venerdì 25 novembre 2016

BASTA SESSISMO IN RETE: E LAURA BOLDRINI PUBBLICA I NOMI DI CHI LA INSULTA

Oggi proprio durante la giornata internazionale contro la violenza sulle donne anche le testate nazionali (come La Stampa, RepubblicaIl Fatto Quotidiano, Vanity Fair), pubblicano i nomi e i cognomi di persone in cui si ipotizzano accuse infamanti: minacce e diffamazione a mezzo stampa.

Scrive la presidente della Camera Laura Boldrini.

"Nella giornata contro la violenza sulle donne vorrei sottoporre alla vostra attenzione un fenomeno sempre più frequente e inaccettabile: l’utilizzo nei social network di volgarità, di espressioni violente e di minacce, nella quasi totalità a sfondo sessuale".

"Ho selezionato e vi mostro solo alcuni messaggi tra quelli insultanti ricevuti nell’ultimo mese".
"Ho deciso di farlo anche a nome di quante vivono la stessa realtà ma non si sentono di renderla pubblica e la subiscono in silenzio. Ho deciso di farlo perché troppe donne rinunciano ai social pur di non sottostare a tanta violenza. Ho deciso di farlo perché chi si esprime in modo così squallido e sconcio deve essere noto e deve assumersene la responsabilità".
"Leggete questi commenti e ditemi: questa si può definire libertà di espressione?"





SIETE ANCHE VOI STATE VITTIMA DI INSULTI E MINACCE? 

Tutti coloro che subiscono delle offese o minacce tramite internet possono e devono rivolgersi alla polizia postale e porre fine al comportamento illecito di individui senza scrupoli che mettono a repentaglio l'onore e la sicurezza altrui.



ARTICOLI CORRELATI

INSULTARE SU FACEBOOK È REATO DI DIFFAMAZIONE: LO DICE LA CORTE DI CASSAZIONE 

UMBERTO ECO E GLI IMBECILLI 2.0

MATT TAYLOR: PERCHÉ HA SBAGLIATO A INDOSSARE QUELLA MAGLIETTA


Nessun commento: