mercoledì 13 luglio 2016

IN VACANZA DALLO ZIO NEWT NON CI SI ANNOIA MAI

Lo Zio Newt in "Laboratorio ad alto voltaggio"
La porta del vostro bagno è a tenuta stagna (intendo dire: come quella di un sottomarino)? Lasciate che il tagliaerbe giri da solo nel vostro giardino (è possibile: basta legarlo ad un palo, man mano il tagliaerbe si srotolerà compiendo circonferenze sempre più grandi...)? La vostra casa è il disordine puro, nella sua accezione più ampia? No? Allora voi non siete lo Zio Newt. Ma lo Zio Newt è proprio così, nel senso che può capitare che il tagliaerbe esploda e che casa sua sia un'accozzaglia di scafandri, orsi polari, motoseghe e lanciafiamme. Però ha così tanti libri "da far invidia ad una biblioteca" ed è uno che sperimenta molto. Fino al punto di trovarsi invischiato in un esperimento, che gli impedisce di andare a prendere i suoi due nipoti, in arrivo all'aeroporto internazionale di San Francisco.

Così comincia "Laboratorio ad alto voltaggio", un romanzo sulle avventure di Nick e Tesla (appunto, i nipoti), che sembrano normali ragazzini di 11 o 12 anni, se non fosse - ad esempio - per i libri che si sono portati per il viaggio: "lui teneva in mano Una breve storia del tempo, o qualcosa del genere. Lei un manuale di Teoria di robotica applicata: cinematica, dinamica e controllo". Dovranno risolvere un mistero ed utilizzeranno tutta la tecnologia che saranno in grado di costruire.


Gli autori sono "Science Bob" Pflugfelder e Steve Hockensmith e l'opera è stata pubblicata da Editoriale Scienza. Il libro viene definito "un mistero con elettromagneti, allarmi antifurto e altri congegni tutti da costruire" perché non è soltanto una storia a sfondo scientifico da leggere durante l'estate, ma è anche un vademecum per realizzare vari dispositivi. Naturalmente è opportuno che i ragazzi siano assistiti dai genitori e che - prima di avventurarsi nella realizzazione di un congegno - si verifichi bene la disponibilità del materiale occorrente. Non sempre, infatti, si tratta di cose che si hanno normalmente in casa; talvolta occorrerà mandare il papà nel negozio di ferramenta di fiducia o in quello di bricolage a fare acquisti. E' comunque un bel modo per trascorrere del tempo con i propri figli.

Buona lettura e buona costruzione !!!
Ah, dimenticavo, buone vacanze !!!

Walter Caputo

Nessun commento: