Pagine

sabato 2 luglio 2011

SUPERQUARK: LA SCIENZA BATTE ANCHE IL CALCIO IN TV

Il programma di divulgazione scientifica “Superquark”, condotto da Piero Angela, si è piazzato primo tra gli ascolti di giovedì 30 giugno 2011 con 3.630.000 telespettatori, share del 17,74%.

Il risultato premia un programma che ha sempre puntato sulla qualità, presentando argomenti molto amati dal pubblico. 

Una dimostrazione di come, quando gli si dà la possibilità di scegliere, il pubblico  preferisca la cultura e l'approfondimento scientifico invece dei  programmi di intrattenimento.

Il programma ha battuto ampiamente argomenti come il calcio della seconda rete di stato che ha proposto il “Derby dei Campioni del Cuore” tra Roma e Lazio, che ha totalizzato 1.205.000 telespettatori, 5,58% di share, oppure la fiction di “CSI: scena del crimine” seguiti da 2.415.000 telespettatori (share 10,72%), e il programma di cucina “La notte degli chef” (Canale 5), seguito da 2.454.000 telespettatori, pari ad uno share del 13,30%.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

E poi ci propinano programmi come "LA TAMARREIDE" sostenendo che facciano molti ascolti... io non ci credo!

Claudio ha detto...

Ma "la tamarreide" in realtà ha un ruolo educativo secondo gli ideatori: rientra nella rubrica "Animali NON in via di estinzione" :-)

Marco ha detto...

Piero Angela è una garanzia.
Anche io ero tra quel 17,74%. Perfettamente d'accordo sulla possibilità di scelta (quando c'è) tra cultura (non pseudo-cultura) ed intrattenimento. Oltre ai soliti servizi sempre molto istruttivi e ben fatti, Giovedì sera c'è stato anche un servizio su Google. Cosa c'entra Google con la cultura? C'entra, c'entra, bisogna solo saper trattare correttamente l'argomento e secondo me, così è stato fatto. Non è stato il solito servizio che spesso si vede in giro sul gigante del Web, dove si dice di tutto e non si approfondisce nulla. Si è puntato a comprendere una cosa in particolare e la domanda, in questo caso, è stata: Come fa Google a guadagnare tanto se non vende nulla, se tutti (quasi) i suoi servizi sono gratuiti? Servizio impeccabile, senza tanti giri di parole o tecnicismi inutili. La pubblicità; Google permette l'incontro tra la domanda e l'offerta (AdSense) e tiene per se una piccola parte, ma visto che parliamo di milioni e milioni di piccole parti...
Questo esempio per dire che il grande Piero Angela riesce sempre a stare al passo anche con le "nuove necessità" di informazione. La sua forza? Si avvale di collaboratori realmente competenti e nei suoi servizi difficilmente trovano posto "personaggi" che con la cultura non hanno niente a che fare.

Sugli animali in "NON via di estinzione", stendiamo un velo pietoso. Ma una volta "tamarro" non era un termine che veniva usato in senso dispregiativo? Poi dicono che non è la televisione che crea modelli e, guarda caso, mai degni di essere imitati. E se la chiami TV spazzatura si offendono pure...

Un salutone
Marco

il dentista di provincia ha detto...

Le cose più dannose che ci propina la TV non sono i programmi "leggeri" (è un eufemismo) come "Tamarreide" e nemmeno "La pupa e il secchione", ma quelli pseudoscientifici tipo "Voyager" et similia, che stanno proliferando sulle varie reti.
SuperQUARK è certo un'eccezione positiva, ma lo vorrei un po' più spinto, più attento alla fisica e meno alla zoologia. Si chiama superquark, ma mi gioco la camicia che la metà degli spettatori non sa cos'è un quark!