mercoledì 25 aprile 2018

GAIA: ECCO IL SECONDO IDENTIKIT DI QUASI DUE MILIARDI DI STELLE DELLA VIA LATTEA

Viene rilasciato oggi il secondo catalogo stellare prodotto dalla missione Gaia dell’Agenzia Spaziale Europea: di fatto esso sarà fino al prossimo rilascio il più dettagliato e più grande catalogo esistente. 

La Via Lattea e le galassie vicine riprese da Gaia. L’immagine è stata ottenuta dalle misure di quasi 1,7 miliardi di stelle. Acknowledgement: Gaia Data Processing and Analysis Consortium (DPAC); A. Moitinho / A. F. Silva / M. Barros / C. Barata, University of Lisbon, Portugal; H. Savietto, Fork Research, Portugal.


Nel catalogo - spiega Marco Galliani Capo Ufficio Stampa INAF in un comunicato  - sono state censite quasi un miliardo e settecento milioni di stelle della nostra Galassia, la Via Lattea, con informazioni di precisione sulla loro posizione, la velocità con cui si spostano e alcune loro proprietà fisiche. Ma non solo: sono state misurate le posizioni di oltre 14 mila nuovi asteroidi nel nostro Sistema solare e di mezzo milione di quasar nell’Universo più remoto, galassie assai distanti la cui enorme luminosità proviene dall’energia emessa dal loro buco nero centrale supermassiccio.
Queste ultime rappresentano la prima realizzazione nella banda della luce visibile del sistema di riferimento celeste per la navigazione spazio-temporale.

martedì 24 aprile 2018

LA PRIMA FOTOGRAFIA UFFICIALE DELL’AUTISMO IN ITALIA: COLPISCE CIRCA 1 BAMBINO SU 100

Per la prima volta un dato ufficiale sulla prevalenza dei disturbi dello spettro autistico: se ne parlerà al convegno Erickson: Autismi, benessere e sostenibilità 4-5 maggio, Rimini.

autismo

Grazie ad ASDEU (Autism Spectrum Disorder in European Union), progetto europeo biennale finanziato dalla Commissione Europea, arrivano oggi in Italia i dati definitivi della prevalenza dei disturbi dello spettro autistico: circa 1 bambino italiano su 100 è colpito da autismo.

domenica 22 aprile 2018

SEMINARIO: DALLA PROGETTAZIONE CON SOLIDWORKS ALLA STAMPA 3D IN METALLO

La progettazione e la produzione di parti in metallo con la manifattura additiva e sottrattiva.


SOLIDWORKS

SolidWorld, in collaborazione con SolidCAM Italia ed Energy Group, società appartenenti a THE3DGROUP, vi invitano al seminario gratuito che si terrà a Vicenza Giovedì 10 Maggio 2018.

In questa occasione verranno presentate le soluzioni 3D integrate per il Digital Manufacturing: dalla scansione 3D alla modellazione con SolidWorks, dalla Stampa 3D alla programmazione del percorso utensile.

Giovedì 10 Maggio 2018
Vicenza Convention Centre
All’interno del quartiere fieristico Vicentino Area 8.1, sala Canova, ingresso Ovest
Programma

14:00 – Registrazione
14:30 – Inizio lavori e introduzione
14:40 – EVIXSCAN scansione 3D: tecnologie avanzate per il reverse Engineering e la misurazione per il controllo di qualità
15:00 – SOLIDWORKS Advanced Design: la soluzione completa per la progettazione, la simulazione e la gestione dei dati di prodotto
15:45 – Coffee break
16:15 – Additive manufacturing: sistemi di stampa 3D professionali STRATASYS
16:30 – Stampa 3D di parti in metallo: l’innovativa soluzione Desktop Metal
17:00 – SOLIDCAM e IMACHINING subtractive manufacturing: soluzioni di produzione connessa alla progettazione
17:30 – Sessione di Q&A e aperitivo finale

Iscriviti per partecipare gratuitamente: https://bit.ly/2Ezcsio



sabato 21 aprile 2018

TAROCCHI GRATIS, FATTURE ASSENTI. CHI LAVORA NELL'OCCULTO NON CONOSCE CRISI

Maghi e fattucchiere che promettono di leggere tarocchi gratis, cartomanti e veggenti non conoscono crisi: i dati confermano che anche quest'anno almeno tredici milioni di italiani si affidano a questi professionisti per pianificare il proprio futuro. Un numero  in continua crescita dall'inizio del millennio.

TAROCCHI GRATIS

Astrologi, cartomanti, veggenti, che si propongo su siti in cui promettono tarocchi gratis (sic!)  non sono passati di moda con il Medioevo ma, nonostante la scienza abbia spazzato via ogni dubbi e ormai dimostrato da secoli l'infondatezza dei loro oracoli, questi signori (e signore) non conoscono crisi: forse perché il periodo post crisi spinge la gente a cercare continue certezze.

domenica 15 aprile 2018

BRIAN COX: PAURA PER IL NOSTRO PIANETA. LA BREXIT? INDEBOLIRÀ L'EUROPA: MEGLIO RIFARE IL REFERENDUM

Professor Brian Cox OBE FRS.jpg
Prof. Bian Cox
foto di Duncan.Hull - CC BY-SA 4.0
"Penso che il mondo sia in una posizione quanto mai precaria, la più pericolosa mai accaduta durante la mia vita. Ovviamente parlo anche del potenziale di escalation in Siria. Gli Stati Uniti si stanno dirigendo verso una grave crisi costituzionale e ci sono segnali di allarme nell'economia globale".

È quanto ha dichiarato sul suo canale twitter questa sera il celebre scienziato e "rockstar scientist" britannico: una vera celebrità nei paesi di lingua inglese, tanto che i suoi spettacoli a pagamento costano quanto un concerto di un divo rock, forse perché Cox un divo rock lo è stato davvero. 

È infatti l'unico fisico delle particelle ad avere vinto un Mtv Awards, scalato le classifiche di "Top of the Pops" e suonato a fianco dei Backstreet Boys dal 1994 al 1997 (tanto durò la carriera con i Dare). Parliamo di Brian Cox, professore di fisica all'Università di Manchester e ricercatore all'esperimento ATLAS presso il Large Hadron Collider del CERN a Ginevra. Cox è stato descritto come il degno successore in BBC di stelle come David Attenborough e Patrick Moore. 
"Il Regno Unito ha un'influenza limitata, ma dato questo contesto penso che la brexit sia una distrazione terribile, indebolirà l'Europa proprio in un momento critico come questo. Non credo che in questo contesto la maggioranza [del Paese] ora sosterrebbe la brexit, ed è per questo che, per la prima volta, sosterrei un [nuovo]  referendum sull'accordo finale"



Bian Cox non è nuovo a riflessioni di tipo geopolitiche. A Torino, in occasione dell'unica sua tappa in Italia del 14 febbraio scorso, ebbe a dichiarare:

«Se superiamo i prossimi 10-20 anni e non ci distruggiamo, credo che diventeremo una civiltà multiplanetaria. Sarà inevitabile» 
Pochi mesi prima di morire, un altro grande fisico, Stephen Hawking, con cui Cox ha spesso lavorato, si dichiarava altrettanto scettico sulla sopravvivenza della razza umana sulla Terra 

Criticando aspramente il presidente degli Stati Uniti per la sua posizione sul cambiamento climatico a luglio del 2017 dichiarò alla BBC: 
"Donald Trump causerà evitabili danni ecologici al nostro pianeta negando l'evidenza del cambiamento climatico e abbandonando l'Accordo sul clima di Parigi".
Lo scienziato affermò in diverse occasioni  come la Terra fosse sull'orlo del collasso, per quanto riguarda il riscaldamento globale.  Il fisico temeva che la Terra potesse diventare inabitabile, sostenendo da tempo che la colonizzazione di altri pianeti fosse l'unica salvezza.