martedì 22 settembre 2015

10 ANNI DI NOTTE DEI RICERCATORI

Il 25 settembre in Piemonte si festeggia la Ricerca con esperimenti, giochi e un tentativo di Guinness dei Primati.





Il Piemonte organizza per il decimo anno consecutivo la Notte dei Ricercatori festeggiando questo importante traguardo insieme a centinaia di città italiane ed europee.
Esperimenti interattivi, giochi, mostre, spettacoli, musica, caffè scientifici e talk show animeranno le città di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Torino e Verbania con la partecipazione straordinaria di Aosta. Filo conduttore degli eventi piemontesi saranno le numerose iniziative rivolte al mondo della scuola, i focus sui temi di EXPO2015 e dell’Anno Internazionale della Luce.

“Il mondo della ricerca scopre ogni anno di più, grazie alla Notte dei Ricercatori, l’importanza di coinvolgere attivamente la società negli appassionanti percorsi che portano a nuove conoscenze” dichiara Andrea De Bortoli, coordinatore del progetto piemontese della Notte dei Ricercatori TRACKS.

Il grande entusiasmo dei ricercatori è attestato dai numeri in continua crescita: nel 2006 erano circa un centinaio i ricercatori, dottorandi e studenti degli Atenei e dei centri di ricerca del territorio, quest’anno saranno quasi 1000 pronti ad accogliere visitatori da tutto il Piemonte.

Tante le novità a Torino per celebrare il 10° anniversario del grande evento europeo, a cominciare dall’apertura straordinaria al mattino riservata alle scuole, grazie alla quale studenti di ogni età potranno scoprire il mondo della ricerca e chiacchierare a tu per tu con i ricercatori.

Novità assoluta è il tentativo di battere il Guinness dei Primati con l’esperimento che nelle passate edizioni della “Notte” ha riscosso maggior successo tra grandi e piccoli: “Running on water”. Grazie al sostegno di ITT, azienda italiana leader nel mondo per la produzione di componenti di alta ingegneria e soluzioni tecnologiche personalizzate per l'energia, il trasporto e mercati industriali, in collaborazione con il Dipartimento di Fisica dell’Università di Torino e Torino2015 Capitale Europea dello Sport, in Piazza Castello verrà allestita una piscina lunga 7 metri riempita con acqua e amido di mais, un composto molto particolare, detto “fluido non newtoniano” perché la sua viscosità aumenta in base alla forza applicata fino a comportarsi come un solido: questa caratteristica rende effettivamente possibile camminare o correre sull’acqua.

Il guinness sarà registrato alle 18 per l’apertura ufficiale dell’evento alla presenza delle autorità e della stampa.

Piazza Castello a Torino - Shutterstock



Inoltre, Piazza Castello e il Palazzo del Rettorato ospiteranno più di 80 attività organizzate dall’Università di Torino, dal Politecnico, dall’Università di Scienze Gastronomiche e dai centri di ricerca del territorio. Tra i consueti appuntamenti: il Rally della scienza, il Tram con esperimenti itineranti, i musei aperti e gratuiti. Non mancherà la diretta radiofonica a cura della radio dell’Università di Torino, che racconterà la “Notte” attraverso la voce di ospiti e tanta buona musica.
Nel frattempo c’è “Aspettando la Notte”, altra novità dell’edizione torinese: il programma di eventi organizzati il 22, 23 e 24 settembre in avvicinamento alla manifestazione di venerdì 25 realizzati in collaborazione con “Agorà a Torino”, un progetto della Città di Torino, di EXPO-TO, realizzato con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

Il programma completo della Notte dei Ricercatori è disponibile sul sito web: www.nottedeiricercatori.it/piemonte

Nessun commento: