martedì 14 gennaio 2014

PERCEZIONE VISIVA: PERCHÉ VEDIAMO LE CROCI E NON LO SFONDO?

Continua la rubrica "illusioni ottiche". La percezione dello spazio, della luce, del movimento.

CHI È CAPACE DI SPIEGARE IL PERCHÈ DI QUESTA APPARENTE "ILLUSIONE"
clic sull'immagine (guardate l'immagine in movimento) 


RISPOSTA: FIGURA O SFONDO? 

Il testo SCIENZA DELLA VISIONE di Massimo Hachen (Maggioli ed) ci offre una precisa risposta.

È attorno al 1920 che lo psicologo della percezione Edgar Rubin ideò alcune configurazioni che spiegavano il nostro modo di percepire lo spazio. 
Si può dimostrare che: diventa più facilmente figura ciò che è più piccolo e ciò che è contenuto; che ha i margini regolari ed è simmetrico.
Questa condizione fa capo alla nostra tendenza alla regolarità. 
Le figure relativamente più piccole, costituite da forme chiuse, più dense, tendono ad essere più semplici o pregnanti, convesse.

Nell'immagine, ad esempio,  tendiamo a chiamare "sfondo" la forma concava e "figura" quella convessa. 

2 commenti:

Bebo Solocuba ha detto...

Perché il cervello tende a riconoscere come movimento una forma definita che ruota preferendola ad un'altra ferma che cambia geometria.

Christian Brasolin ha detto...

Ma quale sarebbe lo sfondo?