mercoledì 17 febbraio 2016

PRESTITO PIÙ CONVENIENTE: ECCO LE BANCHE ONLINE PIÙ SICURE

Dopo il decreto “Salva banche”, molti clienti hanno perso fiducia nelle banche tradizionali e ricercano il prestito più conveniente in quelle on line...

Mobile Banking - Shutterstock

.
Nel 2016 è normale che ci sia piena fiducia nei servizi on line: la tecnologia fa passi da gigante in tutti i settori e quindi anche sul mercato del credito, coloro che cercano l'offerta di prestito più conveniente online, si affidano molto spesso a comparatori come SuperMoney, per trovare tariffe vantaggiose rispetto alle banche tradizionali che offrono un servizio solo allo sportello.
Dopo il decreto “Salva banche” che ha graziato Banca Marche, Popolare dell’Etruria, CariChieti e CariFerrara, molti clienti degli istituti tradizionali hanno iniziato ad affidarsi alle finanziarie on line, sia per un calo di fiducia verso un sistema ormai desueto, sia perché le offerte proposte dall'on line sono molto più convenienti. 
L'amministratore delegato di Fineco, Alessandro Foti, ad esempio, dichiara 112 mila clienti in più nel 2015, contro i +103 mila del 2014: una crescita sempre maggiore per coloro che vogliono affrontare le operazioni di banking in semplicità, assistenza e comodità.

Banche online: meno prestiti, ma prestito più conveniente

Gli Istituti di Credito on line mostrano indici patrimoniali, in generale, più alti di quelli delle banche tradizionali, perché concedono meno prestiti e hanno pochi sportelli. Nonostante questo il prestito concesso da queste finanziarie è più conveniente perché non sembra ci sia il pericolo del possibile fallimento della banca, con conseguenze per i correntisti, come hanno più volte provato, invece, le banche tradizionali.

Quali sono gli indici patrimoniali e come si fa capire quanto è sana una banca e cosa indicano?
  • Cet 1: misura il capitale primario, il più sano. Il minimo previsto è del 7%
  • Tier1: esprime il capitale allargato, comprese le azioni di risparmio e altri strumenti
  • Total capital ratio: sottolinea l’insieme di tutto il patrimonio. 

Malgrado nelle banche on line siano spesso difficili da trovare questi indici, perché gli Istituti non pubblicano bilanci, sono il termometro della qualità del credito erogato e dell'affidabilità sul mercato.

La classifica delle banche più sicure per Cet1

Una ricerca dell'Università Bocconi di Milano ha stilato la graduatoria delle banche più sicure on line considerando il parametro del capitale primario come principale parametro di rapporto.

La prima tabella riporta la classifica delle banche con promotori finanziari, mentre per quelle on line e dirette bisogna far riferimento alla seconda.

Per capire l'importanza di questo dato presentato, basti pensare che il Cet1 delle banche tradizionali più solide e convenienti oscilla tra il 10,4% e il 13,6%. 

Web Bank: la crescita e la convenienza

Sta crescendo una comunità di banche specializzate sulla gestione del risparmio, grazie a un nuovo modello di Web Bank: i requisiti di capitale non sono così fondamentali come per le banche tradizionali che devono concedere numerosi prestiti e gestire tanti sportelli fisici; puntare sull'on line può essere una mossa per creare nuovi terreni di competizione monetaria così da incrementare la crescita dei flussi di erogazione in Italia.

La qualità del credito offerto dalla banche on line  è migliore rispetto a quello delle banche tradizionali e, valutando bene tutte le offerte, si può trovare comodamente da casa il prestito migliore per le proprie esigenze, beneficiando di assistenza telefonica e web e documentazioni chiare e puntuali. 

Nessun commento: