martedì 7 agosto 2018

BUONI MOTIVI PER FREQUENTARE UNA BUSINESS SCHOOL



Ci si chiede se col passare del tempo le cose siano cambiate. È indubbia la difficoltà di qualsiasi attività scolastica a tramutarsi in opportunità di lavoro, ma rimane comunque premiata, la conoscenza, l'aspirazione e la capacità di quell'Istituto ad introdurti con metodo nel mondo del lavoro agendo per prima cosa sulla mentalità che inevitabilmente deve cambiare.
Per cui alla domanda se sia importante o meno frequentare un corso di perfezionamento in una Business School, occorre rispondere che lo, è in proporzione alla capacità di quello specifico Istituto a rimanere ancorato al presente, e quindi ad offrirti dei percorsi formativi efficaci e non solo prestigiosi.
Per capirci vale la pena fare qualche esempio, ed in Italia ce ne sono diversi. Già dal sito di BBS, la Bologna Business School ti rendi conto delle possibilità che oggi una scuola di business è in grado di offrire a chi aspira a migliorare o ad aumentare le proprie competenze. I corsi sono inerenti al mondo del lavoro di oggi e sono riguardanti tematiche aziendali attuali. Senza una visione del mondo degli affari aggiornata si rischia di aumentare le proprie competenze per un mondo che non è più interessante oggi.
Resta quindi certamente valido l'assioma per cui la formazione qualificata sia l'ingrediente necessario a sfornare ottimi dirigenti, ma occorre che quella formazione sia attualizzata. Non sono molti gli istituti che sono così aderenti al reale, e questo è un merito importante.

Le caratteristiche di un Master si scelgono per l'efficacia

Un MBA ha un valore al di la di dove lo frequenti, questo deve essere un must da comprendere, ciò che conta non è più solo la formalità di un Curriculum scolastico di prestigio, è la professionalità che aumenta il valore di un'azienda. Per scegliere un buon master occorre prima di iscriversi, verificare i programmi di studio, capire chi saranno i propri docenti, quali sono le opportunità di stage e tutte le altre condizioni che ritieni di valutare.
Che il mondo degli affari sia cambiato negli ultimi anni lo si capisce, che ciò sia dovuto alla crisi finanziaria che ha attraversato i mercati di tutto il mondo è ormai un dato di fatto, ma ciò che ha cambiato anche, sono le condizioni per l'accesso al mondo del lavoro. Le competenze vanno aggiornate ed è questo il miglior momento poiché c'è carenza di quelle figure che sono in grado di lavorare su parametri nuovi, quali quelli della finanza e della redditività ottimizzata da processi di globalizzazione.
Le porte non si aprono se non si sa come utilizzare la maniglia. In questo consiste scegliere un buon corso in una Business School. Prepararsi a risolvere gli enigmi delle aziende in un sistema che ha portato il manager di Taiwan a competere con quello di Milano, occorrono specifiche competenze nel campo della tecnologia, della finanza e dell’imprenditoria.

Cosa ci si aspetta da un Master?

Chi ha intenzione di frequentare un Master, lo fa per migliorare la sua posizione rispetto alle possibilità di inserimento e carriera. Oltre ai canonici lavori che permettono l'accesso alle grandi aziende, i settori ove i nuovi formati si inseriscono più facilmente sono il Marketing e la consulenza aziendale.
Ultimamente non sono pochi i casi in cui dopo aver frequentato un Master si siano sviluppate idee imprenditoriali di successo. Un trend che si è affacciato anche da noi dopo essere stato raccontato a mo di business case famosi di oltre oceano. Tra gli sbocchi lavorativi ci sono anche queste potenzialità che hanno a che fare con il mondo imprenditoriale.
Lo sviluppo delle proprie capacità manageriali danno la possibilità di dare una svolta alla propria carriera. Le nozioni di cui c'è bisogno accrescono le capacità personali e sono in grado di favorire dei processi di crescita che nel tempo possono anche essere differenti da quelli di partenza, proprio perché ci si allena a risolvere in maniera abile situazioni legate alla vita dell'azienda in un mercato in continuo cambiamento ed adattamento.

Nessun commento: