sabato 16 dicembre 2017

I VINCITORI DEL PREMIO NAZIONALE DI DIVULGAZIONE SCIENTIFICA 2017 - GIANCARLO DOSI

Con il libro "Expert brain - Come la passione del lavoro modella il nostro cervello" edito da Franco Angeli Editore, 2017, Antonio Cerasa ha vinto l'edizione 2017 del Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica | Giancarlo Dosi, promosso dall'Associazione Italiana del Libro e patrocinato dal CNR, dall'Associazione Italiana per la Ricerca Industriale (AIRI) e dall'Università Telematica Internazionale (UNINETTUNO).


Cosa hanno in comune un musicista, un architetto, un sommelier, un matematico, uno scalatore, un giocoliere, uno scacchista, un golfista, un profumiere e uno chef? Un cervello allenato. Sono, cioè, Expert Brains: appartengono a quella categoria d’individui che, grazie ad un estenuante allenamento, hanno sviluppato una particolare abilità ed eccellono in essa. Al punto che il loro cervello si è modellato di conseguenza. L’autore di questo volume, partendo proprio dagli chef, spiega cosa ha in comune il loro cervello e quali abilità condividono con i musicisti o gli scalatori rispetto, invece, agli scacchisti, architetti o sommelier. Ma va anche oltre. Parla di come fa il cervello a tornare a funzionare dopo una lesione o cosa succede al cervello quando si allena e si gonfia troppo o prova dolore. Per arrivare a spiegare che cos’è la Creatività e di come si possa studiare e quantificare anche nella nostra vita privata. Gli argomenti sono trattati intervallando il racconto anche con un immaginario dialogo con uno studente un po’ troppo curioso. Forse… un futuro Expert. 

Antonio Cerasa (1976), è un neuroscienziato e lavora come ricercatore presso l’IBFM-CNR. Inoltre è part-time lecturer di Psicologia delle Comunicazioni e Psicologia del Lavoro presso il CDL di Sociologia di dell’Università di Catanzaro. 

Il Premio è stato consegnato il 14 dicembre a Roma, presso la sede del CNR, nel corso di una cerimonia pubblica presieduta da Giorgio De Rita, segretario generale del Censis. All'edizione 2017 del Premio hanno partecipato circa 200 autori e autrici da tutta Italia con più di 200 libri e 250 articoli di divulgazione scientifica. Ha presentato la manifestazione Paolo Di Giannantonio, giornalista del TG1.


informazione pubblicitaria
Corso di Ufficio Stampa Tecnico Scientifico

.

Sono intervenuti nel corso della manifestazione: Massimo Inguscio, Presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche Giorgio De Rita, Segretario generale del Censis, presidente del comitato scientifico del Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica; Sesto Viticoli, Vice Presidente dell'AIRI (Associazione Italiana per la Ricerca Industriale); Maria Amata Garito, Rettore dell'Università Telematica Internazionale Uninettuno; Stefano Sandrelli, Astrofisico, lavora all’INAF e si occupa di didattica e di divulgazione. Collabora con l’ESA e Rainews; Emilia Chiancone, Presidente dell’Accademia Nazionale delle Scienze; Alessandro Finazzi Agrò, già Rettore dell’Università di Roma Tor Vergata; Francesca Giofrè del Dipartimento Pianificazione, Design, Tecnologia dell’Architettura, Sapienza Università di Roma; Giovanni Paoloni, Direttore Scuola Speciale per Achivisti e Bibliotecari, Sapienza Università di Roma; Laura Castellucci, del Dipartimento di Economia e Finanza, Università degli Studi di Roma Tor Vergata.
Il libro di Antonio Cerasa ha conquistato il primo posto anche nell'area delle Scienze Biologiche e della Salute, una delle 5 aree in cui è suddiviso il Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica. L’Associazione Italiana del Libro ha inoltre consegnato un premio speciale in nome di Giancarlo Dosi a Samantha Cristoforetti e Stefano Sandrelli per il loro libro “Nello spazio con Samantha”, Feltrinelli. 

venerdì 15 dicembre 2017

CATTURATO IGOR: ECCO I PIÙ RICERCATI D'EUROPA IN UN SOLO SITO PER AIUTARE LA POLIZIA

E' stato arrestato in Spagna 'Igor il russo', al termine di un conflitto a fuoco nel quale sono morte tre persone (un civile e due uomini della Guardia Civil). Igor, alias Norbert Feher alias Igor Vaclavic, è ritenuto responsabile di due omicidi in Emilia-Romagna lo scorso maggio.

Ma non è l'unico pericoloso fuggitivo cui la polizia è alle calcagna. Ecco il sito che dà la caccia ai peggiori criminali che prima o poi verranno cattturati, grazie all'aiuto dei cittafini europei. 




Dal boss di Cosa nostra Matteo Messina Denaro, ai terroristi islamici Mohamed Abrini e Salah Abdeslam, al killer della 'ndrangheta Ernesto Fazzalari: un portale, voluto dalle polizie dell'Unione Europea, che mette in rete le foto dei più ricercati d'Europa. L'obiettivo delle forze dell'ordine è ottenere la collaborazione dei cittadini nelle indagini per trovare i fuggitivi. Nella galleria fotografica ci sono una cinquantina di foto segnaletiche. L'unica donna al momento in cui scriviamo è una finlandese di 30 anni, Valeria Otero Maria Tania, sospettata per traffici illeciti di droga.

Il sito (QUI IL LINK) è tradotto in 17 lingue. Il contenuto vine gestito e pubblicato dal Network europeo dei team di ricerca attiva dei latitanti (Enfast), una rete di ufficiali di polizia dei 28 Stati membri. Il sito web condivide informazioni su criminali o terroristi pericolosi ricercati, o persone sospettate di aver commesso gravi delitti in Europa. Al fine di rendere il sito più facile alla navigazione, ogni Paese pubblica un numero ristretto di obiettivi, che sono selezionati e aggiornati sulla base delle priorità. A dare supporto tecnico agli amministratori di Enfast c'è Europol.

giovedì 14 dicembre 2017

ECONOMIA: COSA SI INTENDE PER USURA BANCARIA? RISPONDE SDL CENTROSTUDI

Cos’è l’usura sopravvenuta? Abbiamo chiesto a SDL Centrostudi, una società specializzata nell'analisi dei contenziosi con il sistema finanziario-bancario, di spiegarci la normativa esistente. 

Per prima cosa, è bene ricordare che l’art. 644 c.p. punisce tanto il “farsi promettere” quanto il “farsi dare” interessi usurari. Con la legge n. 108 del 1996, il problema principale divenne se il carattere usurario del prestito dovesse essere accertato riferendosi al TEGM (Tasso Effettivo Globale Medio) della data della pattuizione negoziale (la promessa) oppure anche a quello della data di addebito in conto o della riscossione delle rate di mutuo (la dazione). Le tabelle dei TEGM sono pubblicate nella Gazzetta Ufficiale, sui siti della Banca d'Italia e del Ministero dell'Economia e delle Finanze.

Leggi anche 

Il TEGM, comprensivo di commissioni, di remunerazioni a qualsiasi titolo e spese, escluse quelle per imposte e tasse, si riferisce agli interessi annuali praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari per operazioni della stessa natura.

La Corte di Cassazione ha successivamente affermato l’esistenza dell’usurarietà sopravvenuta dei contratti stipulati prima del 1996 ad un tasso corrispettivo superiore alle soglie di usura rilevata in base alla legge 108/1996 (es. Cass. 5286/2000; Cass 8422/2992).

Nonostante l’intervento del legislatore, avvenuto nell’art. 1, comma 1°, del d.l. 29.12.2000, n. 394, che riporta: "ai fini dell’applicazione dell’art. 644 c.p. e dell’art. 1815 , comma 2, c.c., si intendono usurari gli interessi che superano il limite stabilito dalla legge nel momento in cui sono convenuti, a qualunque titolo, indipendentemente dal momento del loro pagamento", con cui si è attribuita rilevanza giuridica esclusivamente alla soglia di usura rilevata al momento della sottoscrizione del contratto, la dottrina e la giurisprudenza non hanno smesso di accarezzare l’idea dell’illiceità dell’usura sopravvenuta, sebbene declinata diversamente nella sanzione rispetto all’usura originaria: non come trasformazione del contratto da oneroso a gratuito ai sensi dell’art. 1815 c.c., ma come nullità parziale con sostituzione della clausola degli interessi divenuti usurari con il tasso soglia ex art. 1339 c.c.

La Corte di Cassazione ha ricordato che in un rapporto contrattuale di durata, l’introduzione di una nuova norma imperativa condizionante l’autonomia contrattuale delle parti nel regolamento del contratto, comporta che, da tale momento, esso deve ritenersi assoggettato all’efficacia della clausola imperativa da detta norma imposta, che si sostituisce ex art. art. 1339 c.c. alla clausola difforme. Tale pronuncia, pur riferendosi ad ipotesi di contratti anteriori alla stessa legge sull’usura del 1996 (nei quali il tasso soglia è stato introdotto in corso di rapporto), comporta come logico corollario che il medesimo principio andrebbe osservato nelle ipotesi in cui la soglia di usura discenda al di sotto del TEG, e sembra, pertanto, dare corpo alla tesi che limita il tasso contrattuale (divenuto) usurario al tasso soglia, con l’effetto, certamente non secondario, di rendere incerti nell’onere economico, almeno a favore del cliente, anche i mutui a tasso fisso.

La questione a seguito del contrasto interpretativo presente anche nella Suprema Corte, è stata rimessa alle Sezioni Unite che hanno pronunciato la sentenza del 19 ottobre 2017, n. 24675, negando decisamente la configurabilità dell’usura sopravvenuta ed affermando che "allorchè il tasso degli interessi concordato tra mutuante e mutuatario superi, nel corso dello svolgimento del rapporto, la soglia dell’usura come determinata in base alle disposizioni della L. n. 108 del 1996, non si verifica la nullità o l’inefficacia della clausola contrattuale di determinazione del tasso degli interessi stipulata anteriormente all’entrata in vigore della predetta legge, o della clausola stipulata successivamente per un tasso non eccedente tale soglia quale risultante al momento della stipula”.

Le sezioni Unite hanno quindi messo in questo modo la parola fine all’usura sopravvenuta?

La risposta può essere positiva solamente descrivendo come usura sopravvenuta la sola ipotesi dell’introduzione ex novo della soglia di usura o della riduzione del TEGM per effetto della congiuntura economica tale da attrarre nella zona di usura il tasso contrattuale validamente stipulato.

Il termine usura sopravvenuta, tuttavia, ha però assunto, per molti versi impropriamente, un significato più ampio, nel quale ricadono fattispecie molto diverse, accomunate solo dal dato dello sforamento della soglia di usura solo in un momento successivo alla stipula contrattuale delle quali è opportuno dare analiticamente conto per evitare confusioni termologiche e di disciplina.

CONCLUSA LA MISSIONE VITA DELL’AGENZIA SPAZIALE ITALIANA

L’ASTRONAUTA DELL’ESA PAOLO NESPOLI TORNATO SULLA TERRA DOPO 139 GIORNI TRASCORSI SULLA STAZIONE SPAZIALE INTERNAZIONALE

Foto: ESA 


Roma, 14 dicembre 2017 – Con il rientro sulla Terra di Paolo Nespoli astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) si conclude la missione VITA dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI). La Soyuz MS-05 è atterrata alle 9.37 ora italiana nella regione centrale del Kazakhstan con a bordo oltre a Nespoli anche il comandante russo della navicella Sergei Ryazansky ed il comandante della Stazione Spaziale Internazionale l’americano Randy Bresnik. Termina così dopo quasi 139 giorni dal decollo avvenuto lo scorso 28 luglio, l’Expedition 52/53, la terza missione di Nespoli che stabilisce quindi il nuovo record di permanenza nello spazio per un astronauta italiano con 313 giorni trascorsi fuori dall’atmosfera terrestre.

mercoledì 13 dicembre 2017

INTERVISTA AL PROF. NICOLA CROZZOLETTI: UNIVERSITÀ POPOLARE DI MILANO

Il prof. Nicola Crozzoletti, in questa intervista, illustra la ricerca scientifica condotta insieme alla collega, la dr.ssa Pierpaola Roda, su un nuovo modello di intervento psicologico: un modello ipnotico con l'uso degli alimenti per riequilibrare il sistema nervoso. L'University of United Popular Nations con sede presso l'Università Popolare di Milano accoglie la ricerca scientifica dei due psicologi clinici varesini presso le proprie istituzioni internazionali.ha accolto la ricerca scientifica presso le proprie istituzioni internazionali.



Il ricercatore lavora da anni insieme alla dr.ssa Pierpaola Roda su aree sottocorticali con interazioni genomiche nutrizionali. In forma semplice l'uso di modello ipnotico con un particolare strumento di monitorizzazione per la valutazione degli stati di coscienza in tempo reale e le interazioni che gli alimenti scelti su base genetica hanno sul sistema nervoso. 

Lo scopo era quello di prevedere la possibilità studiare un modello terapeutico psicologico strategico ed integrato con l'uso dell'Ipnosi clinica e della Nutrigenomica ossia di come gli alimenti possono influenzare naturalmente il sistema nervoso ed alcune aree deputate ed associate ad alcuni disturbi psichici. Abbiamo utilizzato aspetti neuro psico fisiologici e della Nutrizione su base genomica e le interazioni degli stati modificati di coscienza. I primi risultati sono molto confortanti ora aspettiamo di osservare le conclusioni delle analisi definitive concluse da poco. 

"Crediamo - spiega il ricercatore dell'Università Popolare di Milano -  nel modo di accostarsi ai disturbi psicologici dove gli alimenti su base genomica possono giocare un ruolo fondamentale nella salute mentale, dove l'uso degli stati modificati di coscienza e gli stati mentali possono favorire in tempi molto brevi la cura ed il trattamento di disturbi di Ansia, depressione e dello stress, fino al sonno con un ridimensionamento ove possibile della somministrazione farmacologia agendo in aree di funzionamento neurofisiologico già naturalmente predisposte dal nostro sistema nervoso". 

Il Prof. Crozzoletti detiene la Prima Cattedra universitaria Internazionale nella Ricerca scientifica ed Insegnamento in Psicologia clinica e Neurofisiologia ipnotica. Decreto n° U.R. 0034/prot.459. UUPN/UPM P.A. n°4/2011 Ministero dell'Insegnamento, dell'Università e della Ricerca MIUR -ROMA

È Co-Direttore scientifico e clinico con la Prof.Dr.ssa Pierpaola Roda del Centro Interuniversitario di Ricerca clinica e Studi avanzati in Neurofisiologia ipnotica ed Epigenetica "Vita e Salute". Decreto n° U.R. 0034/prot.459. UUPN/UPM P.A. n°4/2011 Ministero dell'Insegnamento, dell'Università e della Ricerca MIUR -ROMA


Sull'argomento abbiamo pubblicato: