venerdì 3 maggio 2019

PIONIERI. ESPLORATORI DELL’IGNOTO DA LEONARDO AI GIORNI NOSTRI

L’Università di Torino celebra Leonardo a 500 anni dalla sua morte

leonardo da vinci

Parte martedì 7 aprile alle ore 10.00 presso i Musei Reali di Torino “Pionieri. Esploratori dell’ignoto da Leonardo ai giorni nostri”, la rassegna promossa dall’Università degli Studi di Torino in collaborazione con Thales Alenia Space, in occasione dei 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci. Il progetto interdisciplinare, che durerà fino al 18 giugno, tutti i martedì e i giovedì dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18, è realizzato nell’ambito della mostra “Leonardo Da Vinci. Disegnare il futuro” in corso ai Musei Reali, ispirato all’universalità del grande artista.

Il public programme della mostra prevede oltre 60 “Speakers’ corners”, brevi incursioni dei ricercatori dell'Università di Torino e di Thales Alenia Space in mostra, che prendendo le mosse dai disegni esposti e partendo dalle suggestioni delle opere, ne approfondiranno i temi illustrando il punto di arrivo delle loro ricerche e le sfide future nei più svariati ambiti disciplinari.

L’esplorazione dell’ignoto, guidata dall’ingegno, la fantasia, le aspirazioni e l’ardore leonardeschi, rivive nei “pionieri” della ricerca universitaria e industriale di oggi: dalle neuroscienze all’astrofisica, dalla linguistica alle scienze della Terra, dalla fisica dei materialiall’antropologia culturale. I protagonisti della ricerca animeranno un inedito spazio di condivisione con il pubblico all’interno della mostra.

Tra i diversi appuntamenti in programma si segnala il 9 maggio (0re 10-12) “Vite estreme: la sfida del benessere psicologico nello spazio” in cui Raffaella Ricci del Dipartimento di Psicologia analizzerà come il volo umano studiato da Leonardo nel Codice sul volo degli uccelli ha raggiunto oggi traguardi all’epoca inimmaginabili. Le missioni future intendono perfino portare l'essere umano su Marte, in un ambiente isolato, confinato ed estremo in cui sarà determinante garantire il benessere psicologico e cognitivo dei pionieri sul pianeta rosso.

Il 14 maggio (ore 16-18) è la volta di “Femminile ma non è femmina” in cui Silvia De Francia del Dipartimento di Scienze Cliniche e Biologiche partendo dall’opera Testa di Fanciulla tratterà del problema della questione di genere in medicina, in particolare sulle differenze in ambito medico e clinico-terapeutico e di risposta ai farmaci fra uomo e donna.

Andrea Gallice del Dipartimento di Scienze economico-sociali e matematico-statistiche prendendo spunto dall’opera Studi di carri d’assalto il 28 maggio (ore 16-18) si occuperà dell'analisi delle interazioni strategiche (non solo conflittuali ma anche di natura cooperativa) attraverso le lenti della teoria dei giochi. Dai conflitti sovranazionali alla sostenibilità di accordi internazionali fino anche alle attività di fundraising

Il martedì e il giovedì gli studenti universitari muniti di tesserino hanno diritto all’ingresso ridotto speciale (8 euro). Maggiori informazioni: www.museireali.beniculturali.it

La Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, Ridotto dell’Auditorium Vivaldi, ospiterà invece sempre a partire dal 7 maggio (fino al 22 giugno) la mostra “Leonardo e i suoi saperi. Viaggio tra i fondi bibliografici della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, della Fondazione Luigi Firpo, dell’Università degli Studi di Torino”, un percorso espositivo tra fondi librari legati al maestro di Vinci quale lettore, autore e soggetto tematico nelle più diverse declinazioni scientifiche e umanistiche.

Sito Web: www.unito.it/leonardo

Nessun commento: