giovedì 25 dicembre 2008

AUGURI DAL VIRUS DELL'INFLUENZA

Avete mai ricevuto gli auguri di Natale da un virus dell'influenza?

Sia che lo abbiate ricevuto, sia che siate sanissimi, ora potrete partecipare a un esperimento diventando voi stessi membri del team di ricerca!



Si, perché con il progetto di ricerca Influweb si sfrutta la caratteristica collaborativa della rete per il monitoraggio dell'influenza in Italia.

Influweb si basa su una piattaforma web interattiva, cui ogni utente può accedere per registrarsi, partecipare attivamente, fornire aggiornamenti su eventuali sintomi influenzali e ottenere informazioni utili sul virus dell'influenza.

Il progetto è nato nell'inverno 2003/2004, in Olanda e Belgio come sistema di monitoraggio per malattie di tipo influenzale (influenza-like-illness o ILI) utilizzando l'attività di volontari-utenti web (De Grote Griepmeting). Il successo del progetto, che ha visto coinvolti più di 30.000 partecipanti già nel primo anno, ha ispirato la messa a punto di un'iniziativa simile in Portogallo a partire dalla stagione invernale 2005/2006 (Gripenet). A partire dal 2008, il progetto è attivo anche in Italia con influweb.

I promotori di questo progetto sono fisici e scienziati dell'Indiana University, che si occupano delle studio di reti applicate all'epidemiologia. Ma grazie a loro l'iniziativa è tutta italiana, anzi torinese, come lo sono i principali artefici.

Abbiamo intervistato uno degli esperti e responsabili del progetto, il prof. Alessandro Vespignani (la trascrizione dell'intervista sarà presto qui disponibile) e invitato la prof.ssa Vittoria Colizza a parlarne al prossimo Convegno che si svolgerà a Torino sabato 17 gennaio 2009 dal titolo: Eccellenze al Femminile e patrocinato dalla Regione Piemonte.

In questo modo saranno loro a raccontarci come si svolge questo esperimento e perchè è così importante, a livello internazionale!

Ma per il momento vi invitiamo a entrare a far parte del progetto REGISTRANDOVI a INFLUWEB e partecipando così a una importante sperimentazione scientifica sul campo.


Nessun commento: