lunedì 12 agosto 2013

CON D.NAMICA UN PROGETTO PILOTA PER LA CURA DEL TUMORE AL FEGATO


Tumore al fegato? La cura giusta si nasconde tra le pagine virtuali di una cartella clinica intelligente. Un raccoglitore informatico che mette insieme sia i classici dati clinici di un paziente, sia le informazioni molecolari e genetiche. Dati indispensabili per conoscere il “pedigree” della malattia, dall’insorgenza allo sviluppo, fino alle possibili risposte ai trattamenti da parte di un paziente.

Si chiama “D.NAMICA” il progetto europeo che prevede tresperimentazioni pilota su malattie cardiovascolari, neurodegenerative e tumori. In una sinergia tra imprese e centri di ricerca.

Il tumore al fegato «in Italia è al quinto posto tra le cause di morte per tumore. Le terapie attuali non sempre riescono infatti a garantire una cura. In particolare è ancora carente la possibilità di una diagnosi precoce e la capacità di seguire costantemente il decorso della malattia. La cartella informatica che stiamo creando permetterà il monitoraggio del paziente nel tempo», riferisce Devis Pascut, ricercatore della Fondazione Italiana Fegato tra i responsabili del progetto D.NAMICA, nell’ultima intervista pubblicata sul sito della sperimentazione, una piattaforma per la medicina molecolare e personalizzata.

Schedando i pazienti a 360 gradi, la montagna da scalare sarà ogni giorno meno faticosa. Grazie all’integrazione dei dati clinici e molecolari (DNA, mRNA, microRNA, etc.) contenuti nella cartella informatica, il monitoraggio del paziente sarà più semplice e l’intervento del medico più tempestivo. Fino a trovare una medicina personalizzata servendosi degli strumenti adatti a integrare i dati provenienti dalla genomica con i dati clinici di un paziente.

Fonte:  TUMORE AL FEGATO: IL PROGETTO PILOTA DI D.NAMICA 

Per approfondire: 
IL PROGETTO D.NAMICA STUDIA COME CREARE UNA PIATTAFORMA CHE INTEGRI I DATI CLINICI E LE INFORMAZIONI GENETICHE DI UN PAZIENTE

Nessun commento: