domenica 28 settembre 2014

ONLINE IL NUOVO SITO DEL GRUPPO IREN PER LE SCUOLE

È on line “Edu.Iren” la sezione del sito di Gruppo dedicata all’Educazione alla sostenibilità.

Si tratta di un luogo in cui sviluppare e promuovere iniziative edu-didattiche legate alle attività del gruppo IREN che consente a chi opera nel panorama scolastico di poter accedere direttamente on line alle offerte formative gratuite.

I temi delle attività educative ruotano attorno temi quali: il ciclo idrico integrato, l’energia, il ciclo integrato dei rifiuti, la sostenibilità. 

Le proposte educative sono rivolte a differenti target: scuola dell’infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo e secondo grado e Università),con linguaggi e approcci differenti.

L'offerta formativa del Grupppo Iren prevede le seguenti attività:
  • Lezioni frontali
  • Laboratori didattici e creativi
  • Visite agli impianti
  • Giochi didattici
  • Produzione di spettacoli teatrali
  • Progetti speciali per reti scolastiche
  • Formazione docenti.

Edu.Iren ha come obiettivo la diffusione della cultura del risparmio delle risorse naturali, sviluppare conoscenze e comportamenti virtuosi, fornire supporto alla scuola, far conoscere ai giovani i servizi pubblici offerti dal Gruppo Iren alle comunità e rafforzare il legame con il territorio.
Un nuovo paradigma per il futuro è pensare, conoscere e agire in modo consapevole e globale. In una parola: sostenibilità. L’educazione: è la via per affermare la cultura della sostenibilità e la formazione di una «cittadinanza planetaria». 

Per IREN l’educazione è risorsa strategica, un modo concreto per interpretare la propria mission di svilupparsi con il territorio e per favorire la crescita di persone partecipi alla vita delle comunità e cittadini coscienti della limitatezza delle risorse e della necessità di trovare un equilibrio sostenibile allo sviluppo.

Edu.Iren ha ricevuto il sostegno del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, Uffici Scolastici Regionali per l’Emilia Romagna, la Liguria ed il Piemonte.

Nessun commento: