Pagine

lunedì 13 settembre 2021

Borse di Studio: Università Popolare degli Studi di Milano: 50.000,00 euro di borse di studio

 


L’Università Popolare degli Studi di Milano, università telematica di diritto internazionale, ha donato 50 mila euro alla Compagnia Africana per borse di studio in favore di studenti meritevoli in difficoltà economica, di origine africana residenti o presenti in forma legale nel territorio UE. 

La donazione è stata formalizzata con una cerimonia con la presenza del Presidente dell’Università Professor Marco Grappeggia e Koffi Michel Fadonougho rappresentante di Associazione Città Mondo del Comune di Milano e Compagnia Africana. 

Secondo quanto osservato dall’Ateneo negli ultimi anni c’è stata un notevole aumento di richieste di iscrizioni ai corsi da parte di studenti provenienti da paesi in via di sviluppo, soprattutto del continente africano. 

Oltre alla donazione, l’Ateneo ha dato vita ad un Polo scientifico universitario di Istruzione, Studio e Ricerca delle Migrazioni, che sarà guidato dal Prof. Dott. Nicola Crozzoletti, Vice presidente e Titolare di Cattedra universitaria in Psicologia clinica e dell’Educazione, puntando a convogliare in un’unica struttura le realtà universitarie dei paesi terzi, valorizzando l’importanza delle relazioni e delle differenze culturali, integrandole all’interno di un curriculum studi europeo internazionale, favorendo una maggior proponibilità del titolo attraverso l’aspetto multiculturale come valore aggiunto. 

“Crediamo in un mondo che possa essere migliore e più meritocratico, e ci chiediamo spesso che cosa possiamo fare noi in concreto.– Ha dichiarato il Presidente Grappeggia –Per questo abbiamo deciso di realizzare questa importante iniziativa rivolta esclusivamente a studenti migranti, troppo spesso abbandonati, orfani delle istituzioni. Il fondo è già disponibile per i primi candidati. L’Università Popolare degli Studi di Milano è da sempre animata da una cultura internazionale, da un senso di comune fratellanza tra i popoli e da un “credo” del sapere che va al di là delle dogane. 

È indubbio, infatti, che la conoscenza intercontinentale è la vera risposta per un mondo migliore. Con questo progetto altre donne e uomini nel mondo potranno studiare e accrescere la loro conoscenza e la loro cultura”. 

“Per perseguire un progresso tecnologico, scientifico, ma anche sociale, c’è bisogno di persone preparate e competenti, al di là della loro nazionalità di origine. Purtroppo, però, vediamo spesso individui brillanti relegati a ruoli marginali, e posizioni apicali ricoperte da persone che non sempre posseggono le giuste competenze o la giusta impostazione mentale per fare la differenza. – Ha aggiunto il Prof. Dott.Nicola Crozzoletti. 

L’Università Popolare degli Studi di Milano con sede in Lombardia e nel Lazio, si rivolge a studenti e professionisti che desiderano consolidare o riprendere il loro percorso accademico. Attiva dal 1901, si caratterizza per la lunga esperienza unita all’innovazione che si esplica attraverso il sostegno alla ricerca e promozione costante di borse di studio, incontri tra centri di ricerca e impresa.  


    


martedì 31 agosto 2021

Sviluppo web e mondo del lavoro: tendenze e previsioni occupazionali

Che internet abbia cambiato le nostre vite in modi che soltanto 50 anni non sarebbe neppure stato possibile immaginare è assolutamente fuori di dubbio. Il merito di questa vera e propria rivoluzione è da attribuire in grandissima parte a tutti gli sviluppatori web che lavorano da dietro le quinte dei browser che utilizziamo giornalmente. Qualsiasi sito, da quello più piccolo e semplice alle grandi piattaforme di streaming o social, senza l’apporto decisivo di un web developer non esisterebbero. 

telelavoro
immagine pixabay


Proprio per l’importanza che il ruolo di queste figure professionali hanno acquisito nel tempo, molte persone si sono avvicinate al mondo della programmazione per provare a costruire una carriera di successo all’interno di grande aziende o magari da freelance.
Fare il primo passo per provare entrare in un ambiente che sembra fatto esclusivamente per gli appassionati di tecnologia può essere difficile, ma in realtà, una volta scelto il percorso formativo giusto, entrare nel giro, in virtù dell’enorme richiesta da parte del mercato del lavoro, può risultare particolarmente agevole. Come detto, basta un corso da web developer di livello come quello proposto da aulab – un bootcamp immersivo della durata di 3 mesi in cui viene dato tantissimo spazio all’aspetto pratico proprio nell’ottica dell’immediato inserimento nel mondo del lavoro – e tanto, tanto impegno, per poter avere in mano le carte giuste da potersi giocare per trovare uno sbocco occupazionale con ottime possibilità di carriera. 



Prospettive occupazionali


La domanda di figure inerenti la programmazione web è in continua crescita e aumenta regolarmente ogni anno, spesso superando ogni previsione effettuata dagli esperti. 

Si pensa che soltanto negli Stati Uniti il numero dei web developer sfonderà la soglia delle 19 mila unità entro il 2029, con una crescita di quasi il 10% rispetto ai dati occupazionali attuali. Un aumento che è addirittura superiore a quello di settori già lanciatissimi come quello dell’e-commerce, e che anche nel resto del mondo è destinato a riscontrare aumenti simili e a fornire delle ottime possibilità di lavoro soprattutto ai soggetti più giovani. 


Nello specifico, si prevede che le figure più ricercate dal mercato resteranno quelle full-stack, con un aumento previsto che supererà il 40%. La possibilità per un’azienda di avere dei professionisti con una preparazione a tutto tondo e impiegabili in tutte le fasi della programmazione web, rende questo tipo di sviluppatori molto richiesti.

Per farla breve, davanti a un’espansione di internet che pare inarrestabile e con una società che non può più fare a meno degli strumenti e dalla possibilità offerte dalla rete, tutte le figure legate alla programmazione web non potranno che continuare a essere richieste, con preferenza per quei professionisti con una formazione superiore e versatile.


Quanto guadagna un web developer?


Come già anticipato uno sviluppatore web può trovare impiego all’interno di tantissime aziende che operano in ambito tecnologico, ma può altresì decidere di lavorare per conto proprio sia all’interno di un’iniziativa imprenditoriale privata, ma anche come freelance, sfruttando le grandi potenzialità del mercato globale
In base a questo tipo di differenziazione operativa, ma anche in relazione all’area in cui lo sviluppatore opera, in base alle caratteristiche della sua formazione e in virtù dell’esperienza acquisita, possiamo anticipare che la forbice per ciò che concerne lo stipendio medio di questo tipo di professionista risulta essere particolarmente ampia. 

Giusto per fare qualche esempio sempre all’interno del territorio americano, si va dai 50 mila dollari a punte di 90 mila. Ovviamente, come detto, contano tanto le competenze e la capacità di trovare un posto da protagonista all’interno di nicchie particolarmente remunerative, e bisogna considerare che il costo della vita negli States è decisamente più elevato rispetto ai paesi europei e di conseguenza anche gli stipendi risultano essere più elevati.
In Italia un web developer guadagna una cifra media che si aggira ai 25 mila euro annui.

giovedì 26 agosto 2021

Crearsi un portafoglio di investimento: ecco come fare


Al giorno d’oggi può essere davvero semplice investire, creandosi il proprio portafoglio di fondi personalizzati più svariati. Cercando online si possono trovare diversi tipi di possibilità di investimento con categorie di rischio diverse. Certamente per limitare il rischio è necessario avere un portafoglio fondi abbastanza vario e suddiviso in investimenti sia a lungo che a breve termine, inoltre è necessario avere pazienza e non aver fretta di ottenere i primi risultati. Tra le tipologie di investimento che negli ultimi anni stanno crescendo sempre più troviamo i fondi sostenibili (ESG), la gestione patrimoniale, il portafoglio modello oppure il fondo bilanciato, comunque online si possono trovare i migliori portafogli virtuali.

 

Qualche approfondimento sui portafogli modello

 

Le modalità di investimento possono essere molteplici, infatti si può investire risparmi in fondi comuni o in un portafoglioazionario, quest'ultimo in particolar modo ha riscosso grande successo nei portafogli modello. Questo tipo di portafoglio si basa su asset class, consentendo agli investitori di parametrizzare gli investimenti per una migliore gestione del rischio. Questo tipo di portafoglio si basa su metodi quantitativi, quindi può contenere le azioni e i titoli più diversi, come i titoli ESG. Grazie all'utilizzo di portafogli modello, anche chi non ha una vasta esperienza di investimento può investire, proprio perché modellato sugli investitori e sulle loro capacità economiche. Online puoi trovare e selezionare il miglior portafoglio virtuale e iniziare ad investire.

 

Fondo Bilanciato

 

Il fondo bilanciato costituisce un organismo di investimento collettivo, che reinveste le risorse di più risparmiatori come risparmiatore, ed emette azioni per ciascun risparmiatore. Il fondo bilanciato globale può comportare investimenti nel mercato azionario e obbligazionario. Il fondo interno bilanciato globale èun investimento a rischio medio, ovviamente questo rischio varia a seconda del rapporto tra titoli di investimento e titoli di investimento, si può dire che il rischio aumenta con l'aumento dei contributi azionari. Per quanto riguarda i costi, invece, il fondo bilanciato prevede i costi di accesso e le spese di gestione annuali.

 

 

Fondi sostenibilità ambientale

 

I fondi ESG stanno per fondi di investimento sostenibili e si basano sui titoli di società quotate nel mercato finanziario che si concentrano sullo sviluppo sostenibile. Il concetto di sostenibilità deve fare riferimento ai 17 obiettivi delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile, ovvero contrastare il cambiamento climatico e proteggere l'ambiente, tutelare la pari dignità sociale e l'uguaglianza di genere. Tutti questi concetti sono riassunti nel nome dell'ESG Fund, il cui acronimo sta per ambiente, società e governance, ed è ormai diventato uno dei punti focali della politica internazionale, a quanto pare con la pandemia di Covid-19. Negli ultimi anni, l'investimento in tali fondi sostenibili è cresciuto in modo esponenziale, tanto che ci sono 3.000 fondi in Europa e circa 5.000 fondi a livello globale. Inoltre, la redditività dei fondi ESG, soprattutto nel 2020, ha fatto cambiare idea a molti esperti che in passato li ritenevano un investimento poco efficace.Certo, i fondi ESG legano la loro ricchezza alla particolare attenzione che la sostenibilità ha ricevuto nel dibattito mondiale, ed è per questo che si sono rivelati ottimi investimenti di lungo periodo.