lunedì 7 luglio 2014

CASIO CLASSPAD II fx-CP400: PROVATA PER VOI

Siete alla ricerca di una calcolatrice che vi accompagni dagli studi superiori, per tutto l'arco degli studi universitari, fino all'ingresso del mondo del lavoro e oltre? 
Per conoscere i migliori modelli presenti sul mercato, ci siamo rivolti a CASIO che ci ha invitato a provare alcune delle più evolute calcolatrici grafiche con sistema di algebra computazione.

Il ricco menu della fx-CP400
Il modello che abbiamo provato e vi presentiamo in questo articolo è uno dei modelli di punta: Classpad II fx-CP400. Si tratta della prima calcolatrice grafica con schermo a colori completamente tattile.

Già all'apertura della confezione la  fx-CP400, si presenta come uno strumento dalle elevate prestazioni, con un grande schermo da 4,8 pollici, touch e a colori.

Sul retro si trova il pulsante “restart” e quattro comodi gommini che limitano lo scivolamento quando il Classpad II è appoggiato su un piano. Non solo, sempre sul retro è inserito il pennino, comodamente estraibile.

Lo strumento è protetto da una front cover che è simile a quella di una normale calcolatrice. Inoltre sono già incluse nella confezione quattro pile mini stilo, un CD di utilities e due cavi, di cui uno (USB) assomiglia molto a quello di un comune smartphone. 

Dentro la confezione della fx-CP400
Proviamo a toccare l'icona “Main” per usare il Classpad II come se fosse una normale calcolatrice. 

Bene, con la tastiera meccanica non c'è problema; per ottenere il risultato bisogna però premere il tasto “exe” che sostituisce il classico “uguale”, esattamente come accade con i normali calcolatori.

Casio ha ridisegnato tastiera software della serie ClassPad 'per rendere questo nuovo modello più facile da usare.

Cominciamo ad inserire le quattro pile e noto che l'apertura del retro è molto funzionale: è sufficiente  spingere leggermente verso l'esterno la levetta “unlock”. Appena inserite le pile un messaggio in inglese mi avverte di usare lo stylus per effettuare l'allineamento dello schermo. 

Il retro del Classpad II della Casio
Tocchiamo il centro di quattro croci ci viene richiesto di scegliere la lingua. 
Poi selezioniamo la tastiera QWERTY, le pile alcaline (comprese nella confezione) e confermiamo con un OK l'avvertimento che il rendimento del Classpad II dipende anche dal tipo di batterie. 

L'organizzazione delle funzioni  è molto intuitiva, e corrisponde a tre livelli di difficoltà di apprendimento: si comincia con le funzioni base utilizzate da tutti come frazioni, radici quadrate, e  funzioni trigonometriche, per passare   a funzioni avanzate come il calcolo differenziale, i numeri complessi (utilizzati ad esempio nei corsi universitari) e, infine, anche i calcoli più avanzati, come le formule definite dall'utente.

Formule matematiche, grafici e le immagini sono tutte chiaramente  visualizzati dall'ampio display LCD a colori ad alta risoluzione.

Possiamo così permetterci di controllare contemporaneamente  più formule e grafici sullo stesso display, e studiare la loro relazione durante l'apprendimento o lo sviluppo di un calcolo senza dover memorizzare nulla.

Usando  lo stilo (un piccolo pennino in dotazione) sul pannello a sfioramento per visualizzare graficamente formule matematiche senza complicate operazioni con l'uso di tasti ma semplicemente trascinando e rilasciando le formule nell'area del grafico.

Subito compare un menu piuttosto ricco: dato che il mio stupore tende a farmi fissare lo schermo senza far nulla, dopo circa trenta secondi la luminosità diminuisce. In realtà non c'è problema: basta toccare con lo stylus e lo schermo torna luminoso (come accade in un qualsiasi smartphone). Il menu occupa due pagine: per accedere alla seconda è sufficiente sfiorare una lineetta a fondo pagina.

All'interno del menu “Main”, dedicato al calcolo generale, matriciale e algebrico, se con lo stylus si tocca una rotellina in alto a sinistra, si può optare per far comparire una tastiera virtuale estesa e qui – ad esempio – si può eseguire il logaritmo in base 10 di 1000: basta cliccare sull'apposito tasto, digitare 1000, chiudere la parentesi e premere “exe” per visualizzare 3 come risultato (perdonate la semplicità dei calcoli, ma ho iniziato testando lo strumento con operazioni delle quali posso controllare a mente il risultato).

In ogni caso i logaritmi sono solo uno degli ostacoli che si trovano ad affrontare gli studenti delle scuole superiori.

Proviamone un altro: all'interno della tastiera virtuale, cliccando su “TRIG”, si ottengono tutti i tasti dedicati alle funzioni trigonometriche.

È molto semplice calcolare il seno di pi-greco/6 (cioè di 30 gradi) ed ottenere ½; ma è altrettanto facile calcolare seno alla meno 1 di ½, che fa pi-greco/6, per ottenere – tramite la funzione goniometrica inversa – la soluzione di alcuni tipi di equazioni goniometriche.

Voi ora magari direte che questi calcoli possono essere eseguiti anche da una normale calcolatrice...

Bé, all'interno della tastiera virtuale, provate a cliccare su “Math2” e fra i tasti appariranno magicamente quelli per eseguire limiti, derivate e integrali.

Provo con il limite, per x che tende a più infinito, di 18/x e ottengo zero. Bene. Poi faccio la derivata di 3x alla quinta (rispetto ad x) e ottengo 15x alla quarta. Perfetto. Infine imposto l'integrale indefinito di x alla terza (con x variabile di integrazione). Il Classpad II risponde: x alla quarta fratto quattro. Impeccabile.


Dopo qualche minuto di utilizzo non ho alcuna difficoltà a scrivere direttamente le funzioni per ottenere il rapido sviluppo di funzioni complesse, come il calcolo dei massimi o minimi, o la traccia di funzioni complesse (nell'immagine a sinistra una spirale logaritmica descritta in forma parametrica).  

È possibile cambiare la visualizzazione tra una visione verticale e una visione orizzontale semplicemente toccando un'icona sul pannello.

La vista orizzontale è conveniente per la visualizzazione di una formula lunga su una singola linea.

La presa USB in dotazione permette il collegamento diretto ai proiettori Casio tramite USB e come memoria di massa USB (Windows o MacOS).

Per spegnere Classpad II occorre premere “shift” e “clear” (ma “clear” mostra già il simbolo di spegnimento / accensione). Per riaccenderlo bisogna premere solo “clear”.

Dall'accensione è passata poco più di un'ora di utilizzo e già sento di avere la padronanza di ogni sua funzione. 

Ora non ho più dubbi: se dovessi mai presentarmi in aula con la fx-CP400, i miei studenti seguirebbero con maggior interesse le lezioni di matematica e – di fronte alla capacità di questo potentissimo e versatile strumento di calcolo – non riuscirebbero a trattenere grida di stupore. 

Walter Caputo


LE OPINIONI DELLA REDAZIONE

Facilità d'uso: elevata ed intuitiva
Comfort: elevato
A chi è rivolta: ideale per gli studi universitari e scientifico/ingegneristici.
Sito Web: http://www.casio-europe.com/it/sc/casgraphic/fxcp400/

Nessun commento: