giovedì 14 marzo 2019

COSA SONO I FILLER ESTETICI?

Il dottor Francesco Bruno, nel suo studio medico di Chieri o in collaborazione con il Poliambulatorio ES, esegue trattamenti filler mirati per azioni di riempimento rughe, per la definizione delle labbra, per plasmare gli zigomi e il mento o la rimozione di cicatrici. I trattamenti filler consistono nell’iniezione di sostanze nel derma o nel tessuto sottocutaneo in modo da poter correggere imperfezioni della pelle, ritoccare inestetismi del viso come rughe o cicatrici, e ripristinare i volumi perduti. I trattamenti filler più diffusi e noti sono a base di acido ialuronico, una molecola presente in modo naturale nell’organismo, e che con il passare degli anni si riduce, portando alla formazione delle rughe, che si formano per via dell’indebolimento della pelle stessa. I trattamenti filler (termine inglese che significa “riempitivo”) hanno la funzione di “riempire” lo spazio lasciato vuoto dalla diminuzione della concentrazione di acido ialuronico, restituendo tonicità alla pelle.


I trattamenti filler, dato che vengono eseguiti con una molecola naturalmente già presente nella pelle, e quindi non ha effetti permanenti. Fin dal momento in cui viene iniettato nella pelle l’acido ialuronico riempie lo spazio creatosi con l’avanzare dell’età, eliminando gli avvallamenti della struttura del derma, per poi essere assorbito e metabolizzato dall’organismo in un tempo variabile fra i 6 e i 10 mesi. Come appena accennato, il trattamento viene eseguito tramite iniezione localizzata, eseguita lungo la ruga, la fessura cutanea o nell’area da trattare e resta in sede per alcuni mesi. L’iniezione viene eseguita con siringhe pre-riempite munite di aghi estremamente sottili, il cui ago viene inserito ad appena pochi millimetri sotto lo strato superficiale della pelle, per ottenere un effetto di ringiovanimento già dalla prima applicazione, con un trattamento pressoché indolore.

Il dottor Francesco Bruno durante i suoi trattamenti filler utilizza Radiesse, una sostanza biocompatibile e riassorbibile che stimola la produzione di collagene. L’impianto dà maggiore volume alla parte del viso trattata e ha una resa diversa dall’acido ialuronico. La composizione di Radiesse è biocompatibile al 100%, con una soluzione di idrossiepatite di calcio (CaHA) (30%) sospesa in una soluzione acquosa di gel (70%). Ciò rende non necessario alcun test allergico prima del trattamento. Le microsfere sintetiche di CaHA hanno una dimensione tra i 25 e i 45 micron e sono composte di ioni calcio e fosfato che si trovano anche nel tessuto epidermico. I macrofagi degradano il mezzo gelatinoso e i fibroblasti formano nuovo collagene naturale che dona un maggior volume e una pelle più liscia. Per le caratteristiche specifiche del prodotto è necessario un utilizzo minore di materiale rispetto ad un trattamento con acido ialuronico: si arriva ad un risparmio del 25-30% per trattamento ottenendo un effetto più duraturo rispetto ad altri filler.

Nessun commento: