giovedì 13 agosto 2015

IRONIA A BORDO: UN SUCCESSO PER LE COMPAGNIE AEREE. MA VIRGIN HA FATTO SCUOLA

Ammettiamolo: le dimostrazioni della sicurezza in volo sono spesso ignorate dai viaggiatori abituali.
Ma ecco che qualcosa cambia, tanto che i passeggeri all'inizio si stupiscono, salvo poi ringraziare con un fragoroso applauso deliziati dalla performance di uno stewart di un jet canadese della West Jet Airlines che dimostrava il corretto uso della maschera di ossigeno e di altre vie di sicurezza nell'aereo



Il video non è l'unico divertente dalla stessa compagnia aerea.
Nel mese di marzo i passeggeri hanno avuto un analogo intrattenimento, in questo caso un'assistente di volo femminile, che ha colto tutti alla sprovvista in 'Uptown Funk', un ballo di Mark Ronson e Bruno Mars, svolto dopo la dimostrazione di sicurezza.




Ma la prima ad avere utilizzato professionalmetne l'ironia è stata la Virgin.
Guardate questo video spot della compagnia aerea più celebre del Regno Unito. 




Ricordabilità. Ogni secondo dello spot istituzionale della Virgin America – compagnia aerea low cost della Virgin Airlines – sulle regole della sicurezza in volo, ruota completamente attorno a questo concetto. La musica aiuta a memorizzare parole chiave come “Hear”, “Fly”, “Mask”, “Bright”, “Exit”, “Flotation”, “Smokers” e “Lighted” e a ricordare meglio i concetti legati alla sicurezza del volo. Inoltre un video non noioso viene visto (e ricordato) con maggiore attenzione. 

Quindi se pensate che questo sia solo un video musicale dilettevole, sappiate invece che è stato studiato con precisione psicologica per radicarsi nella testa dello spettatore. 

Insomma, le compagnie aeree si danno da fare e puntano sull'ironia. Almeno da quando uno dei pionieri delle compagnie aeree, Sir Richard Branson (l'uomo più ricco del Regno Unito), si travestì da hostess per l'inaugurazione della sua compagnia. Motivo? Il pegno pagato per una scommessa persa con il suo amico Tony Fernandes, proprietario della compagnia di volo indiana, appunto.

Nel 2010 Branson aveva spavaldamente detto a Fernandes che il suo team di Formula 1 sarebbe arrivato davanti a quello del magnate indiano. Non è andata così. La squadra automobilistica del proprietario della AirAsia è arrivato due punti sopra quella di Branson. 

Così il proprietario della Virgin ha indossato i tacchi a spillo e le calze di seta ed è salito a bordo del volo AirAsia per l'assistenza ai passeggeri. "Davvero una pessima hostess" ha commentato scherzosamente Fernandes, "credo che sarà licenziata".







Nessun commento: