Pagine

domenica 7 agosto 2022

Come diventare giornalista enogastronomico



Ci sono un paio di ambiti nel mondo della scrittura che sembrano avere un fascino universale: la scrittura di viaggi e la scrittura di cibo

Essere pagati per mangiare: cosa potrebbe esserci di meglio, giusto? La scrittura del food è ormai una delle specialità di molti vip della tv. E ad essere onesti, è più facile di quanto molte persone pensino  entrare in quest'area di settore. 

Ecco come puoi diventare giornalista o editor enogastronomico anche senza o con poca esperienza.

Chi scrive si è appassionato alla scrittura di cibo da almeno 12 anni:  un mio amico è un pasticcere e nel 2010, proprio mentre stavo iniziando la mia carriera da freelance, ho scritto un articolo su di lui.

Ho presentato l'articolo a una nota rivista italiana e mi è stato commissionato, acquistato e pagato. Capirete anche la gioia del mio amico. 

Quali sono i requisiti educativi per essere uno scrittore di cibo?

In verità, non ce ne sono. Inizialmente pensavo di diventare un food writer, ma avrei dovuto fare un corso di food writing. Non mi interessava criticare il cibo e non avevo frequentato alcun corso sulla scrittura sul cibo. Ma avevo una passione per il cibo (e mangiare!) ed ero uno scrittore freelance.

Quindi, nella mia preparazione per diventare freelance a tempo pieno, ho deciso di dedicarmi alla scrittura di cibo come una delle mie specialità.

Due anni dopo la pubblicazione di quell'articolo, la rivista iniziò a commissionarmi altri articoli sulla critica enogastronomica.  Capite bene che la cosa iniziava a preoccuparmi. Io avevo qualche abilità nella scrittura creativa ma scarse conoscenze di enogastronomia o di critica enogastronomica.

È per questo che decisi di iscrivermi Corso di Food Writing - Giornalismo Enogastronomico della Accademia Telematica Europea. Un ente che conoscevo da almeno un decennio e che mi aveva già dato prova di estrema serietà. 


Come diventare uno scrittore di contenuti enogastronomici

1. Trova la "tua" nicchia di mercato 

Sempre più credo che il successo nella scrittura freelance dipenda dalle realtà particolari.

Se vuoi diventare uno scrittore di cibo, pensa a cos'altro ti interessa e lancia storie in quel settore poco battuto. È un'equazione che può andare più o meno così: cibo + viaggi, cibo + agricoltura, cibo + innovazione, cibo + background culturale, cibo + tendenze, cibo + storia, cibo + occupazione, cibo + salute.

Il cibo è universale e, qualunque sia la tua nicchia, credo che tu possa trovare un incrocio che includa il cibo.

Conosco un blog in cui l'attenzione è concentrata sul cibo nei parchi a tema Disney, c'è un sito Web dedicato esclusivamente alla colazione e al brunch, ci sono numerosi siti Web su cibi eccentrici e che stimolano la curiosità.

Quindi, qualunque sia il tuo cibo preferito, c'è molto spazio per tutti noi.


2. Scopri che tipo di scrittore del food vuoi essere

Pensa al tipo di articoli che vuoi scrivere. Vuoi scrivere e testare nuovi ristoranti? Vuoi esplorare il cibo per quanto riguarda la sostenibilità? O forse vuoi guardare al turismo enogastronomico? 

Il vantaggio di pensare a che tipo di scrittura alimentare vuoi fare è restringere il campo delle pubblicazioni che vuoi presentare.

Ciò significa non solo pensare a riviste di cibo, sezioni di cibo di giornali o siti Web di cibo, ma anche a pubblicazioni nelle tue altre nicchie.

Forse sei un appassionato di attività all'aria aperta: perché non presentare un articolo sui migliori cibi da portare in un'escursione di più giorni?


3. "Nuovo" è uno dei modi più semplici per essere pubblicato

Ho messo piede sulla porta con la scrittura di cibo concentrandomi sulle tendenze e sulle aperture di caffè o ristoranti. Ci sono ristoranti o bar vicino a te che stanno per aprire?

C'è qualcuno al mercato agricolo locale che coltiva una varietà unica di ortaggi o utilizza nuove tecniche agricole?

Stai notando qualche tendenza quando esci a mangiare?

L'editore chiede sempre: "perché dovrei pubblicare questa storia ora?" E se tu riesci a dargli una motivazione, la pubblicherà.

Ma ho soddisfatto la mia curiosità o i miei desideri anche in altri ambiti.

Ad esempio, come amante della cucina etnica, o unito le mie passioni per i viaggi e il cibo esotico. Inoltre sono molto sensibile ai temi della ecosostebibilità . E come persona che cerca di ridurre consapevolmente la quantità di rifiuti alimentari che creo, è stato affascinante parlare con persone che stanno facendo la differenza in questo settore.

Tieni gli occhi aperti per nuove aperture o tendenze alimentari e sarai sulla buona strada.


4. Tieni sempre conto dei tuoi valori, pregiudizi e convinzioni

La scrittura di cibo ha ampliato i miei orizzonti da freelance: vedo spiragli per parlar di cibo quasi in ogni occasione. 

Ma scrivere di cibo può essere incredibilmente complesso, soprattutto se sei qualcuno che pensa che il cibo non sia politico.

Se sei uno scrittore di cibo, specialmente se stai scrivendo articoli sul "cibo degli altri", ti consiglio davvero di dare un'occhiata ad alcuni podcast come questo e leggere articoli che approfondiscono le complessità del cibo tradizionale dominato dai bianchi media.

Non sono un esperto e ho ancora molto da imparare in quest'area, ma scrivere di cibo è una delle grandi gioie della mia vita di scrittore.


Gustavo A.


giovedì 4 agosto 2022

App per monitorare lo stato di salute


La tecnologia fa passi da gigante migliorando di giorno in giorno la qualità delle nostre vite. Grazie ai nostri smartphone è possibile installare delle comode e semplici, nonché gratuite, app per fare praticamente qualsiasi cosa e questo indipendentemente dal nostro dispositivo, sia questo Android oppure iOS.


Nell’articolo di oggi vogliamo mostrarvi delle app molto interessanti che vi permetteranno di monitorare i vostri parametri vitali. Certo, non potranno mai sostituire gli strumenti medici fatti apposta per effettuare questo genere di operazioni, ma possono comunque risultare utili se, ad esempio, siamo per strada e non abbiamo possibilità di avvalersi di mezzi professionali.


Di seguito troverai alcune app per monitorare il tuo stato di salute, utilissime da installare sul tuo dispositivo iOS o Android e da portare sempre con te ed utilizzare ogni volta che ne avrai bisogno. Si tratta di app gratuite e facilmente scaricabili sul tuo dispositivo, non ti rimane che proseguire nella lettura e scoprirle nel dettaglio.

App per la misurazione della febbre

Quando ci sentiamo poco bene, uno dei primi segnali che il nostro corpo ci dà è certamente l’innalzamento della temperatura corporea, che può tranquillamente superare i 37 gradi centigradi. Lo strumento migliore per misurare la febbre è il termometro ma se non ne abbiamo uno con noi, possiamo prendere in considerazione l’idea di scaricare un app.


Una delle app più interessanti per fare questo si chiama per l’appunto Temperatura Corporea e puoi scaricarla direttamente dal Play Store. Le potenzialità di questa comoda ed intuitiva app sono davvero straordinarie. L’app ti permette di creare un vero e proprio diario della temperatura corporea in modo tale da effettuare diverse misurazioni nel corso del tempo.


L’app è in grado di misurare anche le pulsazioni del tuo cuore fornendoti quindi una panoramica completa sul tuo stato di salute attuale. Attraverso questa app hai anche la possibilità di inserire delle pratiche note, in questo modo potrai appuntare se quando hai riscontrato una temperatura più alta del normale ti trovavi in uno stato psicologico particolare o avevi avuto una giornata difficile.


L’app, infine, ti mostrerà grafici e tabelle per poter avere sempre a disposizione un monitoraggio approfondito dei tuoi parametri. Temperatura Corporea non è l’unica app per misurare la febbre, trovi una lista dettagliata qui.


App per misurare la pressione

Un altro valore da tenere sotto controllo è certamente la pressione arteriosa. Il cuore, infatti, è molto simile ad una pompa e la pressione arteriosa non è altro che la pressione che il muscolo cardiaco esercita per far circolare il sangue all’interno del nostro corpo.


Il valore della pressione è misurabile attraverso due numeri: il primo rappresenta la pressione sistolica ed il secondo valore si riferisce a quella diastolica.  Una pressione arteriosa nella norma è compresa tra i 120-130 e i 80-85. 


Solitamente la pressione arteriosa viene misurata attraverso il manometro, uno strumento medico dedicato proprio a questo. Se sei in giro e non hai disposizione un manometro, tuttavia, alcune app possono venirti incontro ed aiutarti in una misurazione rapida. 


L’app più utilizzata per misurare la pressione sanguigna è al momento Blood Pressure che trovi sul Google Play Store. 


App saturimetro per la misurazione della saturazione dell’ossigeno

Un altro parametro decisamente importante che serve per monitorare il nostro stato di salute generale è la saturazione dell’ossigeno che, soprattutto in epoca Covid-19 ha rappresentato un valore da tenere sotto controllo.


Ma quali sono i valori di riferimento da tenere in considerazione? Ebbene un buon livello di saturazione di ossigeno si attesta intorno al 95% fino ad arrivare al 100% in persone allenate e dedite allo sport. Se il valore è inferiore a 95% allora potremmo andare incontro ad una carenza di ossigeno ed è quindi bene correre subito ai ripari.


La saturazione dell’ossigeno si misura attraverso un apposito strumento chiamato per l’appunto saturimetro. Si tratta di un piccolo macchinario da stringere attorno al dito indice e che, in pochi secondi, è in grado di restituirci il valore della nostra saturazione. 


Anche in questo caso esiste un app che ci consente di misurare la saturazione dell’ossigeno. Questa app si chiama Saturimetro da dito e puoi scaricarla dal Google Play Store.


Come abbiamo avuto modo di vedere, esistono app per qualsiasi cosa ed, in questo caso, possono rivelarsi davvero utili per tenere sempre a portata di mano un piccolo quadro clinico virtuale sullo stato di salute generale e sui parametri vitali principali.


Ovviamente, si tratta di strumenti caserecci non paragonabili a quelli medici. Il consiglio è sempre quello di rivolgerti ad un medico o recarti presso il nosocomio più vicino se ti senti male. Le app possono fungere da indicatore per il tuo stato di salute attuale ma non possono in alcun modo sostituire il parere di un medico professionista.


Usale quindi con cautela o divertiti semplicemente a misurare i valori del tuo corpo e tenere uno storico di essi, ma rivolgiti ad una persona competente in caso di bisogno. Queste app, come abbiamo visto, sono utili per monitorare il tuo stato di salute, ti consiglio di provarle tutte ed avere così una panoramica dettagliata sul tuo corpo.

domenica 31 luglio 2022

I MIGLIORI CORSI DI INTERIOR DESIGN

Sia che vogliate dedicarvi alla professione di Interior Designer, come Andrea Castrignano o Ludovica e Roberto Palomba, Fabio Novembreo Matteo Thun, Piero Lissoni o Luca Bombassei, solo per citarne alcuni? Sia che vogliate avvicinarvi per passione, in Italia dovrete scegliere tra decine di corsi accademici, master e corsi brevi dove accumulare esperienza nella progettazione di arredi, nell'allestimento di luci, e nelle modalità grafiche di rappresentazione e comunicazione del progetto di un ambiente arredato. 

corsi di interior design

Il giusto metro di giudizio di questi corsi è la professionalità e il successo di chi da questi corsi è uscito, e dunque perché non leggere qualche intervista in rete di chi è riuscito a fare di una passione una professione?   Solo seguendo le orme dei designers si può star certi di individuare quelli che vengono considerati i centri di eccellenza in Italia.