martedì 10 marzo 2015

ATTENZIONE DINOSAURI: LAVORI IN CORSO - MOSTRA ALLE SCUDERIE DEL CASTELLO DI MIRAMARE - TRIESTE

Quante volte abbiamo visto in TV un documentario in cui i Paleontologi scavavano dinosauri o ancora abbiamo letto un libro di divulgazione scientifica che documentava le varie fasi di scavo e preparazione di questi grandi rettili. Con grande ammirazione sicuramente un po' di invidia ci siamo detti "Quanto mi piacerebbe partecipare ad una di queste scoperte! Estrarre le ossa di un dinosauro, recuperarlo per poi portarlo al Museo ed infine prepararlo per lo studio scientifico e l'esposizione al pubblico... soltanto i Paleontologi più fortunati riescono a seguire tutte le fasi del recupero di questi fossili". No, non è vero! 
In questo periodo alle Scuderie del Castello di Miramare a Trieste è possibile partecipare alle fasi di preparazione e montaggio di 2 dei dinosauri più conosciuti: alla mostra "ATTENZIONE DINOSAURI: LAVORI IN CORSO".



Organizzata dalla ditta triestina Zoic, leader in tutto il mondo nella preparazione di questi grandi vertebrati, in collaborazione con la Cooperativa Gemina  che si occupa delle visite al sito paleontologico del dinosauro Antonio a Villaggio del Pescatore - Trieste, potrete toccare con mano il lavoro minuzioso di restauro, preparazione e assemblaggio delle ossa che viene di solito svolto dietro le quinte prima dell'esposizione definitiva in un Museo.

Nel corso di quasi 2 mesi prenderanno forma davanti ai vostri occhi due dei più famosi dinosauri del Giurassico disposti in una scena di caccia. Un cucciolo di Diplodocus canergii chiamato Duffy e il suo predatore un Allosaurus denominato Kan.



Abbiamo intervistato il curatore della Mostra, il dott. Flavio Bacchia.

Mi sembra che la mostra non sia statica ma sia predisposta ad essere fruita nel tempo... 
Certo sono i "LAVORI IN CORSO" che prevedono un montaggio poco per volta degli scheletri di dinosauro, aggiungendo ogni settimana parte delle ossa di questi due animali. All’apertura della Mostra i due dinosauri saranno esposti montati a poco più del 50%. Mano a mano nel corso dell’esposizione, altre parti degli scheletri verranno preparate di fronte ai visitatori ed aggiunte alla composizione per arrivare ad un risultato completo al 100% subito prima della prossima Pasqua, periodo nel quale Daffi e Kan potranno essere goduti in tutta la loro eccezionalità .

Da dove provengono i 2 dinosauri? 
I due dinosauri provengono del Wyoming, dalla famosa formazione rocciosa Morrison, che fin dalla fine dell'800 ha fornito centinaia di scheletri di dinosauro, a volte anche completi come questi due.


Quali sono le tecniche di preparazione delle ossa?  
Le ossa, una volta arrivate in laboratorio, vengono sgrezzate con dei mini martelli pneumatici e poi rifinite con un sottile getto di sabbia.

Nel video potete osservare l'operazione di sabbiatura per la pulizia di un osso di dinosauro. Grazie ad un getto d'aria con polvere abrasiva, in pochi secondi l'osso di un colore nerastro viene liberato dalla matrice rocciosa più chiara che lo ha conservato per milioni di anni. La parte esterna che avvolge il fossile osseo è la corazza di strati di tessuto impregnati di gesso che è stata posta dai Paleontologi al momento della rimozione dal luogo del ritrovamento. Ha la funzione di conservare il reperto senza danneggiamenti fino al momento in cui viene trasportato al laboratorio per la successiva fase di preparazione. 

Si può vedere anche il dinosauro Antonio?  
Non lo scheletro originale che è al Museo di Storia Naturale di Trieste o la copia che si trova al Villaggio del Pescatore, nel punto in cui il dinosauro è stato trovato. Si può però osservare la ricostruzione dell'aspetto di Antonio così come si presentava in vita, in una visione olografica, tridimensionale, materializzata nell'aria di fronte ai visitatori che devono indossare speciali occhiali per questo tipo di immagine.

La mostra si trova ubicata alle Scuderie del Castello di Miramare a Trieste e si può visitare fino al 6 aprile 2015.
  • La mostra sarà aperta tutti i giorni, feriali dalle 9 alle 13, sabato e festivi dalle 9 alle 16, dal 21 febbraio al 6 aprile prossimi. Sarà accessibile unicamente con visite guidate al costo (prezzo unico) di 5 euro.
  • Per coloro che desiderassero seguire l’iter di preparazione e verificare passo a passo i lavori in corso è previsto un accesso illimitato al costo di 10 euro, valido per tutto il periodo della mostra.

  • Per informazioni e contatti ai numeri: 347 1006724 e 347 7393118
 
 
E' GIUNTA NOTIZIA PROPRIO OGGI, GIORNO DI PASQUA, CHE LA MOSTRA E' STATA PROROGATA FINO AL 3 MAGGIO 2015.


Nessun commento: