venerdì 14 novembre 2014

OMAGGIO A PAOLO BUDINICH ALL'IMMAGINARIO SCIENTIFICO DI TRIESTE

Domenica 16 novembre l'Immaginario Scientifico di Trieste ricorda il fisico e padre fondatore del Science Centre di Grignano. Accesso gratuito per tutto il giorno e speciale laboratorio per famiglie alle 11.30.

Paolo Budinich
Paolo Budinich 

A un anno dalla morte del professor Paolo Budinich (28 agosto 1916-14 novembre 2013) l'Immaginario Scientifico organizza una giornata speciale, per ricordarlo e rendergli omaggio, in quanto padre fondatore del science centre triestino.

Domenica 16 novembre, il science centre triestino sarà infatti aperto al pubblico gratuitamente, dalle 10.00 alle 20.00. Inoltre, alle 11.30 le famiglie con bambini sopra 10 anni potranno partecipare al laboratorio gratuito “Tra le meraviglie della fisica”.

Per tutta la giornata bambini e adulti avranno così modo di scoprire attraverso le postazioni interattive della sezione Fenomena le leggi della scienza e della natura, sperimentandole in prima persona in modo informale, giocoso e divertente. Non mancheranno le spettacolari immagini della multivisione nella sezione museale Kaleido, che scorrono a ritmo di musica in un’emozionante passeggiata tra 13 grandi teorie, idee o invenzioni scientifiche dalle quali non si può prescindere per guardare il mondo. Ogni ora sarà poi possibile fare una visita guidata al planetario Cosmo, per ammirare stelle, pianeti, albe e tramonti esattamente come sono in questo periodo dell'anno.

Alle 11.30 ecco uno speciale laboratorio sulla fisica dedicato alle famiglie con bambini sopra i 10 anni, che avranno modo di lavorare assieme per entrare in contatto con questa affascinante disciplina, che ha guidato e ispirato Budinich nella sua vita e nelle sue ricerche.

"Un’infanzia selvaggia aumenta la capacità di fantasticare e inventare", disse Paolo Budinich in un'intervista a Paolo Rumiz su Il Piccolo del 26 febbraio 2009. Ai bambini e alle loro famiglie è quindi dedicata questa speciale attività informale, con esperimenti sull'energia termica, sulla luce a la polarizzazione, ma anche sul suono e sull'elettromagnetismo, che i partecipanti sono invitati a provare e capire, anche con uno "slancio di fantasia", passando attraverso le fondamentali tappe dell'osservare, ipotizzare e sperimentare.

Le attività sono gratuite, ma per partecipare al laboratorio è necessario compilare il form online sul sito www.immaginarioscientifico.it. Per informazioni: 040 224424 | info@immaginarioscientifico.it

Chi era Paolo Budinich

Oltre ad aver promosso la nascita dell'Immaginario Scientifico come centro per la divulgazione scientifica, a partire dalla mostra “L'Imaginaire Scientifique” nel 1986, Paolo Budinich fu uno dei maggiori fautori del Sistema Trieste come polo scientifico di risonanza internazionale, fondando fra gli altri The Abdus Salam International Centre for Theoretical Physics (ICTP) e la Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA). Fu anche tra i promotori di AREA Science Park, in particolare del Sincrotrone di Basovizza e dell'International Centre for Genetic Engineering and Biotechnology (ICGEB), senza dimenticare gli organi amministrativi creati per il raggiungimento di questi obiettivi, quali il Consorzio per la Fisica e la Fondazione Internazionale Trieste per il Progresso e la Libertà delle Scienze (FIT).

Budinich ha sempre fermamente creduto nell’Immaginario Scientifico e nel suo obiettivo di diffondere la cultura scientifica, accompagnandolo attraverso le gioie e le difficoltà incontrate per realizzarlo. La straordinaria energia e vivacità intellettuale di Paolo Budinich, unite all’illuminata convinzione che attraverso la scienza e la divulgazione scientifica non solo gli individui si emancipano, le comunità progrediscono, ma anche i popoli e le nazioni si uniscono, hanno impresso un segno indelebile in quanti lo hanno conosciuto, e ancora oggi ispirano obiettivi e scelte dell’Immaginario Scientifico che, pur autonomo e radicalmente mutato in questi anni, va considerato a tutti gli effetti una delle tante importanti creature istituzionali che Paolo Budinich ha brillantemente immaginato, caparbiamente perseguito e generosamente regalato a questa città.

Nessun commento: