giovedì 11 luglio 2019

TERRA CHIAMA LUNA

Foto di Walter Caputo
Alle 18:50 del 24 luglio 1969 Columbia, il modulo di comando dell'Apollo 11, piombò sull'Oceano Pacifico. A causa delle avverse condizioni atmosferiche, la capsula si capovolse, ma venne tempestivamente raggiunta dagli elicotteri, dai quali alcuni uomini la raddrizzarono utilizzando dei galleggianti. Le prime parole di Michael Collins, pilota del modulo di comando, furono: "Stiamo bene tutti e tre, fate con comodo". Gli altri due erano Neil Armstrong, comndante della missione e Buzz Aldrin, pilota del modulo lunare). Dopo 21 giorni di isolamento in quarantena, i tre astronauti furono portati in parata a New York. Vennero quattro milioni di persone per vederli. Erano eroi. Gli eroi dell'Apollo 11.

Era un'epoca in cui era più facile distinguere le cose importanti da quelle che invece non meritano alcuna copertura mediatica. Da allora sono trascorsi 50 anni e siamo piombati nell'oceano dell'information overload. In mezzo al sovraccarico di informazioni abbiamo perso la bussola per navigare e non sappiamo distinguere più nulla. Ben venga allora - con l'occasione del cinquantenario - il libro: "Terra chiama Luna - L'avvincente storia dell'Apollo 11" scritto da Lara Albanese, illustrato da Luogo Comune e pubblicato da Editoriale Scienza.

Si tratta di un'opera destinata a bambini e ragazzi dai 9 anni d'età che si legge rapidamente e fornisce gli elementi essenziali di una storia che ha portato l'uomo a camminare sulla Luna. Dal primo giro intorno alla Terra, compiuto dal cosmonauta Yuri Gagarin, siamo giunti fino ad un possibile futuro prossimo in cui potremo (forse) vedere una stazione orbitante intorno alla Luna. In questa evoluzione tecnico-scientifica le missioni Apollo hanno avuto un ruolo davvero rilevante.

L'uomo ha dimostrato di saper uscire dal proprio pianeta: l'allunaggio è un passo gigante, che oggi va ricordato, proprio per gli obiettivi ancora più ambiziosi e i risultati ancor più sorprendenti che, dietro l'angolo, attendono l'umanità.

Walter Caputo
divulgatore scientifico

Nessun commento: