lunedì 3 marzo 2014

LA SCOPERTA DELLA MATEMATICA

Papà, ma quanto fa uno zero zero zero zero? Diecimila!
E quanto fa uno con tanti zeri? Quanti zeri esattamente? Diciannove. Bè, fa dieci elevato a diciannove. Dieci elevato a 19? Che strano numero!
Papà, ma è vero che i numeri sono infiniti? Sì, ma l'infinito si può misurare, proprio come la tua cameretta.
Papà, mi aiuti a vestirmi in due minuti? Sì, ma tu controlla: conta fino a 120. Non è una passeggiata, ma posso farcela: anzi, facciamo presto, così vado a vedere Oggy e i maledetti scarafaggi.

Se anche voi avete un figlio di poco più di 5 anni, e vi pone quesiti come quelli sopra descritti, allora sappiate che non passerà molto tempo prima di sentire domande del tipo: Quanto è largo il nostro sistema solare? Posso tassellare la mia cameretta con dei triangoli equilateri? Si può stimare l'altezza di un albero senza possedere alcuno strumento di misura? Il numero di petali di questo fiore segue la successione di Fibonacci?

Siete in crisi? Non sapete rispondere immediatamente senza Google? Allora avete bisogno di "Mamma che numeri!" un mirabolante pop-up sulla matematica scritto da Jonathan Litton e Thomas Flintham e pubblicato da Editoriale Scienza.

Le prime due pagine di "Mamma che numeri!"
Già solo quando aprirete il libro alla prima pagina, sentirete un "Oooooh !!!!!" di vostro figlio, perchè dalla carta si ergerà una torre e la tridimensionalità della matematica catturerà inevitabilmente il bimbo. Attorno alla torre tante immagini raccontano dove sia la matematica e come possa cambiare la vita delle persone. Insomma, basta con i soliti discorsi degli studenti liceali (e non) sull'inutilità della matematica. La matematica è la torre, il dado, l'albero, la barca e l'automobile.

Nel testo l'approccio utilizzato è molto concreto ed anche divertente, proprio al fine di demolire due luoghi comuni sulla matematica: il fatto che sia astratta e noiosa. Ad esempio, per verificare se un numero è divisibile in fattori si utilizza una palla come quella che serve a distruggere i muri; per comprendere le frazioni si usa la pizza (e per le percentuali la torta); i solidi escono letteralmente dal libro in quanto si possono staccare e costruire (basta un po' di colla); per comprendere la probabilità si gira una ruota numerata.

I conigli di Fibonacci
Di particolare interesse risultano i conigli di Fibonacci, ovvero come determinare il numero di coppie di conigli dopo un anno, considerando che, già dopo un mese, i conigli possono mettere al mondo dei piccoli. E qui, sicuramente, vostro figlio conterà le coppie di conigli alla fine dell'anno perchè gli leggerete che dovrebbero essere 233. Lui esclamerà: "Ma non sono 233 !!!". Dovrete spiegargli che non si potevano effettivamente disegnare 233 coppie di conigli in uno spazio così piccolo.....
La matematica per Rossano

Alla fine della lettura non vi resterà altro da fare che proporre a vostro figlio di disegnare la matematica, ovvero produrre qualunque disegno che abbia in qualche modo a che fare con la lettura appena terminata.

Mio figlio ha provato a modo suo a riprodurre la copertina. E l'ha firmata con la doppia esse al contrario: è un errore o è un suo segno distintivo?

@walter_caputo

1 commento:

.mau. ha detto...

magari vuole che tu lo porti a Rozzano...