venerdì 22 giugno 2012

SCIENCE: IT'S A GIRL THING: IL VIDEO DELLA COMMISSIONE EUROPEA RIMOSSO A FUROR DI POPOLO


Ultimo aggiornamento 24 giugno ore 9.00


Scivolone mediatico  quello capitato in queste ore alla Commissione Europea.

Un video su YouTube con immagini di rossetti, tacchi mozzafiato e un tecnico di laboratorio "distratto  dalla sua ricerca" da  ragazze che ammiccano è stato condannato come sessista e umiliante da migliaia di persone che hanno visto lo spot sul canale YouTube di “Science: it’s a girl thing!” . Doveva incoraggiare le ragazze  minorenni ad abbracciare la carriera scientifica ma proponendo i soliti stereotipi  di genere.

Il video è stato rimosso dalla Commissione Europea pochi minuti fa (mentre stavamo scrivendo) ma  The Telegraph. ha ripubblicato il video documentando la vicenda. 




Il primo sito in Italia a denunciare la presenza del video incriminato è stato proprio un nostro canale social.

Il clip video  descrive la scienza come "roba da ragazze" e combina le immagini generiche di trucchi, cipria e tacchi a spillo con immagini di modelle magre che indossano occhiali da sole firmati.

E pensare che la campagna della Commissione Europea “Science: it’s a girl thing!” (letteralmente "La Scienza: è roba da ragazze!") era iniziata da appena ventiquattrore a Bruxelles, con la partecipazione ai festeggiamenti di Ilaria Capua (qui su Business People)  rappresentante per l’Italia e le scienze della vita. 

Ma gli spettatori della rete hanno bollato il video come  "offensivo" e "insultante". Gli utenti Web erano così scioccati dal suo contenuto, che un portavoce della CE è stato costretto a negare che fosse uno scherzo, insistendo sul fatto che la Commissione "in realtà non fa ironia".

Mentre gli altri video del canale disegnano con lode donne che parlano degli impegni legati alla loro carriera nella ricerca scientifica, il video si approcciava in maniera diversa, presentando tre modelle ridacchianti  che lanciavano baci in un contesto equivoco e senza alcun contenuto scientifico.

Al momento di scrivere - segnala The Telegraph -  il video su YouTube è stato "apprezzato" da 51 persone e "deprezzato" da 1.779 mentre su twitter si sono susseguiti per ore commenti ironici e negativi sotto l'ashtag #sciencegirlthing.

Il video è andato online Venerdì  come parte di una serie di video elencati sotto il canale YouTube "Science: It's a Girl Thing". Pochi minuti fa il video è stato definitivamente rimosso


Il sito della Commissione Europea  http://science-girl-thing.eu/


Ne parlano (in termini critici) anche su:

Aggiornamento:


Uno studio pubblicato su Scientific American suggerisce che solo il 27 per cento degli accademici in arrivo negli studi scientifici sono donne. La parità non verrà raggiunta fino al 2050.
Il Prof. Lesley Yellowlees,  primo presidente donna della Royal Society of Chemistry, ha dichiarato che il Regno Unito è mezzo secolo indietro rispetto all'America in termini di opportunità per i ricercatori di sesso femminile.

La Commissione europea ha spiegato il suo ragionamento a HuffPost: "Abbiamo bisogno di ottenere l'attenzione delle ragazze che altrimenti non pensano alla scienza, e poi mostrare loro la vita reale attraverso modelli di ruolo e con esempi che  dimostrino  come la scienza pesa essere divertente:  è una grande possibilità di carriera e può fare la differenza per tutte le nostre vite. "

Questa tattica tuttavia non ha dimostrato essere efficace. Uno studio condotto da ricercatori presso l'Università del Michigan ha scoperto che i modelli contenuti nella scienza non riescano a motivare le ragazze per entrare in un mondo  dominato dal maschile, come la tecnologia, l'ingegneria e il settore dello studio della matematica.



Mary McKenna redattrice di  Wired, Scientific American, Nature, Guardian scrive su Twitter :
the  video has been "marked 'private' by the uploader" - cannot view or read comments. so, PR fail AND transparency fail.
In pratica, secondo la sciencewriters, i PR della Commissione Europea, censurando il video, hanno sbagliato due volte: prima in comunicazione e poi in trasparenza. 


Aggiornamento ore 10:16
Il blog  bakingbiologist segnala un'altra caduta di stile. Sulla pagina Facebook della campagna della Comissione Europea  era presente questo messaggio (ora rimosso) che descriveva alle giovani ragazze l'importanza della scienza nella creazione di cosmetici e moda.
"Science inspires, enlightens and changes our world. It is the basis for our cosmetics, fashion, music, and so much more. So, what's stopping you from getting involved in science?" 
Proabilmente qualcuno deve avere spiegato ai PR che è un po' riduttivo presentare la scienza come  generatrice di brillantini e paiette.  E il testo è stato cambiato in: 
"Science inspires, enlightens and changes our world. It is the basis for our medicine, transport, energy, and so much more. So, what’s stopping you from getting involved in science?" 
Qui i commenti negativi dei lettori di Facebook   https://www.facebook.com/sciencegirlthing?filter=2





Ecco alcune delle critiche più interessanti trovate sul canale Facebook dell'iniziativa della  Commissione Europea


I would suggest you start educating yourself on the reasons why your promotional video is counterproductive to your own goals: 


Seriously- this teaser is the best you can come up with? Showing models prancing around a lab while a scientist in a lab coat sits behind a microscope? it makes it look like they are models dancing for a real scientist. As a woman with multiple degrees in science i am astonished that this is how you portray science - Models, short skirts, lipstick? how does this either show science or attract women to science? and to say science is a girl thing while showing women engaged in activity in a lab is like calling women in science "girls". This is insulting, misguided, sexist, and misses the mark. Way to dumb it down for the masses that don't actually exist.


Actually this is what a real scientist looks like:http://lookslikescience.tumblr.com/

Unbelievably stupid. The people who put this nonsense together should be sacked (get your money back if you can). Then you should find an ad company who can do you a sensible, non-sexist, non-insulting campaign that might actually encourage young women into science and not into high heels and short skirts.

You'd think that an initiative aimed at improving gender equality in scientific professions would respect women's intellects. Unfortunately, you'd be wrong.

I'd seriously recommend removing all signs of you're science: it's a girl thing teaser video. This is potentially hugely embarrassing, miss-directive and counterproductive to your actual cause.

I am really sorry to see such a good initiative has a terrible promotional video to try to get the message to girls.

The video has been deleted but the lipstick is still on the logo. I am frightened by the possibility of these people designing a campaign to promote science among men. What would they use? Beer and football perhaps?...

What's next? Launching a campaign to increase amount of girls in construction industry? Here's the video for it:http://youtu.be/a0fkNdPiIL4

Your Youtube teaser video is horrific! It completely misses the point

You have GOT to do better than this. How about showing some REAL women scientists??

¿La mujeres cientificas son así? Claro que no. No me gusta el video de la UE.

This sums up what I think about your campaign. In short, your video is insulting to women, misogynistic and full of gender stereotypes. I doubt you will inspire anyone going to science with this kind of communication!




Ultimo aggiornamento 24 giugno ore 9.00

Mentre la Commissione Europea affonda ancora le sue radici culturali negli stereotipi di genere,  dall'altra parte del mondo il presidente degli Stati Uniti Barack Obama così esprimeva ai media.

Obama: "Perché le donne sono il futuro d'America"

(Articolo del presidente americano, scritto per Newsweek e diffuso dalla Casa Bianca. Traduzione di Elisabetta Horvat) 

Forse questo brano dovrebbe leggerlo  chi si occupa di marketing e comunicazione in Commissione Europea: potrebbe ricavarne qualche spunto e idea innovativa. 

Nessun commento: