mercoledì 27 dicembre 2017

STEFANO PIGOLOTTI ILLUSTRA LA TEORIA DI NUDGE CONTRO LA CRISI DEL PREMIO NOBEL RICHARD THALER

L’importanza delle scelte dei singoli cittadini nelle dinamiche dell’economia, in un corso di skills empowerment aperto a tutti che affonda le radici nel trattato che ha reso famoso l’economista americano. La nuova strategia per migliorare le nostre decisioni su denaro, salute, felicità è un libro di Cass R. Sunstein e Richard H. Thaler, Premio Nobel per l'economia 2017.

STEFANO PIGOLOTTI ILLUSTRA LA TEORIA DI NUDGE C
Secondo Richard Thaler, Premio Nobel per l'economia nel 2017, la motivazione parte da un obiettivo


.
Immaginate di essere all’interno dei bagni pubblici dell’aeroporto di Amsterdam: in ogni orinatoio  è stato messo un adesivo con l’immagine di una mosca. Con questo piccolo accorgimento ci si è accorti che la quantità di pipì finita sul pavimento, sotto le latrine, è diminuita dell’80 per cento.

la spinta gentileCapita l’antifona? Anche nei comportamenti più casuali, gli uomini sono motivati dalla possibilità di prendere di mira un bersaglio. Se sfruttiamo questa motivazione sapremo come è possibile spingerli ad un comportamento positivo in modo lieve, senza obbligare o o minacciare sanzioni.

Quello delle mosche di Amsterdam è forse l’esempio preferito da Richard Thaler— docente dell’Università di Chicago,, Premio Nobel per l’economia comportamentale (da lui fondata) e autore, insieme al giurista di Harvard Cass Sunstein, di Nudge, un «bestseller» negli Usa—per spiegare la filosofia del «paternalismo libertario » che è alla base del loro lavoro: un libro, ora pubblicato anche in Italia da Feltrinelli, che dà alla parola «nudge » (pungolo) il significato di «spinta gentile».

“Si tratta di un comportamento che chiunque di noi può adottare nella vita, sul luogo di lavoro, in una attività sportiva” - spiega Stefano Pigolotti,  Personal coach professionista -  al primo corso in Italia in skills empowerment
“Ed è - continua - un modo di capire come vivere meglio prendendo decisioni più sagge, meno istintive. E tutto nei campi più disparati: dal modo di investire i risparmi per la pensione allo smaltimento ecologico dei rifiuti; dai disincentivi alle abitudini alimentari che portano all’obesità alle difficoltà incontrate nel training sportivo”.
“Un nuovo modo di influenzare le scelte senza divieti o prescrizioni, ma con la «spinta gentile» di piccoli incentivi sufficienti a cambiare i comportamenti casuali della gente; lasciando, però, ognuno libero di fare le proprie scelte”.

Così il direttore di una azienda - per esempio - potrà incentivare i propri dipendenti a frequentare una palestra interna, vista come un incentivo, come un premio più che come un obbligo, contribuendo a rendere più sani e robusti i propri dipendenti che si ammaleranno di meno ma anche a favorire la socializzazione. E sappiamo che in certi ambienti lavorativi si lavora meglio se il clima è più sereno.

"Piccoli sforzi - spiega ancora il docente - che si riflettono sulla nostre vite e quelle dei nostri colleghi, anche sul piano economico oltre che quello sociale".
Pensate che Nudge fu uno dei libri-guida della campagna elettorale di Obama che ha usato proprio il metodo di Thaler e Sunstein per interpretare la crisi del sistema finanziario e che si è portato Sunstein alla Casa Bianca.





Un nuovo percorso formativo dunque per i marketers, gli imprenditori, i manager e per chiunque voglia capire meglio se stesso e le sue attitudini, che permetterà alle persone di crescere e di capire quali sono le alchimie fondamentali per migliorare le qualità che già abbiamo.

In tutto quello che facciamo nella vita, oppure come leader o come manager, siamo obbligati ad avere ed utilizzare molte più abilità rispetto alle nostre abilità logiche, analitiche e gestionali: migliorare la consapevolezza di sé e le competenze emotive personali per aumentare la padronanza di sé diventa dunque un imperativo categorico per migliorare se stessi e gli altrui.



Durante questo incontro Stefano Pigolotti introdurrà un primo percorso che ci insegnerà quali sono le tecniche da mettere in atto per raggiungere il nostro obiettivo per il successo personale, qualunque esso sia. Scopriremo come usare le soft skills, quando abbiamo porci degli obiettivi e quando, ad esempio, dobbiamo mettere in atto alcune attività specifiche ed applicarle in tempo reale.

Questo è l’obiettivo: creare un percorso formativo personalizzato e operativo.




Nessun commento: