Pagine

sabato 22 gennaio 2011

LA "FINE DEL MONDO" AL FESTIVAL DELLE SCIENZE DI ROMA


Siamo al Festival delle Scienze di Roma, e presto vi documenteremo alcune tra le giornate più appassionanti a cui abbiamo partecipato. Tra gli eventi più importanti della giornata di ieri sicuramente l'incontro con Lisa Randall (foto), ospite della conferenza moderata da Andrea Bernagozzi (foto).

Durante la conferenza si è cercato di rispondere alla domanda: quali pericoli attendono il nostro pianeta nei prossimi milioni di anni?
Asteroidi Killer, esplosioni di particelle energetiche del Sole, raggi gamma letali emessi da una supernova vicina, il nostro pianeta inghiottito da un buco nero prodotto da un acceleratore di particelle.

C'è qualcosa di vero in queste catastrofi? Abbiamo visto con gli scienziati presenti che la scienza, spesso associata a visione catastrofiche del domani, ci permette di dormire sonni (abbastanza) tranquilli ancora per diversi milioni di anni, quando avverranno tre processi che porteranno inevitabilmente alla fine del mondo come noi lo conosciamo: la turbolenta fase finale della vita del Sole, la collisione tra la nostra galassia e quella di Andromeda, la continua espansione dell'Universo.

Lisa Randall è una tra le più grandi esperte di fisica delle particelle e cosmologia. È stata la prima donna ad essere titolare di una cattedra al dipartimento di fisica della Princeton University, e a quello di fisica teorica al MIT e alla Harvard University, dove attualmente insegna. Inserita tra le icone della scienza del 2005 da Seed Magazine, è stata considerata nel 2006 da Newsweek come "una dei più promettenti fisici teorici della sua generazione" ed è stata inserita da Time Magazine nell'elenco delle cento persone più influenti del 2007.

Lisa Randall era tra gli ospiti attesi ieri al Festival della Scienza di Roma insieme a Giovanna Tinetti. Entrambe erano state oggetto di un nostro gioco a premi qualche settimana fa, vinto da una giovane studentessa di 13 anni dell'Istituto Scolastico "Saint Roch" di Aosta.

Foto: Lisa Randall al Festival delle Scienze di Roma


Nessun commento: