venerdì 3 ottobre 2008

IG NOBEL: IL PREMIO A UN ITALIANO PER UNO STUDIO SULLE PATATINE FRITTE


Ig Nobel (o «ignobile», come suona in inglese) è il premio che fin dalla prima edizione (1991) viene assegnato ogni anno a 10 ricercatori dall’Università di Harvard (Massachussetts), sotto l’egida della rivista Annali della Ricerca Improbabile (Air).

Nonostante le apparenze, il premio costituiesce un ambìto riconoscimento dato che, come spiegò il direttore di Air, Marc Abrahams, «la maggior parte degli scienziati, non importa su che cosa lavori, non è solita ricevere alcuna attenzione».

Gli Ig Nobel non intendono ridicolizzare la scienza, ma attirare l'attenzione su aspetti divertenti e insoliti delle ricerche. Lo scopo è anche quello di attrarre l'interesse del pubblico sulla scienza. La cerimonia viene registrata e trasmessa negli USA sulla National Public Radio, e, negli ultimi anni, l'Ig Nobel Tour ha rappresentato degli spettacoli nel Regno Unito durante la "settimana nazionale della scienza".

Alimentazione
A un italiano il premio per la migliore ricerca sull'alimentazione. Si tratta di Massimiliano Zampini, 38 anni, ricercatore al Centro Interdipartimentale Mente-Cervello di Trento. Il riconoscimento è andato alla ricerca, pubblicata sul Journal of Sensory Studies e condotta a Oxford con Charles Spence sulla percezione delle patatine, in cui Zampini dimostra che al variare del suono prodotto dalle patatine cambia anche la percezione che il soggetto ha di alcune loro caratteristiche, come la freschezza e la croccantezza. Insomma: il cibo che fa crock sembra essere anche il più buono.

"Abbiamo verificato - spiega il ricercatore veronese - che modulando il suono varia anche la percezione di caratteristiche fisiche, come la croccantezza o addirittura la freschezza delle patatine. Addirittura i soggetti erano convinti che dessimo loro patatine diverse, mentre invece erano prese dallo stesso tubo". La scelta del cibo come oggetto di questo tipo di studi è quasi obbligata: "L'interazione multisensoriale nel caso del cibo è evidente - conferma Zampini - i diversi sensi concorrono alla percezione finale di ciò che si mangia"

Quello che cerchiamo di fare con questi esperimenti - precisa - è capirne il meccanismo. Una delle ricerche che sto portando avanti adesso, ad esempio, riguarda le persone non vedenti, e come cambia l'interazione in assenza dell'informazione visiva". Il premio è stato comunque apprezzato:"Non ci sogneremmo mai di rifiutarlo - spiega Zampini - e ci è dispiaciuto non poter andare alla cerimonia. Questo premio rappresenta un momento di humour, che è sempre bene accetto, e che unito a della buona scienza fa ridere ma anche pensare".

L'Ig Nobel di quest'anno è il terzo vinto da italiani: nel 2000 furono premiati Donatella Marazziti, Alessandra Rossi e Giovanni Cassano, dell'università di Pisa, per aver scoperto che, dal punto di vista biochimico, l'amore provoca le stesse reazioni di un disordine ossessivo-compulsivo; mentre nel 2003 il riconoscimento andò a Gian Vittorio Caprara e Claudio Barbaranelli, dell'università La Sapienza di Roma, per i loro profili psicologici dei politici.

GLI ALTRI PREMI

L’Ig Nobel per la Chimica quest'anno è stato assegnato a Deborah Anderson, della Boston School of Medicine, che ha indagato la leggenda urbana che vuole la Coca Cola essere un potente anticoncezionale: e in effetti, le prove di laboratorio hanno dimostrato che la “Coke” è un potente spermicida, specie - per motivi rimasti inspiegati - la “Diet Coke”. (Nessun commento sembra essere arrivato ad oggi dalla Coca Cola Company)
Ma per sottolineare ancora di più il lato buffo degli Ig Nobel, il premio per la chimica è andato anche ad altri quattro ricercatori che hanno dimostrato l'infondatezza della teoria che vede la Coca Cola come efficace spermicida.

Premio Ig Nobel in Psicologia allo psicologo Geoffrey Miler che ha analizzato gli studi come le donne fossero più attraenti per gli uomini quando al massimo della fertilità: e in effetti, i guadagni di 18 spogliarelliste dimostravano che la media passava da circa 250 dollari ogni 5 ore di turno a 400 dollari nei periodi giusti.

Per la Fisica il premio è andato ai ricercatori Dorian Raymer e Douglas Smith. Sono riusciti a dimostrare scientificamente quello che per molto di noi è un vero dramma quotidiano: che i mucchi di spaghi o di capelli si aggrovigliano inevitabilmente, creando nodi a volte impossibili da districare.

Per la Biologia il premio alla ricerca condotta dai biologi Marie-Christine Cadiergues, Christel Joubert e Michel Franc: con il loro studio hanno scoperto che le pulci che vivono su un cane possono saltare in alto più di quelle che vivono su un gatto.

Di notevole interesse lo studio premiato con l'Ig Nobel per l' Economia. Dan Ariely, economista della Duke Univesrity, ha dimostrato che i placebo più cari sono più efficaci di quelli a buon mercato. Ovvero se costa di più ci sarà pure un buon motivo! Da oggi la case farmaceutiche che vendono prodotti generici avranno un buon motivo per aumentare i prezzi.

Per le Scienze Cognitive il premio è andato a cinque ricercatori giapponesi, Toshiyuki Nakagaki della Hokkaido University, Hiroyasu Yamada di Nagoya, Ryo Kobayashi della Hiroshima University, Atsushi Tero di Presto JST, Akio Ishiguro della Tohoku University, e a uno studioso ungherese, Ágotá Tóth dell'Università di Szeged che hanno verificato come le muffe che vivono nel fango trovino il percorso più breve tra due punti all'interno di un labirinto.

Fra i premiati con l'Ig Nobel - che viene attribuito ogni anno dalla rivista Annals of Improbable Research - c'é anche il Vaticano, che ha ottenuto, nel 2005, il riconoscimento per l' Economia "per aver fatto produrre le preghiere in outsourcing in India".


Sito web : www.improbable.com

Nessun commento: