sabato 4 aprile 2015

ACCOGLIENZA OLFATTIVA PER STUDI MEDICI

Osservando numerosi blog e riviste riguardanti la gestione degli studi medici, non ho potuto fare a meno di notare la crescente importanza che due discipline, relativamente nuove per il settore, stanno assumendo: l’accoglienza e la comunicazione al paziente.

Basandomi sulla mia lunga esperienza, vorrei approfondire queste due discipline osservandole da un punto di vista particolare, sfruttando un canale comunicativo che viene spesso trascurato, ma che ha enormi potenzialità: l’olfatto.


emozioni olfattive
Emozioni olfattive - Shutterstock


PERCHÉ I PROFUMI NELLO STUDIO MEDICO

Per analizzare le potenzialità olfattive nella comunicazione, partiamo da un presupposto fondamentale che riguarda tutti i pazienti: a nessuno piace andare dal medico.

Lo studio medico viene spesso identificato come un luogo dove andare non è piacevole, dove si effettuano visite delle quali si farebbe volentieri a meno, e dove la permanenza, in genere, si spera sia breve.
È per questo motivo che l’accoglienza gioca un ruolo fondamentale; diventa indispensabile trasformare la permanenza del cliente in un’esperienza più piacevole, dove egli si senta sicuro, accudito, un po’ come se fosse a casa propria.

Ecco perché gli aromi possono costituire un’arma vincente per la gestione dello studio, mescolandosi all’ambiente sensoriale creato attraverso gli arredi, i colori e le musiche di sottofondo.

La comunicazione olfattiva può costituire un’arma vincente per diversi motivi:
  • Accoglienza. Accogliere le persone con il profumo crea una sensazione di coinvolgimento che ha pochi eguali nel mondo del marketing. Entrare e percepire un odore piacevole può indurre nei pazienti un immediato senso di relax e tranquillità. Ad esempio, la fragranza alla vaniglia evoca il ricordo dell’infanzia e dell’odore materno, e per questo è ottima per indurre un senso di serenità e familiarità.
  • Memoria. La memoria olfattiva è molto potente, più di quella visiva e acustica, pertanto l’odore rimane impresso nella memoria per molto tempo, riportando alla mente l’immagine dello studio dentistico non appena viene percepito nuovamente.
  • Pulizia. I profumi inducono un senso di pulizia immediato; fragranze come il limone, il lino o la menta sono molto usati anche negli ambulatori proprio per la loro capacità di far percepire nell’ambiente un senso di freschezza e igiene.
  • Efficacia: L’olfatto è l’unico dei cinque sensi che comunica in maniera diretta con il cervello. È difatti collegato al sistema libico emozionale, la parte del cervello che viene comunemente detta ‘centro delle emozioni’, e controlla i nostri sentimenti e gli stati d’animo. Per questo gli odori sono molto efficaci per suscitare emozioni e ricordi piacevoli.

L’accoglienza olfattiva prende molto del suo potenziale dall’aromaterapia, la disciplina medica che sfrutta le potenzialità degli oli essenziali per il mantenimento del benessere psico- fisico; in particolare, mentre l’aromaterapia gli oli essenziali anche come balsami o creme, l’accoglienza olfattiva si concentra sul loro potenziale all’interno dei profumi.

Recenti ricerche confermano il sempre maggiore uso degli aromi negli ospedali, nelle cliniche e nelle farmacie proprio per utilizzare queste loro proprietà rilassanti.

Esperienza olfattiva negli ospedali - Shutterstock

Gli odori sono molto efficaci anche per potenziare il marketing dello studio medico; essi rappresentano uno strumento efficace perché, come detto prima, vengono associati allo studio non appena vengono percepiti, creando un effetto-memoria che permane a lungo termine, e che viene risvegliato non appena si percepisce nuovamente l’odore.

Il marketing olfattivo, disciplina nata di recente, sfrutta proprio questa potenzialità, permettendo all’ambiente in cui l’aroma viene diffuso di rimanere impresso nella memoria attraverso gli odori.

AROMI? SÌ, MA QUALI?

Legittima domanda che chiunque voglia intraprendere una politica di accoglienza olfattiva si pone. Che aromi posso usare? Sono migliaia e possono veicolare centinaia di messaggi differenti: gli agrumi possono comunicare energia e vitalità , il lino evoca la sensazione di pulito, la menta da’ un senso di freschezza e così via.

Aromi profumati (lavanda)  - ShutterStock

Anzitutto è importante specificare che ogni fragranza va legata al contesto in cui la si vuole diffondere e al messaggio che si vuole trasmettere, per creare una comunicazione sensoriale efficace a 360°.

In questo caso, dato per scontato che le sensazioni che lo studio dentistico deve trasmettere siano tranquillità, serenità e familiarità, ecco una breve descrizione delle fragranze più adatte:
  • Vaniglia: simboleggia una sorta di ritorno all’infanzia e ai profumi dalle dolci reminiscenze.Ideale per accogliere e tranquillizzare
  • Rosa: emana sensazioni positive, capaci di favorire la serenità e la disponibilità.
  • Muschio: crea un clima disteso ed equilibrato, dando un senso di positività.
  • Lavanda: è l'essenza forse più nota per la proprietà riequilibrante che calma dà serenità con il suo profumo fresco e intenso.
Con questo articolo non voglio affermare che il marketing e la comunicazione olfattiva siano strumenti che da soli risolveranno i problemi dello studio medico o che offriranno flussi di cassa impensabili, ma indubbiamente possono costituire uno strumento efficace di distinzione ed accoglienza se ben integrati con il vostro ambiente, la vostra comunicazione e la vostra professionalità.


Si ringrazia per l'articolo la dr.ssa Maristella De Marchi di emozioniolfattive.com


PER APPROFONDIRE

Siti web: 


Articoli: 

Nessun commento: