giovedì 20 novembre 2014

UN PASSO AVANTI PER UN UOMO; UN PASSO INDIETRO PER METÀ DELL'UMANITÀ

Il nostro articolo sull'orrenda maglietta indossata dal Prof. Matt Taylor, responsabile di missione della sonda Rosetta, della cui vicenda hanno parlato i media di mezza Europa ha suscitato alcune polemiche. Alcuni lettori (stranamente tutti uomini) ci hanno scritto accusandoci di inesattezze, e che in realtà la discriminazione sul lavoro tra sessi in Italia non esisterebbe. Molte invece le colleghe che ci hanno elogiato a continuare.

Eppure l'autore dell'articolo ha portato come prova uno studio commissionato dall'Unione Europea  e anche all'interno del mondo scientico, enti internazionali super partes,  come L'American Geophysical Union hanno ribadito l'importanza di eliminare il Gender Gap ancora presente. 

Il marchio dell'ESA su una maglietta discutibile con donne succinte

Oltre agli elogi dunque, moltissimi (con invito di molte colleghe a continuare in questa battaglia) ci sono piovute anche alcune (poche dobbiamo dire) critiche. 
Abbiamo anche risposto ad alcune delle critiche che ci hanno tacciato di bigottismo e ipocrisia (sono stati i commenti più gentili).
Per chi porta con sé pregiudizi, un uomo che parla di diritti di genere e difende le donne dalla mercificazione del corpo è un bigotto o un ipocrita, mentre una donna è anche una femminista isterica.

Ci hanno accusati di tutto questo, ci hanno detto di tacere, ci hanno insultati. 
Per noi questi e altri insulti sono delle medaglie, che portiamo con fierezza, perché sappiamo di essere dalla parte giusta, dalla parte di chi ancora non ha eguali diritti. E se gli animi si scaldano così tanto è dimostrazione che il problema esiste. E che se una donna su due viene uccisa in Italia dal proprio compagno forse qualcosa di vero c'è sull'idea distorta della donna come oggetto da possedere come proprietà.

Ci siamo consultati tra colleghi e colleghe ed abbiamo risposto pubblicamente così alle critiche. 
La discriminazione sui luoghi di lavoro delle donne è un dato di fatto confermato dai dati di studi commissionati dall'Unione Europea 
Noi di Gravità Zero (e tra noi ci sono sia donne che uomini) diamo voce a queste donne e le difenderemo nonostante voi e i vostri pregiudizi.   
E fino a che una maglietta misogina farà scalpore noi saremo al loro fianco. 
Prendetevela pure con noi: per noi è una missione, decisamente più importante di Rosetta! Perché in Europa ci sono oltre 700 milioni di contribuenti che hanno finanziato la ricerca scientifica, e che hanno il diritto di avere voce, di essere ascoltati.  
Metà sono donne e la maggior parte sono ancora discriminate nei luoghi di lavoro. Dal congedo di maternità, dove al momento dell'assunzione ti fanno capire che è meglio se non hai figli, agli stipendi, che sono più bassi di un uomo di pari grado e preparazione. 
E chi ha detto che su questa cosa bisognava passare oltre perché la Missione dell'ESA è più importante e bisogna guardare ai fatti, e che Taylor è un genio... blah, blah blah... citiamo la frase che ha tacciato - e troviamo la cosa realmente offensiva - una collega giornalista di femminismo. Perché di questo ti accusano se parli di diritti di genere. 
"Un passo avanti per un uomo; 
un passo indietro per metà dell'umanità"

_______________________________________________________



DI SEGUITO ALCUNI TRA I COMMENTI PIÙ DISCUTIBILI 
pervenuti in redazione
Aggiornamento  del 20 novembre 2014 

Il seguente è uno dei commenti più "gentili" in rete nei confronti della giornalista che si è permessa di  affermare che forse la maglietta con le donne succinte non era proprio appropriata in una conferenza stampa in mondovisione. Chi lo scrive è un tizio che sta conseguendo la laurea specialistica in Fisica Teorica presso l’Università degli Studi di Torino. Le nuove generazioni! 



L'HOMO DE FERO È UN COMMENTATORE ANONIMO DI TWITTER 



IL RECRUITER CHE CI SCRIVE
"La maternità è interruzione di fedeltà all'azienda (sic!) ... e questo si paga"
(Ci rendiamo conto che questo è un selezionatore di risorse umane e scrive su una testata nazionale?)





UN ANOMINO EVIDENTEMENTE CONTRARIATO 
DA QUANTO ABBIAMO SCRITTO 





GLI ESALTATI SONO PRESENTI 
PURTROPPO ANCHE NEL MONDO SCIENTIFICO...


ALL'ESTERO SONO MOLTO CRITICI SULL'ACCADUTO E CONDANNANO APERTAMENTE ANCHE I SUCCESSIVI COMMENTI A SFONDO SESSISTA 

A cura di Kirk Englehardt, Director of Research Communication and Marketing at Georgia Institute of Technology




Per approfondire

COMETE, SONDE E DISPARITÀ DI GENERE NELLA SCIENZA


MATT TAYLOR: PERCHÉ HA SBAGLIATO A INDOSSARE QUELLA MAGLIETTA

25 NOVEMBRE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

Nessun commento: