provenienti da Lombardia, Liguria, Veneto e Toscana. Ed altri potrebbero aggiungersi: c'è ancora qualche giorno di tempo (per info e modalità relative all'iscrizione è necessario consultare il sito www.festadellamatematica.it).

Le squadre vincitrici si aggiudicheranno la partecipazione alla fase nazionale delle “Olimpiadi a squadre di matematica”, che si svolgeranno in primavera a Cesenatico. La grande rampa elicoidale dell'8 Gallery del Lingotto di Torino si trasformerà quindi in una gigantesca area scolastica, dove le squadre che risolveranno i quesiti presentati, anziché superare un esame di tipo tradizionale, potranno accedere alla fase successiva.

Il comitato organizzatore de “La Festa della Matematica”, guidato dal Presidente dell'Associazione Subalpina Mathesis, professor Franco Pastrone, è formato dai professori Andrea Audrito, Tommaso Marino, Lorenzo Orio, Pier Luigi Pezzini e Giorgio Pidello. 

Le squadre iscritte rappresentano diverse scuole, e alcune di loro, oltre a partecipare alla “Festa della Matematica”, anche quest'anno propongono giochi didattici, esperimenti, e test tutti a base di matematica e con un bel po' di fisica.

Per valorizzare gli esperimenti ideati dalle scuole è stato istituito il Premio Perlasco, premio in denaro assegnato alle migliori "idee" da un'apposita commissione composta da docenti universitari di matematica e di fisica, da insegnanti di scuola superiore e da esperti della comunicazione. 

La giornata del 2 marzo dell'edizione n. 15 de “La Festa della Matematica” sarà, come per tradizione, ricca di appuntamenti. Si comincia al mattino: presentazione delle attività (ore 9), da parte di Franco Pastrone (Associazione Mathesis), Paola Sabbione (Compagnia di San Paolo), e Giorgio Pidello (Dirigente Scolastico Istituto Cattaneo); poi, alle 10, nei locali multisala Uci Cinemas si terranno due conferenze. Dalle ore 10,00 alle 11,30, con il titolo "Relatività generale: ha cent'anni e non li dimostra", il professor Attilio Ferrari, Presidente di Infini.to, il Planetario di Torino, illustrerà le recenti scoperte sulle onde gravitazionali e sulle conferme della teoria della relatività generale di Albert Einstein.

A seguire, dalle 11.30 alle 13, si terrà la conferenza "Probabilità e gioco d'azzardo", con  il Professor Alessio Drivet, del Geogebra Institute di Torino. In contemporanea, dalle ore 10, alla “Corte della ristorazione” dell'8Gallery ci sarà il tradizionale “Mercatino delle idee” (realizzato in collaborazione con AIF, Associazione Insegnanti di Fisica, Sezione di Settimo Torinese), con gli esperimenti e gli exibit a cura degli studenti della scuole.

E poi, nel pomeriggio, alle 14,30 il via alle gare per le scuole, con la full-immersion nella vera e propria competizione tra numeri, formule ed equazioni. La competizione terminerà alle 16,30. 

Alle ore 17, la premiazione delle prime scuole classificate, con il Premio Perlasco (per il migliore esperimento presentato al mercatino delle idee), e la Coppa Gatteschi (che andrà alla scuola vincitrice, e vi resterà per un anno).

Tutte le informazioni si possono trovare sul sito ufficiale della Festa della Matematica 

L’ESCLUSIVA COLLANA “MAGNUM PHOTOS, LA STORIA, LE IMMAGINI” ARRIVA IN EDICOLA!


Dal 24 FEBBRAIO Hachette Fascicoli lancia la collana di libri “Magnum – la storia – le immagini” disponibile in edicola e sul sito  collezionemagnum.it 



Hachette in collaborazione con Magnum Photos presenta l'opera definitiva dedicata ai settant'anni dell'agenzia fotografica più famosa al mondo. Una prestigiosa collana di monografie celebrative di grande formato che raccoglie il meglio della produzione dei fotografi tra i più importanti di sempre. Volumi pregiati da collezione, dedicati ai protagonisti di Magnum e alle loro più celebri fotografie. 96 pagine riccamente illustrate e stampate su carta di grande qualità per ottenere la migliore riproduzione a colori e in bianco e nero e apprezzare i dettagli di ogni singolo scatto.

ANTARTIDE: CAMBIO DI STAGIONE CON OLTE 50 PROGETTI SCIENTIFICI CONCLUSI

Il PNRA-Programma Nazionale di Ricerche in Antartide, attuato da ENEA per gli aspetti logistici e dal CNR per il coordinamento scientifico, chiude la 33a spedizione estiva e apre la 14a campagna invernale. L’ultimo contingente ha lasciato la base italiana Mario Zucchelli a Baia Terra Nova, mentre nella stazione italo-francese di Concordia 13 invernanti rimarranno in completo isolamento nei prossimi otto mesi per condurre studi di glaciologia, chimica e fisica dell’atmosfera, astrofisica, astronomia, geofisica e biomedicina.


©Foto di Paul Nicklen National Geographic with support PNRA



Con più di 50 progetti scientifici portati a termine si conclude la 33a Campagna estiva del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (PNRA), finanziata dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca (MIUR), attuata dall’ENEA per gli aspetti logistici e dal CNR per la programmazione e il coordinamento scientifico, che ha visto la partecipazione di 210 tra ricercatori e tecnici provenienti da istituzioni di ricerca di tutta Italia. Dopo un rinvio a causa del maltempo, gli ultimi 12 partecipanti alla missione, hanno lasciato la base italiana Mario Zucchelli nella Baia Terra Nova, che per questa stagione chiude i battenti.

“Pessime condizioni meteo ci hanno visto costretti a ritardare di qualche giorno la preventivata chiusura della base. In particolare forti raffiche di vento impedivano il decollo dei velivoli verso la base antartica permanente statunitense McMurdo, da dove il nostro viaggio è proseguito per la Nuova Zelanda prima di fare rientro in Italia”, sottolinea il capo spedizione Alberto della Rovere dell’ENEA.
©PNRA - Osservatorio Meteo Climatologico Antartico


Con la chiusura “stagionale” della base italiana non si concludono però le attività di ricerca scientifica del nostro paese in Antartide, che proseguono infatti presso la stazione italo-francese di Concordia (Dome C), la base di ricerca permanente situata nel plateau antartico a 3.300 m di altitudine dove ha preso il via la 14a Campagna invernale.

“Per i prossimi otto mesi 13 invernanti (in gergo tecnico winterover), sei italiani e un francese in forza al PNRA, cinque francesi dell’IPEV (Istituto polare francese Paul Emile Victor) e un medico austriaco dell’ESA (Agenzia Spaziale Europea), rimarranno in completo isolamento per mantenere attive le attrezzature sperimentali e condurre studi di glaciologia, chimica e fisica dell’atmosfera, astrofisica, astronomia, geofisica e biomedicina”, spiega Fabio Trincardi, direttore del Dipartimento di scienze del sistema terra e tecnologie per l’ambiente del Consiglio nazionale delle ricerche (DTA-CNR).

La Campagna estiva è iniziata lo scorso ottobre coinvolgendo diversi team di studio che, sfidando difficili condizioni ambientali e avvalendosi della collaborazione delle Forze Armate, hanno lavorato per la realizzazione di oltre50 progetti di ricerca su ecosistemi e clima. I dati raccolti in Antartide saranno elaborati nei prossimi mesi presso i laboratori italiani che hanno preso parte ai progetti.


Ufficio Stampa ENEA