Pagine

lunedì 11 maggio 2009

COME ORGANIZZARE E PROMUOVERE UN EVENTO DI SUCCESSO CON I SOCIAL NETWORK


Prendendo spunto dall'ultimo post di Paolo Amoroso, sull'ottimo blog Avventure Planetarie, spiego come il nostro ufficio stampa di redazione utilizza i social media per promuovere eventi, convegni, conferenze.

Su Internet i social network dedicati alla promozione di eventi sono il cardine centrale per la comunicazione efficace da parte di una azienda, di un ente o di una organizzazione e dimostrano la validità delle nuove strategie di web marketing: mettere le potenzialità del Web collaborativo a servizio dello sviluppo di relazioni sociali.

Il Case History che presento è quello che abbiamo organizzato a gennaio di quest'anno: un convegno dal Titolo "Eccellenze al Femminile", organizzato presso il Centro Congressi della Regione Piemonte, che ha dato inizio a una serie di iniziative legate all'evento iniziale e che sono tutt'ora in corso. Relatrici sono state ospiti illustri legate ai mondi della ricerca, dell'imprenditoria, della politica, dell'arte e della cultura.

COME SI ORGANIZZA UN EVENTO CON I SOCIAL NETWORK

Per iniziare la Web Agency ha realizzato un piccolo sito vetrina, www.eccellenzealfemminile.org.
Ma il lavoro maggiore è stato fatto ed è tuttora in corso sui social network collegati al sito vetrina, che hanno permesso di diffondere l'iniziativa a migliaia di persone in pochi giorni con una semplice attività collaborativa della rete di utenti.

Attivata la pagina dedicata su Facebook, come vedete nell'immagine in basso che abbiamo "bloccato" al giorno dell'evento, dopo solo 4 settimane avevamo già 743 iscritti da tutta Italia.



Al convegno hanno partecipato di questi oltre 200 persone, riempiendo letteralmente la sala della Regione (tenete presente che era una mattina di un sabato di inverno).

Lo documentano le immagini del convegno, riprese dal nostro fotodocumentarista Enrico Miglino.



I social network attivati, oltre a Facebook, sono stati anche l'ottima piattaforma di collaborazione NING e un social network più specifico e mirato di nome XING, oltre che il canale YouTube su cui stiamo tuttora pubblicando i video con le interviste alle protagoniste

Faccio notare che sia il sito principale www.eccellenzealfemminile.org che il social network NING si sono avvantaggiati notevolmente dall'attività collaborativa della rete (dove sono gli utenti a riempire di contenuti di qualità il network), tanto che a distanza di appena 3 mesi dalla loro attivazione entrambi hanno ottenuto un ragguardevole pagerank pari a 5!


Il successo è dovuto anche all'attivazione di quello che chiamiamo "ecosistema digitale", un insieme di nodi della rete collegati da una fitta trama di connessioni (link) che aumentano la cosiddetta fitness [1] tra i nodi.

Le tecniche che abbiamo applicato si fondano sugli studi di alcuni fisici della Notre Dame University, capitanati dal fisico Albert-László Barabási (noto per il libro di successo Link) e Ginestra Bianconi.

Senza l'applicazione di questi studi non sarebbe stato possibile raggiungere simili risultati in così poco tempo.

Ciononostante è importante sottolineare come con l'uso dei social network (primi fra tutti Facebook e Ning) non solo ha permesso di ottenere il risultato voluto, quello avere il tutto esaurito al convegno, ma anche quello di profilare un numero enormemente maggiore di utenti interessati a iniziative simili iscritti ai vari canali sociali attivati che collaborano inserendo di loro iniziativa post, foto, eventi che contribuiscono ad aumentare la vitalità del gruppo e a mantenere alto il traffico sui vari siti.

Il successo è stato talmente alto che la nostra organizzazione ha pensato di rivolgere il prossimo evento "Eccellenze al Femminile", coinvolgendo anche relatrici italiane residenti in USA.

La platea internazionale, verrà organizzata attraverso webinar con il nostro partner californiano Bridges to Italy con un meeting che vedrà Torino e Los Angeles (California) connesse in una serie di giornate insieme a migliaia di potenziali utenti nel mondo collegati da una rete sociale attraverso una piattaforma di webconference.

Penso sia utile aggiungere che l'evento - per il suo successo - non abbia richiesto la stampa di alcun volantino, non abbia utilizzato nessun media cartaceo tradizionale e non abbia richiesto l'investimento di neppure un euro in pubblicità. Un CONVEGNO A IMPATTO ZERO, come lo abbiamo definito. Tutta la promozione è stata effettuata unicamente attraverso l'attività "via web" collaborativa della rete, l'attivazione dei social network. Per questo dobbiamo ringraziare la collaborazione di decine, centinaia di blogger, testate web, divulgatori, che ci hanno permesso in poco tempo di raggiungere un grado di popolarità molto alto.

Concludo dicendo che il tema delle “community” è uno dei più ricorrenti nel Web degli ultimi anni. Ma non si tratta di una novità, basti ricordare il testo di Howard Rheingold, "The virtual community: homesteading on the electronic frontier", del 1994, per rendersi conto che le comunità virtuali affondano le loro radici negli albori di Internet.

Per maggiori approfondimenti

L'emergenza negli ecosistemi digitali e la scienza della complessità

La dinamica dei sistemi complessi e il World Wide Web
.

NOTE.
[1] La Fitness è un parametro introdotto dal fisico statistico Ginestra Bianconi, per tenere conto della capacità di un nodo (ad es. una pagina web, oppure persona di un gruppo sociale) di accaparrarsi più legami nel tempo. E' la derivata nel tempo della variazione dei link entranti in un nodo di una rete. La probabilità che un nuova pagina si connetta a una già presente nella rete dipende dunque sia dalla connettività (cioè dal numero di link) che dalla fitness, secondo la seguente formula: Πi= ηi ki / Σ ηi ki

2 commenti:

Gian ha detto...

Piano piano anche in Italia sta arrivando questa prassi di sinergia tra l'online e l'off line che per esempio negli USA è da anni standard per molti eventi.
Ebbene si bisogna imparare a "fare rete", sfruttando i nodi e certi processi emergenti.

Anonimo ha detto...

Complimenti per l'efficace utilizzo degli strumenti! Mi farà piacere segnalare la vostra case history nel mio prossimo corso dedicato all'internet Pr. Buon lavoro! Roberta Z.