giovedì 20 settembre 2018

NASCE L'OSSERVATORIO NAZIONALE DELL'ABITANTE: STUDIERÀ IL COMPORTAMENTO DEGLI ABITANTI ITALIANI

Un progetto di Habitante SRL In collaborazione con Norstat Italia, panel provider specializzato in ricerche di mercato online.

Nasce l’Osservatorio Nazionale dell’Abitante, un progetto ideato da Habitante SRL per studiare i comportamenti degli abitanti italiani. Punto di incontro tra appassionati ed esperti del mondo della ricerca sugli stili di vita e di consumo, vuole offrire una visione approfondita sulle abitudini degli italiani.

L’ONA vuole essere una fonte sempre aggiornata di informazioni su consumatori e mercati che ha l’obiettivo di supportare le aziende nelle decisioni strategiche oltre a fornire ai lettori spunti di riflessione che consentono una migliore comprensione degli atteggiamenti sui comportamenti degli abitanti italiani.

In collaborazione con Norstat, Habitante SRL ogni mese pubblicherà un report dell’Osservatorio Nazionale dell’Abitante con lo scopo di analizzare l’evoluzione delle abitudini di consumo degli italiani





IN ARRIVO I PRIMI RISULTATI STATISTICI DEL MESE DI SETTEMBRE


Ogni mese verranno realizzate 1.000 interviste CAWI (Computer Assisted Web Interviewing) rappresentative della popolazione italiana per sesso, età ed area geografica. In un anno l’Osservatorio intende raccogliere le opinioni di oltre 12mila individui consentendo di avere una fotografia dettagliata degli gli stili di vita e di consumo degli italiani nella maggior parte dei mercati di riferimento: dal food al wellness, dall’IT all’automotive senza dimenticare l’abbellimento, la manutenzione e la ristrutturazione della casa e del giardino.

Anteprima della prima rilevazione dell’ONA – Report Settembre 2018

Durante la prima settimana di settembre, al rientro dalle vacanze estive, Norstat ha intervistato, per conto di Habitante SRL, 1023 abitanti italiani con l’obiettivo di rilevare quali sono gli obiettivi che le persone si prefiggono per quello che viene comunemente definito “il mese dei buoni propositi”.
Il primo dato interessante emerso dalla ricerca è che oltre il 90% degli abitanti intervistati (dai 18 anni in su) hanno dichiarato che dal mese di settembre, per lo più al rientro dal periodo vacanziero estivo, hanno deciso di cambiare qualcosa (almeno un’abitudine) nella propria vita quotidiana e nelle proprie abitudini.

Le donne, forse più degli uomini, si sentono più “invogliate” a fare qualcosa per migliorare la qualità della loro vita. L’età in cui si tende ad essere “meno propensi” al cambia- mento è quella che va dai 35-44 anni, l’età delle “sicurezze”: raggiunta una certa stabilità in termini di relazioni familiari e professionali fa sì che vi sia una moderata tendenza a rimettersi in gioco. Il nord est risulta essere l’area più dinamica del paese al punto che quasi la totalità degli abitanti intervistata ha in mente di fare qualcosa di diverso rispetto ai 9 mesi precedenti. Ma quali sono i principali buoni propositi che persone si sono appuntati nell’agenda di settembre?

Gli abitanti italiani pensano al futuro: Salute e Risparmio economico sono i temi che riguardano oltre una persona su tre.

Il terzo importante macro-trend riguarda invece il lavoro e la propria crescita professionale. Anche in questo caso il Nord Est si conferma come la “terra più fertile” ed incline al cambiamento rispetto al resto della penisola (il 35% degli intervistati del nord est ha in mente di cercare nuovi stimoli lavorativi).

La dimensione intima e personale tocca 1 italiano su 3: dopo i bagordi di agosto, magari alla ricerca di un fazzoletto di spiaggia libera, si prova a ricercare se stessi per rimettere ordine ai propri obiettivi personali (circa il 40% per gli abitanti del nordest).

Interessante notare come 1 italiano su tre, al rientro delle vacanze, riparta dalla propria abitazione come fulcro e punto di partenza di tutte le altre attività legate a sé ed alla sua famiglia.

Siamo appena rientrati dalle vacanze ma per alcuni il motto è: vivo in vacanza da una vita! In realtà sappiamo che il mese di settembre per alcuni è il periodo ideale per trascorrere delle vacanze tranquille e con costi accessibili (30%).

Miglioramento delle lingue ed apprendere nuove “abilità” in termini professionali riguarda un abitante su 5.

In generale possiamo dire che il rientro dalle vacanze è sempre un momento di cambiamento importante e la prima rilevazione dell’Osservatorio dell’Abitante lo conferma.

Su www.habitante.it maggiori approfondimenti sull’analisi in corso.

HABITANTE

Habitante SRL è una società di consulenza in marketing e comunicazione, nata da un progetto ideato per supportare l’Osservatorio sulla Casa di Leroy Merlin Italia e sviluppato insieme a Unione Nazionale Consumatori. Punto di esplorazione, osservazione e riflessione, mette al centro i consumi dell’abitante italiano e racconta la realtà delle case e delle differenti forme dell’abitare in base alle diverse culture.

OSSERVATORIO NAZIONALE DELL’ABITANTE

Habitante lancia l’Osservatorio Nazionale dell’Abitante con l’obiettivo di diventare punto di riferimento delle informazioni sugli abitanti italiani: dai dati che raccoglierà ogni mese, con particolare attenzione alle tendenze mensili delle abitudini italiane, l’ONA costruirà un calendario dell’abitante felice. Raccogliendo e analizzando i dati dalla ricerca, l’Osservato- rio avrà particolare attenzione a ciò che agli italiani piace fare, pensare, acquistare e cambiare per rendere migliore la propria vita.

LA GESTIONE DELLA CRONICITÀ LA VERA EMERGENZA: IL CONGRESSO ALLA POLITECNICA

In una società che invecchia la gestione della cronicità è la vera emergenza. Questo il tema su cui lavoreranno dal 20 al 23 settembre, circa 1000 specialisti, al convegno della Società Italiana di Medicina Fisica e Riabilitativa dal titolo "Centralità e opportunità della Riabilitazione nei sistemi sanitari".




La città di Ancona ospita per la prima volta il congresso nazionale Simfer, terza volta nelle Marche a 22 anni dal XXIII Congresso Nazionale di Pesaro che vedeva come presidente l'indimenticato Pasquale Pace, e a 10 anni dal XXXV congresso nazionale di San Benedetto del Tronto, presieduto da Lorenzo Agostini. Il congresso si tiene alla Facoltà di Ingegneria dell'Università Politecnica delle Marche nel Polo Monte Dago, sono attesi circa 1000 specialisti dall’Italia e dal Mondo e 300 relatori circa.

Ad inaugurare il congresso, giovedì 20 settembre alle ore 18:15, il Rettore dell’Università Politecnica delle Marche, Sauro Longhi, con una lezione sulle Tecnologie assistive per una vita indipendente: “ogni sistema artificiale intelligente – afferma il prof. Longhi - ha capacità di adattarsi, comprendere la differenza che si trova di fronte e reagire. Esistono delle carrozzine che possono trasportare autonomamente le persone senza una guida del soggetto perché percepiscono gli ostacoli dell'ambiente e calcolano le soluzioni. Queste carrozzine intelligenti si adattano e comprendono l'ambiente circostante. Sono sistemi prodotti e pensati dall'uomo quindi frutto della pianificazione dell'uomo, non esistono oggi condizioni affinché i robot possano costruire altri robot”.

“L’attenzione alle nuove tecnologie è evidente, e direi inevitabile, nell’impostazione del Congresso – spiega Oriano Mercante Presidente del Congresso - ma il taglio proposto è orientato alla gestione della cronicità, vera “emergenza” degli anni futuri in una società che invecchia sempre più. Se una persona con patologia cronica è per definizione una persona affetta da una malattia di lunga durata, tendenzialmente lunga quanto la vita del soggetto, è chiaro che la cronicità è destinata ad assorbire progressivamente sempre maggiori risorse economiche ma è anche l’oggetto di sempre maggiori ricerche che inevitabilmente svilupperanno, in una positiva ottimistica visione razionale, soluzioni tecnologiche sempre più avanzate ed efficaci".

Saranno presenti relatori di primo piano per discutere i temi del congresso come l’ex rettrice della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, anche ex-ministro dell’Istruzione e della Ricerca scientifica, Maria Chiara Carrozza che terrà una lettura su Robot Companions: vivere ed invecchiare con i robot, venerdì 21 settembre, alle ore 9:00 durante la sessione su “Continuità socio-assistenziale, appropriatezza e sostenibilità in riabilitazione robotica e bioingegneria" in collaborazione con la Facoltà di Ingegneria dell'Università Politecnica Marche introdotta dalla Prof.ssa Maria Gabriella Ceravolo.

MEETING INTERNAZIONALE DI BIOINFORMATICA E BIOLOGIA COMPUTAZIONALE - EDIZIONE 2018

ANCORA TEMPO PER INVIARE CONTRIBUTI

Data rinviata dal 15 al 30 settembre per l'invio di  contributi per il prossimo meeting di Bioinformatica e Biologia Computazionale 2018 (BBCC2018). L'evento, di portata internazionale, si ripropone  il prossimo 19-21 Novembre a Napoli al Centro Congressi dell'Università Parthenope. 
I contributi possono essere inviati come presentazioni orali che per la 'poster session'. 

La novità di quest'anno è rappresentata dalla possibilità di partecipare anche al 'Premio come Miglior Contributo Scientifico al Meeting' 

In più i contributi verranno pubblicati al termine della conferenza, come avvenuto per la scorsa edizione 2017 

Lo storico BBCC meeting nasce nel 2006 allo scopo di diffondere le principali scoperte nel campo della Bioinformatica e Biologia Computazionale. Inizialmente ristretto al solo territorio campano, il Meeting nel tempo è diventato di portata internazionale. 

L'evento è organizzato dal Dr. A.Facchiano dell'Istituto CNR di Scienze dell'alimentazione di Avellino e vede il contribto di tanti altri sponsor. Per maggiori informazioni visitare il sito web.

Non resta che attendere il  contributo (entro il 30) da parte di tutti i Bioinformatici, Matematici, Bioingegneri, Biomatematici e figure border-simpatizzanti. 

Appuntamento nello splendido capoluogo partenopeo: 19-21 Novembre 2018.

lunedì 17 settembre 2018

OLTRE IL NUDGE. LIBERTÀ DI SCELTA, FELICITÀ E COMPORTAMENTO


Siamo esseri razionali, ma con una razionalità limitata dall’incertezza dell’ambiente in cui siamo quotidianamente immersi e dalle caratteristiche della nostra mente. 

Questa duplice condizione ci porta a prendere decisioni talvolta imperfette da un punto di vista economico. Non solo nel privato: anche come cittadini siamo soggetti a molte deviazioni dalla razionalità. 

A questo proposito il premio Nobel per l’economia Richard H. Thaler ed il giurista Cass Sunstein hanno coniato il termine «nudge»: a indicare una «spinta gentile» che lo Stato può fornire al fine di farci prendere decisioni efficaci in diversi ambiti cruciali della nostra vita, come la salute (fare o non fare i vaccini) e l’economia (sottoscrivere o meno una pensione integrativa).

Tra i fondatori della finanza comportamentale, Thaler ha studiato come le limitazioni cognitive influenzano i mercati finanziari. Al fine di spiegare come gli individui semplifichino il processo decisionale sulle questioni finanziarie, Thaler ha sviluppato la teoria della contabilità mentale (mental accounting). Secondo questa modellizzazione, gli agenti creano conti (ad esempio sal- vadanai) separati nelle loro menti, concentrando le decisioni di spesa sulla disponibilità asse- gnata alla singola voce di spesa, in luogo di riferirsi all'impatto complessivo delle scelte12. Nelle sue ricerche ha mostrato come l'avversione alle perdite possa spiegare il motivo per cui al medesimo bene venga attribuito un valore maggiore nel caso in cui il bene sia posseduto ri- spetto a quando non lo sia, definendo tale fenomeno effetto di dotazione (endowment effect).

Nel presentare una nuova versione del «nudge», aggiornata alle recenti scoperte delle scienze comportamentali, il volume illustra i processi cognitivi che sottendono il successo delle strategie e delle politiche utili al nostro benessere e alla nostra felicità.


OONE: DAL VENETO TRASFORMA LE IMPRESE ITALIANE IN MULTINAZIONALI

Da Padova, l’innovativa startup che mette in contatto aziende con professionisti ed esperti da tutto il globo



Una startup veneta che sta aiutando piccole e medie imprese ad esportare il proprio business all'estero. Lanciata solo pochi mesi fa, ha già 150 partners a bordo e ha ricevuto il premio Concentrato di innovazione, conferito dalla Camera di Commercio di Padova, e il supporto del Galileo Visionary District, punto di riferimento per la crescita d’impresa promosso dall’Università di Padova.