giovedì 30 agosto 2012

VOTIAMO LA FOTO PIU' BELLA DEL GIOCO FOTOGRAFICO DELL'ESTATE 2012


Abbinato al Carnevale della Fisica # 34 , il Gioco Fotografico dell'Estate 2012 vi invita a votare la foto che ritenete più bella e significativa tra quelle pervenute e inviate dai nostri lettori.



collegandovi alla pagina Facebook di Gravità Zero
e cliccando su "MI PIACE" sulla foto che desiderate vinca 



IL VINCITORE SCEGLIERA' UNO DEI PREMI 



mercoledì 29 agosto 2012

ACQUA: EVITARE GLI SPRECHI SI PUÒ

Il 70-80% delle risorse idriche utilizzate dall’uomo è impiegato per l’irrigazione agricola: per produrre un chilo di grano sono necessari 500 litri di acqua

E la crescente domanda di acqua è strettamente legata al continuo incremento della produzione alimentare e all’inquinamento idrico, che rende enormi volumi di acqua inadatti anche agli usi industriali. 

Tuttavia il modo per ridurre la nostra “impronta idrica” c’è, a partire dalla riduzione dei volumi di acqua dolce sottratta al ciclo naturale. 

Siamo oggi sulla Terra 7 miliardi.  Se continuiamo con questi ritmi di crescita, nel 2050 sul nostro pianeta vivranno 9 miliardi di persone. 

Per dissetarle, e nutrirle, occorrerà anche il 70% in più delle risorse idriche attualmente utilizzate. Ma l’acqua scarseggia già ora, come ricorda il rapporto del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (Unep), redatto in collaborazione con l’Istituto internazionale di gestione dell’acqua (Iwmi): “Attualmente 1,6 miliardi di persone vivono in condizioni di reale scarsità d’acqua, e il numero potrebbe presto salire a 2 miliardi se continuiamo così. 

Con le stesse tecniche agricole, la crescente urbanizzazione e le nostre abitudini alimentari, il fabbisogno d’acqua per l’agricoltura in termini di evapotraspirazione aumenterebbe dai 7.130 chilometri cubici attuali al 70-90% in più per nutrire 9 miliardi di persone entro il 2050″. 

Globalmente, gli esseri umani utilizzano il 54% di tutta l’acqua dolce accessibile, di cui il 70-80% viene utilizzato per l’irrigazione (fonte: UNESCO-WWAP 2003; UNESCO, 2009). 

Ciononostante oltre 1 miliardo di persone non ha accesso all’acqua potabile e metà della popolazione mondiale vive in paesi in cui il livello delle falde acquifere si sta abbassando e gli acquiferi sono in esaurimento. Ai problemi di carenza idrica locale e regionale si aggiunge l’inquinamento idrico che rende enormi volumi di acqua inadatti anche agli usi industriali. 

Ogni giorno, 2 milioni di tonnellate di rifiuti umani sono riversati nei corsi d’acqua e, nei paesi in via di sviluppo, fino al 70% delle acque reflue industriali viene smaltita, senza trattamenti, direttamente nel mare e nei fiumi. Ad oggi il 41% della popolazione mondiale vive in ambienti caratterizzati da “stress idrico severo” che indica l’assenza di acqua sufficiente a soddisfare i bisogni agricoli, industriali e domestici (fonte: World Resources Institute, 2000). 

Secondo le proiezioni della FAO, si prevede che, entro il 2025, questa percentuale arrivi a rappresentare due terzi della popolazione mondiale. Per quantificare l’impatto dell’agricoltura sui consumi idrici, basti pensare che ci vogliono 500 litri di acqua per ricavare un chilo di grano, 450 per una pannocchia di mais, 70 per produrre una sola mela (dati Unesco IHE). “Il settore agricolo è quindi chiamato a una sfida senza precedenti nella storia dell’umanità e l’innovazione, che include i fertilizzanti, gioca un ruolo decisivo poiché rappresenta l’unica possibilità per ottimizzare la produzione in modo sostenibile, riducendo gli sprechi. 

I fertilizzanti in particolare, reintegrando i terreni delle loro sostanze nutritive, contribuiscono a produrre alimenti senza la necessità di ampliare l’estensione delle terre coltivabili, con un risparmio idrico notevole in termini di irrigazione” afferma Francesco Caterini, presidente di Assofertilizzanti. 


Ma c’è anche un’altra strada per ridurre i consumi idrici. Mutti, che produce concentrato, passata e polpa di pomodoro, è la prima azienda in Italia, e tra le poche al mondo, ad aver calcolato i consumi di acqua della propria produzione, dalla coltivazione del pomodoro al prodotto finito, avvalendosi del supporto scientifico del WWF e del Dipartimento per l’Innovazione dei sistemi Biologici, Agroalimentari e Forestali dell’Università della Tuscia (Viterbo). “Mutti rappresenta un caso virtuoso essendo una delle prime aziende al mondo a quantificare, con la metodologia ufficiale del Water Footprint Network, un target di riduzione concreto, misurabile e sfidante” – dichiara Stuart Orr, responsabile Freshwater del WWF Internazionale – “Si tratta di un progetto innovativo che ha permesso di identificare soluzioni a maggiore efficienza, coinvolgendo attivamente la filiera agricola in percorsi virtuosi per l’ambiente”. Questo progetto sperimentale si basa su un effettivo calcolo dell’impronta idrica dell’intera filiera, ha preso in esame la quantità di acqua immagazzinata in ogni prodotto. 

Dato che l’83% dell’impronta idrica dell’azienda è dovuta alla coltivazione del pomodoro, è agli agricoltori che Mutti rivolge maggiormente la sua attenzione, con una campagna di sensibilizzazione e di supporto per razionalizzare l’uso delle risorse idriche impiegate per la coltivazione. Mutti si è impegnata ad agire per ridurre le due principali componenti dell’impronta idrica, quella blu relativa ai volumi di acqua dolce sottratta al ciclo naturale per scopi agricoli o industriali, e quella grigia relativa ai volumi di acqua inquinata. 


Fonte: Planet Inspired



Postato da Marco Grappeggia 

martedì 28 agosto 2012

SEI GIOVANE? TI PIACE IL TEATRO E LA COMUNICAZIONE? GUERRILLA SCIENCE TI ASPETTA

Dedicato a tutti i ragazzi che hanno voglia di misurarsi con un'esperienza formativa e coinvolgente (divertendosi magari anche un po') il Museo Tridentino di Scienze Naturali  apre un Bando nell'ambito del Servizio Civile internazionale.

"Guerrilla science - la scienza clandestina” è rivolto tutti i giovani appassionati di teatro e nuove forme di comunicazione. 
Ispirato alle azioni del "clown clandestino", il progetto aspira a divulgare la scienza in modo interattivo nella vita di tutti i giorni. 

L’obiettivo è di ideare e mettere in scena azioni a sorpresa in luoghi come bar, supermercati, uffici comunali ecc... che sappiano parlare di scienza. 

Cosa aspettate? La scadenza è il 10 settembre alle 14.00. 

Le domande vanno consegnate al Museo in Via Calepina 14 a Trento.

Maggiori info: http://www.mtsn.tn.it/serviziocivile/progetti.asp


Postato da Marco Grappeggia 

lunedì 27 agosto 2012

LA SCIENZA FA SPETTACOLO ALL'ISOLA DI EINSTEIN

L'isola di Einstein è un evento dedicato a scienza, tecnologia, natura e innovazione realizzato attraverso le tecniche più coinvolgenti della comunicazione scientifica e delle arti di strada. 

Si tratta di un'evento nato e progettato da Psiquadro e promosso da Provincia di Perugia e Perugia Science Fest

Dimostrazioni e spettacoli scientifici saranno presentati da esperti comunicatori scientifici italiani e stranieri che si ritroveranno in Umbria, nel meraviglioso contesto dell’Isola Polvese del Lago Trasimeno, per un evento unico nel panorama nazionale e internazionale. 

Appuntamento dunque il 9 settembre 2012 dalle ore 10 alle ore 19 a Isola Polvese, Lago Trasimeno, per trascorrere una giornata nella natura all'insegna del divertimento intelligente. 

L'evento è a ingresso gratuito. 

Ulteriori informazioni qui e qui.


Postato da Marco Grappeggia 

PRESIDENZIALI USA: LE DOMANDE DEI CITTADINI SULLE SCELTE SCIENTIFICHE DEI CANDIDATI

"Ogni volta che la gente è ben informata, ha fiducia del proprio governo"
Thomas Jefferson

Aggiungi didascalia
Il duello Romney-Obama per le prossime presidenziali si sta facendo sempre più acceso.
Ricordiamo come all'unanimità i Premi Nobel avessero appoggiato la campagna di Barack Obama nell'ottobre 2008. Gravità Zero ne parlo in un articolo intitolato "Tutti pazzi per Obama!"
E di come questo appoggio fu determinante per l'elezione del Presidente. 
Del resto Obama non ha mai nascosto il ruolo importante che la scienza può avere per le sorti, il futuro in un grande Paese come gli Stati Uniti. 


La Scienza colpisce ormai l'aspetto della vita quotidiana di ogni cittadino: influsce sull'economia, la qualità della vita e le prospettive future,  ed è un tema sempre più determinante nel processo decisionale di una nazione.

ScienceDebate.org ha invitato  migliaia di scienziati, ingegneri e cittadini a formulare domande sulle questioni scientifiche più importanti per la nazione e che i candidati alla presidenza dovrebbero discutere in vista delle presidenziali. 

Quali sono le più importanti questioni di politica nelle scelte scientifiche di fronte gli Stati Uniti?

Su  www.sciencedebate.org/questions.html le domande poste dai cittadini americani su cui i due candidati alla presidenza dovranno confrontarsi a breve.

1. Innovazione e l'economia. Scienza e  tecnologia sono stati responsabili di oltre la metà della crescita dell'economia statunitense dalla seconda guerra mondiale. Quali politiche intende intraprendere perché la sua scelta possa meglio garantire che l'America rimanga leader mondiale nell'innovazione? 

2. Cambiamento climatico. Il clima della Terra sta cambiando e c'è preoccupazione per i potenziali effetti negativi di tali cambiamenti sulla vita del pianeta. Qual è la sua posizione sul cap-and-trade, carbon tax, e le altre politiche proposte per affrontare il cambiamento climatico globale, e quali passi possiamo fare per migliorare la nostra capacità di affrontare le sfide come i cambiamenti climatici che valicano i confini nazionali? 

3. Ricerca e il futuro. La ricerca finanziata dal governo federale ha contribuito a produrre i maggiori risultati economici dell'America del dopoguerra e per garantire la nostra sicurezza nazionale, ma oggi il Regno Unito, Singapore, Cina, e la Corea stanno facendo investimenti competitivi nella ricerca. Dato che il prossimo Congresso si troverà ad affrontare vincoli di spesa, quali sono le priorità di investimento cui intende dare al suo mandato? 

4. Pandemie e di biosicurezza. Recenti esperimenti mostrano come l'influenza aviaria potrebbe diventare trasmissibile tra i mammiferi. In un'epoca di costanti e rapidi possibilità di spostamenti internazionali, quali misure gli Stati Uniti dovrebbero adottare per proteggere la nostra popolazione da malattie emergenti, pandemie globali e / o deliberati attacchi biologici? 

5. Istruzione. Sempre più spesso, l'economia globale è guidata da scienza, tecnologia, ingegneria e matematica, ma un recente confronto tra ragazzi di 15 anni di età in 65 paesi ha rilevato come le materie scientifiche raggiungano punteggi medi tra gli studenti USA che si collocano al 23° posto, mentre la media punteggi di matematica statunitensi si coloca al 31° posto. Secondo lei, perché gli studenti americani sono  rimasti indietro negli ultimi tre decenni rispetto alla media mondiale, e quale ruolo dovrebbe svolgere governo federale per preparare al meglio gli studenti di tutte le età per prepararsi a un mondo in cui l'economia globale è basata su scienza e la tecnologia? 

6. Energia. Molti politici e scienziati dicono la sicurezza energetica e la sostenibilità sono i problemi principali che affliggono gli Stati Uniti in questo secolo. Quali politiche vorreste sostenere per soddisfare la domanda di energia, garantendo nel contempo un futuro economicamente e ambientalmente sostenibile? 

7. Alimentari. Grazie alla scienza e la tecnologia, gli Stati Uniti hanno settore più produttivo e diversificato dell'economia agricola mondiale, ma molti americani sono sempre più preoccupati per la salute e la sicurezza del nostro cibo. L'uso di ormoni, antibiotici e pesticidi, e le malattie degli animali e perfino il terrorismo pongono rischi. Quali passi intende prendere per garantire la salute, la sicurezza e la produttività di approvvigionamento alimentare dell'America? 

8. Acqua potabile. Meno dell'1% dell'acqua del mondo è potabile, e gli studi scientifici suggeriscono che la maggior parte di acqua degli Stati Uniti e mondiale è ora a rischio a causa della crescita del consumo, l'evaporazione e l'inquinamento. Quali misure, se del caso, il governo federale dovrebbe prendere per garantire acqua pulita e abbondante per tutti gli americani?

9. Internet. Internet gioca un ruolo centrale sia nella nostra economia e della nostra società. Quale ruolo il governo federale dovrebbe avere nella gestione di Internet per garantire il una  robusta crescita sociale, scientifica ed economica? 

10. Salute degli oceani. Gli scienziati stimano che il 75 per cento delle attività di pesca del mondo sono in grave declino, habitat come le barriere coralline sono minacciate, e ampie zone di mare e coste sono inquinate. Quale ruolo dovrebbe avere il governo federale a livello nazionale e attraverso la politica estera per proteggere la salute ambientale e la vitalità economica degli oceani? 

Marco Grappeggia


Aggiornamento del 7 settembre 2012 
OBAMA, ROMNEY E LA SCIENZA di Simone Valesini su Galileo 

domenica 26 agosto 2012

LA CACCA: COMPLETA FONTE DI CONOSCENZA

Due mosche pranzano sopra una emme. Una dice all'altra: "posso raccontarti una barzelletta?" e l'altra risponde: "solo se è pulita, perché sto mangiando".
Bisognone, popò, pupù, deiezione, feci, emme, stronzo, sterco, torta sono solo alcuni dei sinonimi che vengono usati per riferirsi alla cacca, l'unico prodotto che accomuna tutti gli animali.

Le feci hanno caratteristiche così differenti tra loro che è possibile identificare un animale dalla sua cacca!
Proprio per questo motivo molti animali tengono ben pulita la loro tana e vanno a farla lontano da dove abitano per evitare di diventare delle prede.
Gli animali carnivori producono escrementi diversi dagli erbivori. Il loro sterco contiene peli, piume, ossa. La differenza più grande è la quantità. La carne è molto nutriente e produce scarti minimi, quindi i carnivori non hanno bisogno di mangiare spesso e quindi di farla spesso. Mentre gli erbivori hanno bisogno di mangiare e defecare in continuazione. In più per sfruttare al meglio quello che mangiano alcuni erbivori, come i conigli, si rimangiano la loro pupù.
Anche a quei cuccioli che non hanno fin dalla nascita i batteri necessari a digerire tocca mangiarsi la pupù della loro mamma, che invece li contiene.
Pure il contenuto d'acqua fa variare la forma delle feci. Più un animale beve più la cacca sarà liquida. Per esempio il cammello la fa molto secca, mentre la mucca produce circa dieci "torte" molli al giorno.
Quel che non varia è il colore, dal marroncino al nero. Questo perchè i colori dei cibi si mischiano. Solo quelle degli uccelli sono chiazzate di bianco, perché la loro pipì bianchina viene eliminata contemporaneamente alla cacca. Oppure non hanno il solito colore le cacche di quegli animali che mangiano prevalentemente un cibo colorato, come fanno le balenottere azzurre con i gamberetti rosa.
Che sia morbida o dura, stretta o grossa la cacca ha un ruolo importante: sbarazzarsi dei rifiuti prodotti dal corpo. Questi rifiuti sono per la maggior parte avanzi di cibo, ma anche cellule del sangue, germi e indesiderati abitanti dell'intestino (vermi).

Insomma tutti la facciamo e molti più volte al giorno, ma allora come mai non siamo sommersi dalla cacca?
Perché questa viene riusata come materiale da costruzione, ma soprattutto perché gli escrementi degli animali vengono usati come pappa da altri animali.
Un gran mangiatore di pupù è lo scarabeo stercorario (foto).

Questi sono solo alcuni degli spunti offerti dal libro La cacca: storia naturale dell'innominabile e tanti altri ce ne sono ancora!
Il libro si presenta ricco di informazioni scritte in modo divertente, semplice e in grado di fornire un ampio panorama su tutto ciò che si può imparare sulla/dalla cacca!



Nicola Davies
La cacca: storia dell'innominabile
Editoriale scienza

NEIL ARMSTRONG: 1930-2012

Così si presenta la Home Page del sito web NASA.gov domenica 26 agosto 2012

sabato 25 agosto 2012

È MORTO NEIL ARMSTRONG



Muore all'età di 82 anni Neil Armstrong, il primo uomo che, il 21 luglio del 1969, mise piede sulla Luna dopo aver condotto la missione di allunaggio dell'Apollo11

Nella pagina a sinistra la copia del New York Times che segna la data storica di una impresa che sembrava impossibile. 

Le sue parole entrate nell'immaginario collettivo furono "That's one small step for a man, a giant leap for mankind"
(trad. "Un piccolo passo per un uomo, un grande balzo per l'umanità")

Armstrong, il 7 di agosto,  due giorni appena dopo aver compiuto 82 anni, aveva subito un intervento chirurgico di quadruplo bypass coronarico.

Neil Armstrong nasce il 5 agosto 1930 in Ohio, dai genitori Stephen Koenig Armstrong e Viola Louise Engel, una famiglia di origine tedesca. 

Iniziò la sua avventura come pilota jet per la marina militare americana nella guerra di Corea. 

Dopo essersi laureato in ingegneria alla Purdue University, diventa pilota civile e per la NASA inizia a testate aerei come l'X-15.

La sua avventura come candidato astronauta inizia nel 1962. Dapprima come comandante della missione Gemini 8, che nel 1966 per prima provò l'aggancio di due oggetti orbitanti, poi interrotta a causa di un guasto nei propulsori. 

Fu comandante di riserva  nella missione Apollo 8 (in orbita lunare) e il 6 maggio 1968 vide la morte in faccia durante una esercitazione con il simulatore volante LLRV (Lunar Landing Research Vehicle). 

Finalmente nel 1969 Armstrong prese il comando della  Apollo 11 che comprendeva una fase di avvicinamento e di allunaggio. con il modulo Eagle. 

Il 21 luglio di quell'anno diventa il primo uomo a poggiare piede sulla Luna.

Una curiosità per quell'epoca: la voce di Armstrong veniva trasmessa alla base con un primo rudimentale microfono wireless, una nuova invenzione, il prototipo di quelli che utilizziamo  oggi nei moderni cellulari.

Di seguito un inedito filmato a colori girato in 16mm con  Neil Armstrong sulla Luna: si può notare il viso di Neil attraverso il visore dallo schermo con lamina d'oro, usata per proteggerlo dalle radiazioni solari (Project Apollo Image Archive).



Postato da Marco Grappeggia 

giovedì 23 agosto 2012

TRIESTE NEXT, LA RICERCA INCONTRA L’IMPRESA

È online da oggi su www.triestenext.it il programma completo della prima edizione del Salone Europeo dell’Innovazione e della Ricerca Scientifica, che si terrà dal 28 al 30 settembre nel capoluogo giuliano. 

Proprio nella  convinzione che senza scienza e ricerca non esistono né crescita né sviluppo economico si apre  Trieste Next, Salone Europeo dell’Innovazione e della Ricerca Scientifica, la cui prima edizione si svolgerà dal 28 al 30 settembre 2012 nel capoluogo giuliano. 

Oltre 100 incontri e 200 relatori per un evento sulla scienza a 360 gradi. Focus su Save the Food

Un evento di ampio respiro internazionale che vedrà la partecipazione di autorevoli ricercatori e studiosi, ma anche di imprenditori e esponenti istituzionali. 

Helga Nowotny
Roger Beachy
Tra loro, per citarne solo alcuni, ci saranno Helga Nowotny presidente del Consiglio Europeo delle Ricerche (Erc), Roger Beachy già consulente del presidente Usa Barack Obama sul tema Ogm, Nick Davidson vice segretario genarale Ramsar Convention, il direttore della Biblioteca di Harvard Robert Darnton, Cameron Neylon biofisico e sostenitore della scienza a portata di tutti, i ministri Corrado Clini e Francesco Profumo, la virologa Ilaria Capua, il giornalista Davide Paolini, gli imprenditori e manager Alberto Bombassei, Roberto Brazzale, Alberto Bauli, Francesco Caio, Elena Zambon, Matteo Zoppas, gli artisti Mario Brunello, Fabrizio Gifuni, Marco Paolini. 

Il programma completo di Trieste Next, con biografie e foto dei relatori, è disponibile da oggi sul sito www.triestenext.it

Aggiornamenti quotidiani sulla pagina Facebook di Trieste Next, LinkedIn e attraverso Twitter (#triestenext; #savethefood). 

Gli eventi sono divisi in cinque sezioni: Scienza al futuro, La città della scienza, Next per i bambini, Next per le scuole, Tutto sul caffè. 

Trieste Next è promosso da Comune di Trieste, Università degli Studi di Trieste e Nordesteuropa Editore, con il contributo di Fondazione CRTrieste. Main Partner Telecom Italia. Copromotori: Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Provincia di Trieste, Camera di Commercio di Trieste, Comitato di candidatura “Venezia Nordest capitale Europea della Cultura 2019”. Media Partner: La Repubblica Affari & Finanza, Il Piccolo, Radio 24, Le Scienze, Ansa, ICMoving Channel, Osservatorio Balcani e Caucaso. 

I "NUMERI"DI TRIESTE COME CAPITALE INTERNAZIONALE DELLA SCIENZA E DELL'INNOVAZIONE 
2 università, più di 30 istituti di ricerca, un’altissima percentuale di ricercatori (oltre 35 ogni 1.000 occupati contro una media europea di 5,7, americana di 8,1 e giapponese di 9,1). 

Una vocazione riconosciuta nel resto del mondo - dove il nome di Trieste è già associato a una “città della scienza” - da valorizzare nella candidatura di Venezia Nordest Capitale europea della Cultura 2019. Grazie anche alla posizione strategica al centro dell’Euroregione e “frontiera” tra vecchia e nuova Europa, Trieste guarda alle sue realtà scientifiche per diventare un polo di eccellenza globale, in un rapporto sempre più stretto con le imprese.

Postato da Marco Grappeggia 

SEI GIOVANE E HAI DOTI IMPRENDITORIALI? PARTECIPA ALLA STARCUP COMPETITION DI REGISTRO.IT

Una opportunità da non lasciarsi scappare,  rivolta ai giovani aspiranti imprenditori che intendano presentare nuove idee per imprese innovative nei settori Ict e Mobile.

Puoi cioè fare diventare reale la tua idea partecipando a StartCup Registro.it, la competizione ideata per festeggiare i 25 anni di Registro.it in collaborazione con CNR e Polo Tecnologico di Navacchio.

La competizione si articola in 4 fasi: Scouting, Tutoring e Business coaching, Arena meeting e Follow-up per arrivare alla selezione finale di 8 idee d’impresa e alla loro presentazione davanti ad investitori che sono alla ricerca di progetti innovativi.



Presentando la vostra idea entro venerdì 7 settembre 2012: una giuria valuterà la proposta che sarà giudicata sulla base di elementi quali l'originalità ed innovatività dei progetti ma anche la spendibilità sul mercato, l'interesse nei confronti di possibili investitori, la chiarezza, completezza e coerenza del progetto d'impresa che, in parole semplici: "deve reggersi in piedi da solo".

La Startcup è un'opportunità da non perdere se ritenete di avere un'idea di business da proporre, sviluppare o migliorare grazie alla possibilità di usufruire della formazione gratuita per imparare a redigere un business plan e imparare a presentarsi agli investitori. E ricevere una indispensabile formazione da parte di un team di professionisti in grado di fornire loro conoscenze strategiche e perfezionare così l’elevator pitch.

A chi supera la fase di selezione sarà data la possibilità di mettersi a tavolino con gli investitori, che potranno trasformare un sogno in un concreto business.

Il matching si terrà sabato 6 ottobre nell’ambito dell’Internet Festival.

Per registrarsi si deve accedere al sito www.startcupregistro.it, compilare i moduli e inviarli a segreteria@startcupregistro.it entro venerdì 7 settembre 2012.

Tutte le info sul sito www.startcupregistro.it 


Postato da Marco Grappeggia 

ECONOMIA: VIVERE SENZA EURO SI PUÒ

Se pensate che l'Euro o il Franco Svizzero siano le uniche monete circolanti nell'europa centrale, non conoscete la soluzione che hanno adottato in Svizzera 16 imprenditori di Zurigo per combattere la crisi.

No, la crisi che ci ha colpito in questi anni non c'entra: parliamo della crisi del 1929! 

Questi imprenditori hanno cominciato a commerciare circa 80 anni fa con una valuta parallela al Franco Svizzero, il denaro WIR (www.wir.ch). Da questa esperienza è nata la Banca WIR, fondata nel 1934,  una banca cooperativa che oggi raccoglie circa 60,000 piccole e medie imprese svizzere che scambiano beni e servizi tra loro usando il denaro coniato in proprio.

 
Servizio di Giorgio Simonetti

L'obiettivo aziendale prioritario della Banca WIR è il sostegno economico delle PMI. Ai clienti privati offre una vasta gamma di prodotti bancari a condizioni estremamente vantaggiose.


La Banca WIR, ex Swiss Economic Circle (GER: Wirtschaftsring-Genossenschaft), o WIR, è un sistema indipendente di valuta complementare in Svizzera, che serve le piccole e medie imprese.

WIR è stata fondata nel 1934 da imprenditori Werner Zimmermann e Paolo Enz a causa di carenza di valuta dopo il crollo del mercato azionario del 1929.

Entrambi Zimmermann e Enz sono stati influenzati dall'economista tedesco Silvio Gesell.



English translation  
In Switzerland 16 entrepreneurs from Zurich found the solution to the 1929 crisis. They began to trade using a currency parallel to the Swiss Franc, the WIR money. From this experience the WIR Bank was born. WIR is a cooperative bank that today collects nearly 60.000 little and medium-sized Swiss enterprises that exchange good and services among themselves using WIR money. By this way the WIR Bank helps the middle class preserving its employment rate and it anchors the generated richness to the Swiss country. Is it also working today, during the 2010's crisis?


Approfondimenti: 

Stodder, James.
Reciprocal Exchange Networks: Implications for Macroeconomic Stability
Proceedings of the IEEE Engineering Management Society Conference,
Albuquerque, New Mexico, August 2000


Postato da Marco Grappeggia 

giovedì 16 agosto 2012

RENZO ROSSELLINI A SCIENZARTAMBIENTE 2012

Il finora inedito "testamento umano e culturale” del regista Roberto Rossellini, grande intellettuale dell'Italia del Secondo dopoguerra e padre del Neorealismo, sarà letto per la prima volta a Pordenone nel corso della XVI edizione di Scienzartambiente - per un mondo di pace, unico festival nella regione Friuli Venezia Giulia dedicato alla divulgazione e comunicazione scientifica.

Come consuetudine, il festival ha scelto la settimana di Ferragosto per annunciare alcune anticipazioni del suo programma.

Dal 17 - 21 ottobre 2012 importanti intellettuali saranno i protagonisti del ciclo di incontri serali nel Convento di San Francesco per il ciclo d'incontri “Una pagina che cambia la vita”: Stefano Moriggi (storico e filosofo della scienza nonché autore televisivo del programma “E se domani” su RaiTre) introdurrà i grandi ospiti che con la lettura e la rilettura di testi d’autore che “apriranno le finestre sul futuro”, in sintonia con il tema scelto quest'anno per il festival.
Straordinaria sarà la serata in cui Renzo Rossellini leggerà per la prima volta al pubblico la lettera, finora inedita, scrittagli dal padre Roberto e contenente i segni della sua importante eredità culturale. “Svelerà – ha anticipato Moriggi, annunciando anche gli altri ospiti degli incontri nel testo che trovate qui sotto - attraverso una lettera del padre Roberto, il testamento culturale di un grande regista convinto che solo “imparando a leggere” si potrà aprire una finestra sul futuro”.

Il festival ha scelto quest'anno il titolo Finestre sul futuro, raccontando in modo accessibile a tutti scienza e innovazione.
Promosso da Comune di Pordenone e Science Centre Immaginario Scientifico gode della collaborazione di Istituti, Aziende ed Enti del territorio regionale. Tra le nuove collaborazioni il Museo delle Scienze di Trento, www.skuola.net e l’Associazione Culturale Chimicare. Non mancheranno i consueti appuntamenti dedicati ai più giovani, con i laboratori per i bimbi e i seminari per i ragazzi durante la giornata, e quelli per gli adulti, tantissime novità e le citate serate curate Moriggi.

Renzo Rossellini
Stefano Moriggi racconta le novità delle serate di “Una pagina che cambia la vita”:
Ma sopra tutte le invenzioni stupende - si chiedeva Galileo - quale eminenza di mente fu quella di colui che s’immaginò di trovar modo di comunicare i più reconditi pensieri a qualsivoglia altra persona, benché distante per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?”.
Così, nel Dialogo sopra i due massimi sistemi, il matematico pisano celebrava la potenza di uno strumento - la scrittura - che non poco ha contribuito a fare della conoscenza e dello spirito critico un bene pubblico, oltre che un valore civile. A patto però di saper davvero leggere e scrivere, ovvero di riuscire a destreggiarsi - per dirla ancora con Galileo - tra “i vari accozzamenti di venti caratteruzzi sopra una carta” - calandosi nelle pieghe di uno scritto e ingaggiando uno spregiudicato confronto con le idee del suo autore. Rinunciare a una lettura critica di un testo, significa condannarsi alla sudditanza di chi preferisce delegare ad altri il diritto e il dovere di riscrivere il mondo e la vicissitudine dei suoi significati.
Ed è proprio nella traccia di tale consapevolezza che, tra le numerose iniziative di Scienzartambiente – Finestre sul futuro 17-21 ottobre 2012 , tornano  gli incontri di “Una pagina che cambia la vita” ogni sera alle 21 in Convento di San Francesco a Pordenone.
Quest’anno sarà la volta di Paolo Ferri, che mostrerà l’intrinseco rapporto di democrazia ed educazione nel pensiero del filosofo americano John Dewey; di Laura Boella che racconterà l’“illuminismo problematico” di Hannah Arendt; di Nuccio Ordine che si soffermerà sull’ardita tolleranza di Giovanni Boccaccio e, infine, di Renzo Rossellini che svelerà, attraverso una lettera del padre Roberto, il testamento culturale di un grande regista convinto che solo “imparando a leggere” si potrà aprire una finestra sul futuro.

SCIENZARTAMBIENTE È PROMOSSO DA:Comune di Pordenone, Assessorato alla Cultura,
Science Centre Immaginario Scientifico.Con la collaborazione di Scuola Superiore di Studi Avanzati SISSA di Trieste e ILAS-SISSA, Università di Trieste e con: Consorzio Universitario di Pordenone, Associazione Culturale Chimicare, Biblioteca Civica di Pordenone, Museo delle Scienze di Trento, IRSE-Istituto Regionale di Studi Europei del Friuli Venezia Giulia, Associazione ASCISSA, Baobab la libreria dei ragazzi, Liceo Classico-Scientifico-Sociopsicopedagogico “Leopardi Majorana”, Associazione Comunità educante E. Vendramini, IF, ITIS “JF Kennedy”. Con il contributo di:ELECTROLUX ,COMIN S.r.l., Delle Vedove Adelchi s.n.c., BCC Banca di Credito Cooperativo Pordenonese. Media-partners: Pnbox.tv , Gravità Zero, The Daily Bit, Pordenonewithlove, NCS group. Con l’alto patrocinio di ONU-Commissione Nazionale Italiana UNESCO.È stato richiesto il patrocinio di: Ministero Istruzione, Ricerca, Università, Direzione Ufficio Scolastico Regionale.Direzione scientifica:Chiara Sartori, Fabio Carniello, Stefano Moriggi, Donato Ramani.Direzione artistica e immagine: Science Centre Immaginario Scientifico.Organizzazione: Ufficio Cultura-Comune di Pordenone e Science Centre Immaginario Scientifico.
Ufficio stampa: Silvia Caruso, Davide Francescutti, Clelia Del Ponte, Micol Ascoli Marchetti scienzartambiente.pn@gmail.com

Amministrazione: Patrizia Mauro, Annalisa Greco, Silvia Corelli, Daniela Busatto, Luisa Raoss
Coordinamento generale: Chiara Sartori e Aura Bernardi

Info e contatti:
chiara.sartori@comune.pordenone.it
scienzartambiente@comune.pordenone.it

Twitter @scienzartambien


sabato 11 agosto 2012

IL GIOCO FOTOGRAFICO DEL CARNEVALE DELLA FISICA #34

C'è tempo fino alla sera del  29 agosto per partecipare alla Competizione "fotografica" del  Carnevale della Fisica.

Visto il clima vacanziero, invece dei consueti articoli, entro il 30 potrete partecipare inviandoci le vostre foto più belle a tema "scientifico". 



IL "GIOCO" FOTOGRAFICO DEL CARNEVALE DELLA FISICA DEL 30 DI AGOSTO






Importante è che le foto abbiano attinenza con qualche esperienza scientifica: la visita a un museo? A una miniera? A un parco naturalistico? A una mostra? La foto di un oggetto apparentemente misterioso, di un insetto, di un soggetto particolare, di una curiosità scientifica, del cielo stellato? Di una eclissi? ecc. Siete liberi di inviarci qualsiasi immagine fotografica (no grafici, rielaborazioni, dipinti o disegni) fino a un massimo di 10.  L'unico vincolo è che siate voi gli autori dell'immagine e che insieme alla foto ci inviate anche la liberatoria per pubblicare la vostra foto.
Non dimenticate poche righe di descrizione di quanto avete ripreso. Meglio descrivete e più avete la possibilità di vincere. 

I PREMI 

Le foto saranno pubblicate sulla pagina Facebook di Gravità Zero entro il 31 AGOSTO!
Ci sarà poi una settimana di tempo per votare le immagini. 

Vincerà chi totalizzerà il maggior numero di punteggi positivi (mi piace) da parte del pubblico
Gravità Zero assegnerà poi un secondo premio al 2° fortunato. 

Il primo vincitore (quello decretato dal pubblico) potrà scegliere due tra i premi seguenti. Il secondo vincitore sceglierà uno tra i premi rimanenti.

I PREMI IN LIBRI 

ALTRI PREMI 


PER PARTECIPARE inviare la foto via email a redazione@gravita-zero.org  

venerdì 10 agosto 2012

AAA CREASI LAVORO: SEMPRE MEGLIO CHE STARE A GUARDARE


Il 24 Agosto 2012 presso il Castello Normanno di Ariano Irpino, l’associazione Vinagre presenta il convegno: “AAA Creasi Lavoro: sempre meglio che stare a guardare”.

Con questa manifestazione l’associazione Vinagre si fa promotrice di un iniziativa volta a sensibilizzare i giovani su temi sfidanti quali “mettersi in gioco”, “darsi da fare” e “ trovare lavoro”

Lo scopo di questa giornata e scuotere le coscienze assopite dei nostri giovani, invitandoli ad aprire gli occhi e rimboccarsi le maniche per rischiare e creare un futuro migliore o quantomeno diverso. Attraverso l’ausilio di testimonianze di esperti nel settore, l’intera giornata sarà volta alla creazione di un ambiente di interazione e di scambio tra gli ospiti ed i giovani presenti. 

Ci saranno gli inverventi di: 

Michel Martone (viceministro del Lavoro) 
Ingresso nel Mondo del Lavoro Come sta cambiando il mondo del lavoro, i giovani e il ricambio generazionale 

Alex Giordano (Societing
Innovazione Sociale Il ruolo della società come parte attiva del cambiamento, tramite l’utilizzo di nuovi network di relazioni e modelli economici che riconsiderino la dimensione umana. 

Augusto Coppola (InnovAction Lab
Startup e Web Cos’è una startup? Vantaggi ed opportunità di inventarsi un lavoro in tempo di crisi, le opportunità dell’Information and Communications Technology  

Dr.ssa Serena Iossa (Campania Innovazione
Imprenditoria Giovanile in Campania La Creative Factory di Campania Innovazione 

Andrea Sparisci (Unistudenti), Alessia Giardino (Textile and Surface Designer) 
Testimonianze di giovani imprenditori Storie di giovani imprenditori che si sono distinti per innovazione e successo aziendale. 

 Moderatore Andrea Covotta (Tg2)

L'UNIVERSO IN 3D COME NON LO AVETE MAI VISTO: SPETTACOLARE NUOVA MAPPA SDSS-III

Ci sono voluti due anni di lavoro per realizzare questa spettacolare animazione.
Quelle che vedete nel video sono galassie (e non stelle), e nella loro posizione reale. 
Significa che ognuno di quei "puntini" contiene la bellezza di centinaia di migliaia se non milioni di "sistemi solari" e potenziali pianeti abitabili.


400.000 galassie in animazione,  catalogate e animate da Miguel Aragon della Johns Hopkins University, da Mark Subbarao Planetario Adler e da Alex Szalay della Johns Hopkins, con le immagini delle galassie attuali in queste posizioni  derivanti dalla Sloan Digital Sky Survey III (SDSS-III), il più complesso progetto di cartografia dell'Universo mai condotto prima.

Ci sono voluti, dicevamo, due anni di lavoro per raccogliere tutti i dati e la registrazione di circa mezzo milione di galassie a redshift fino a 0,8 - e distanti  circa 7 miliardi di anni luce - e più di centomila quasarredshift 3.0 e oltre. L'attività proseguirà nei prossimi 4 anni (finora si è riusciti a mappare 1/3 circa di tutte le galassie previste dal progetto).


Per maggiori informazioni:

http://www.sdss3.org/
http://newscenter.lbl.gov/news-releases/2012/08/08/boss-sdss-dr9/



IN ESTATE LA FISICA DIVENTA BOLLENTE: COSA LEGGERE SOTTO L'OMBRELLONE (MA ANCHE A CASA)

Sia che vi troviate in spiaggia, sia che siate in montagna o che preferiate poltrire tra le pareti di  casa vostra, le torride giornate estive sono l'ideale per fermarsi a meditare, soprattutto nei momenti più caldi della giornata. Quale migliore occasione, dunque, per dedicare un po' di tempo a se stessi? 
La compagnia di un buon libro in questi casi è un must, meglio se divertente e ironico, magari da leggere in buona compagnia. 

Monica Marelli è una divulgatrice di grande talento che vi farà scoprire il fascino di atomi, elettroni e un inevitabile entropia nascosta nella borsetta di ogni donna. 
E gli uomini? Ci sono anche loro, soprattutto nel reparto tecnologia degli ipermercati…


La Fisica del Tacco 12  (anche in ebook)

Perché i vestiti che stanno bene solo nei camerini? 
Come trovare il reggiseno giusto? 
Perché il tacco 12 è decisamente più scomodo di una zeppa?
Come mai le diete devono sempre fare i conti con la termodinamica?
Niente formule o teorie incomprensibili ma tanta ironia e spiegazioni alla portata di tutte le donne curiose. 
Monica Marelli dimostra che la Fisica è la scienza più quotidiana che esista. 
Finalmente un punto di vista tutto al femminile verso la più ostica delle discipline scientifiche: la Fisica.  
Un libro in cui perfino lo shopping con le amiche diventa l’occasione giusta per scoprire le meraviglie della Fisica.

Può essere letto anche dagli uomini? Certo! Per scoprire qualcosa di più misterioso del Bosone di Higgs: il pensiero femminile ! 


Sex&The Physics (anche in ebook)

Tutto quello che avreste voluto chiedere sul sesso quando eravate giovani ma nessuno vi ha mai raccontato! E che quando siete diventati adulti avete smesso di chiedere... 
Con rigore scientifico e una scrittura ironica e dissacrante, Monica Marelli ed Emiliano Ricci, svelano la fisica applicata alla nostra attività più intima, quella sessuale, e ci spiegano come goderne a meglio. 

Dai fondamentali del sesso (leve, stantuffi, cilindri e pistoni e... sistemi di riferimento: sopra sotto, di fianco...), i due autori smentiscono  luoghi comuni  e leggende (funzionano gli afrodisiaci? Ma davvero la "misura" conta?) e approdano alla fisica avanzata. Dal moto browniano alla "corsa degli spermatozoi". Il "sesso estremo": ovvero quando non basta più la fisica ma ci vuole il fisico.


C'era un gatto che non c'era 

L'esperimento mentale del gatto di  Schrödinger è diventato il simbolo della bizzarra fisica quantistica.
Ma ... qualcuno ha mai provato a chiedere al gatto cosa ne pensasse di quel crudele esperimento mentale?

Purtoppo non ci è dato sapere se il gatto più famoso della storia della fisica sia ancora vivo o morto (qualcuno dice che sia ancora dentro la scatola) e dunque ci penserà il suo trisnipote a provare a raccontare come è andata l'intera storia,  cosa si intene per fisica quantistica, perché è strana, perché ha creato un subbuglio nella fisica classica e si è indissolubilmente legata con la filosofia e con il concetto di realtà. 

Un libro per grandi e piccini. Insomma, per tutti quelli che hanno iniziato a porsi qualche domanda sulle bizzarrie della fisica. E anche per tutti quelli che non hanno ancora smesso di porsele.

Della stessa autrice è uscito di recente anche "Questa è la storia di un gatto senza memoria

Il blog dell'autrice è www.monicamarelli.com


martedì 7 agosto 2012

GUIDA PRATICA AL SOFTWARE LIBERO... E GRATUITO

Questa guida pratica per passare al software libero per  scuole, università, aziende e privati è uno strumento molto importante per chi lavora, considerato il momento di crisi.

La guida aiuta ad utilizzare in modo semplice, diretto e senza traumi il Software Libero, Open Source e Free. Un software in grado di soddisfare tutte le esigenze di ogni azienda senza dover dipendere da marchi noti sul mercato, con un notevole risparmio per enti e/o imprese o i professionisti,  che potranno ottenere notevoli benefici economici e libertà informatica. 

Scritta con molta chiarezza, per essere alla portata di tutti, aiuta passo passo a ridurre notevolmente il bisogno di corsi d'aggiornamento per i dipendenti che potranno, da soli, iniziare ad utilizzare il software libero, grazie alle numerosissime videoguide pratiche ed in italiano che vengono proposte. 

Il titolo completo della guida è: "Guida Pratica - Come passare al Software Libero, Open Source e Free, senza traumi per aziende e privati"  ed è stata relizzata da Antonio Cantaro  sotto licenza Creative Commons, quindi liberamente e gratuitamnete distribuibile. 

I tempi sono maturi per usare il software libero,  in quanto sono, ormai, disponibili un gran numero di programmi del tipo Gestionale (contabilità, fiscale, ufficio, ecc...), gratuite per ogni piattaforma: Linux, Mac e Windows.  Spesso le guide non si curano delle persone alle prime armi e questi desistono dall'intraprendere la nuova strada. Nel web si trovano molte notizie, guide e manuali che, però, qualche volta, allontanano gli utenti sia perché presuppongono delle conoscenze iniziali già acquisite, sia perché rimandano continuamente altrove.
Questa guida nasce per indirizzare, passo-passo, con semplicità ed ordine, quanti intendono passare (o almeno provare), allo stupendo mondo del Software Libero, del software Open Source (codice sorgente aperto) e, perché no, del software Free (gratuito). 
Troviamo applicazioni (programmi), per ogni esigenza e necessità che abbracciano i settori più disparati, da quello professionale a quello ludico. 

In momenti di crisi come l'attuale, la cosa dovrebbe essere divulgata il più possibile, è per questo che abbiamo creato una nuova rubrica: "risorse creative commons" in cui indicheremo le risorse disponibili in rete e fruibili gratuitamente che possono produrre un notevole risparmio per l'economia delle medie e piccole imprese e gli enti pubblici, per i professionisti, le scuole e le università e per quanti svolgono attività di tipo ommerciale. 

La guida è liberamente scaricabile e redistribuibile e viene proposta sia nel formato PDF che nel formato ZIP collegandovi al sito web ISTITUTOMAJIORANA.IT



Postato da Marco Grappeggia

lunedì 6 agosto 2012

IL COLOSSEO COME LA TORRE DI PISA. IMMINENTE RESTAURO SPONSORIZZATO DA TOD'S

Foto di Urse Ovidiu [Wikipedia]
Allarme lanciato dal CNR e La Sapienza. Il Colosseo, simbolo di Roma, pende come la Torre di Pisa. Le cause: le vibrazioni delle automobili e della metropolitana. A dicembre il restauro griffato di Tod’s. 

La notizia è  stata ufficializzata da Rossella Rea, il direttore del Colosseo, dopo gli studi condotti dagli esperti del CNR e della Sapienza. Le indagini accurate hanno evidenziato che il Colosseo pende di quaranta centimetri nella parte sud e l’inclinazione è quasi come quella della famosa torre a Pisa. 

L’inclinazione è la causa dell’attuale differenza di livello fra le basi degli anelli esterni nord e sud, non più allineati sull'orizzontale. Le cause? Sicuramente ce ne sono diverse. 

La principale e la più catrastofica è che la base di calcestruzzo, spessa 13 metri, su cui poggia il Colosseo potrebbe presentare una frattura al suo interno. Inoltre a questa si sommano le vibrazioni prodotte dal passaggio continuo delle automobili e della vicina metropolitana, dagli elicotteri e dal rumore in generale. Le automobili, motorini e bus producono i danni maggiori in quanto sottopongono il monumento a vibrazioni continue, Le vibrazioni sono una delle principali cause di scagliature e sfaldamenti lapidei, oltre a provocare la caduta di stucchi e intonaci. In risposta al lanciato allarme e’ iniziato un monitoraggio accurato del comportamento dinamico del monumento simbolo della citta’ eterna a cura di una squadra di specialisti. Verranno utilizzati moderni strumenti specialistici, come il georadar, velocimetri e accelerometri e ulteriori carotaggi mirati. L’obiettivo e’ di studiare l’impatto delle vibrazioni dinamiche sul monumento e sul terreno. 

Se la situazione venisse confermata ci potremmo trovare di fronte a due monumenti strutturalmente diversi con la necessità di ricollegarli per ripristinare la continuità. Inoltre per limitare i danni si sta pensando ad un progetto di pedonalizzazione dell’intera area circostante l'Anfiteatro Flavio, compresa via dei Fori Imperiali, vedi le foto del Colosseo e area interessata. Questa proposta è caldeggiata da Legambiente Lazio, che lo scorso giugno si era impegnata nella campagna di raccolta firme per pedonalizzare la zona dei Fori Imperiali. Non dimentichiamo che il Colosseo ha un impatto positivo su Roma valutabile a quattro miliardi d’indotto l’anno. E’ necessario capire l’entità del danno e le cause scatenanti prima di dicembre quando partirà il restauro sponsorizzato da Diego Della Valle (Tod’s)

I lavori dureranno tre anni (con un costo iniziale di 8 milioni e mezzo di euro), ma il monumento rimarrà aperto al pubblico. Erano 73 anni che non si faceva un restauro organico del Colosseo ma alla fine dei lavori il monumento sarà di nuovo bianco. 

 Guido Cocozza, autore del comunicato 


Postato da Marco Grappeggia 

EBOOK: COME CONVERTIRLI IN FORMATI DIVERSI

Sono spesso abituato a utilizzare ebook nei formati più disparati e inevitabilmente mi chiedo come poter convertire  un ebook, regolarmente acquistato, da un formato all'altro, per poterlo leggere sul mio lettore abituale. 

Un esempio concreto: il formato ebook oggi più popolare è quello ePub, supportato dalla maggior parte degli ebook reader. Però il Kindle ebook reader (uno sicuramente fra i più diffusi nel mondo) non supporta questo formato ma solo quelli .mobi e/o acquistati dall'Amazon Kindle Store.

Della questione ne ha parlato, non molto tempo fa, anche Wired

In casi come questo, sarebbe comodo poter disporre  di un convertitore ebook professionale e affidabile, che  diventa l'unica soluzione per poter leggere i propri libri digitali preferiti su qualsiasi dispositivo e senza limitazioni.

Tra i tanti software proposti ho provato  eBook Ultimate Converter, disponibile anche nella versione per Mac un software  che supporta qualsiasi formato sia in ingresso che in uscita.

Oltre a proporre software, il sito web eBookConverter.it fornisce anche guide e risorse per poter gestire al meglio i propri ebook e conoscere meglio il mondo degli e-book reader.

Ma se conoscete altri sistemi altrettanto buoni per convertire ebook da una versione all'altra, lasciate pure il vostro suggerimento in un commento. Il mondo degli ebook è in continua evoluzione.


ALCUNE CURIOSITÀ SU CURIOSITY

L'articolo è anche su COELUM 

Il rover "Curiosity" posatosi oggi sulla superficie marziana porta con se anche tante curiosità e gossip, che da sole basterebbero per un romanzo o un film, vediamone alcune.

Le dimensioni del MSL a confronto con quelle dei suoi predecessori,
il Mars Exploration Rover ed il Sojourner (Jet Propulsion Laboratory

Foto: NASA 12 maggio 2008 


  • Il nome del rover è stato ideato da una  giovanissima studentessa di 12 anni del Kansas che ha suggerito il nome Curiosity in un concorso fra le scuole americane. Il vero nome del "trattorino"  è  Mars Science Laboratory
  • Un pezzo di Italia (e di Torino) su Marte: il rover ha portato sul Pianeta Rosso un chip che contiene l'autoritratto di Leonardo Da Vinci e il Codice del Volo, il testo nel quale Leonardo descrive il volo degli uccelli e la sua Macchina volante, considerato il fondamento della storia del volo. L'iniziativa si deve all'Agenzia Spaziale Italiana (Asi), al Tg della Rai Leonardo e della sua conduttrice Silvia Rosa Brusin, e al Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa.
  • Curiosity è una delle macchine più grandi, pesanti e complesse mai lanciate nello spazio: lungo 3 metri e pesa circa 900 kg, di cui 80 kg in strumenti scientifici (in paragone i rover Spirit e Opportunity pesano 174 kg, di cui 6.8 kg in strumenti)
  • La durata stimata della vita di Curiosity è di 1 anno marziano, pari a 687 giorni terrestri.
  • La sonda e Marte (al momento in cui scriviamo)  sono distanti  1,651 Unità Astronomiche (l'Unità astronomica è la distanza Terra-Sole). Dunque circa 247 milioni di chilometri.
  • Il segnale radio con le immagini impiega 13 minuti e 46 secondi per raggiungere il nostro pianeta alla velocità della luce (circa 300.000 km al secondo) 
  • Il rover Curiosity può viaggiare sulla superficie di Marte alla velocità di 30 metri all'ora (con velocità massima di 90 metri all'ora)  Durante i due anni di missione, viaggerà almeno per 6 km. 
  • Marte è più piccolo della Terra (diametro circa 6.800 Km contro i 12.700 Km della Terra)



E per chi si fosse persa la diretta di questa mattina con il Jet Propulsion Laboratory della Nasa ecco come hanno vissuto i primi momenti di commozione tecnici e scienziati presenti e la prima foto del suolo marziano in diretta.