mercoledì 29 maggio 2013

SESSO SELVAGGIO

Gli esseri viventi hanno prima di tutto due obiettivi: sopravvivere e riprodursi. Il mandato di madre natura nel caso si fosse in dubbio su quale attuare per primo è "riproduciti e poi pensa a salvarti".
Così, se durante la copula, due animali si trovano in pericolo, il maschio si fa venire un attacco di eiaculazione precoce e poi scappa. Riprodursi e diffondere i propri geni è la cosa più importante di tutte.

Per raggiungere questo obiettivo la natura ha reso lecito qualunque mezzo.
Per raggiungere questo obiettivo la natura ha escogitato soluzioni che van ben al di là dell'umana immaginazione, che si tratti di seduzione, di copula o di allevamento della prole.

"Prostituzione, travestitismo, sesso di gruppo, incesto, transessualismo, omosessualità, masturbazione niente di tutto ciò è un'invenzione umana. Da milioni di anni gli animali esibiscono un repertorio sessuale molto più vasto di quello offerto in rete dai supermercati del sesso [...] e tutto senza inibizioni, pregiudizi, tabù quasi la natura abbia voluto saggiare ogni possibile variante offerta dalla sessualità".

Claudia Bordese - ed. Instar Libri
Così si apre il libro Sesso selvaggio, quando ad amare è la natura, di Claudia Bordese, edito da Instar libri.

Verrebbe da non crederci e invece leggi e scopri che le lumache sono ermafrodite, che nemmeno l'uomo più dotato può competere contro lo squalo che ha 2 peni, che la Tenia visto che vive da sola fa da sé, che esistono copule eterne che durano tutta la vita, che i giovani leoni marini si travestono da femmine per entrare nell'harem, che il pesce pagliaccio è in grado di cambiare completamente sesso in caso di necessità e che l'omosessualità è praticata abitualmente da oltre 400 specie animali, nonostante il paradosso evolutivo!

Tutto e di più perché qualunque strategia riproduttiva in natura vuol dire egoistico amore per la vita.

E se dopo 140 pagine di sesso vi sembrerà di non poterne più, come avverte l'autrice, l'ultimo capitolo è imperdibile.

Se posso trovare un difetto a questo libro non è di sicuro nei contenuti, ma nella mancanza di immagini, mi sarebbe davvero piaciuto vedere un'immagine della rana Pica pica!



Nessun commento: