lunedì 11 febbraio 2008

SANDRA SAVAGLIO: LA STELLA DEI CERVELLI SCAPPATA DALL'ITALIA VINCE IL "PREMIO PITAGORA"

"Ogni volta che sono in visita in Italia mi chiedono se ho intenzione di tornare. La risposta è sempre la stessa: se il mondo della ricerca italiana non cambia radicalmente, è meglio stare all'estero".

Nel 2004 la rivista americana Time le dedica la copertina, come immagine emblematica del problema della fuga di cervelli. Oggi è una delle menti dell'Istituto Max Planck di Monaco di Baviera, dove si occupa delle "gamma-ray bursts", ovvero le esplosioni a raggi gamma. E' lei che ha creato anche il più grande database pubblico sul tema, battezzandolo "GhostS".

Nel 2006 pubblica insieme al Prof. Mario Caligiuri (Univ. della Calabria e Univ. La Sapienza) un libro denuncia sulla ricerca scientifica in Italia, dal titolo “Senza attendere. Ricerca, educazione e democrazia”. Dal gennaio 2007 è autrice per 8TJ-Europa (un portale web su cultura e società) di una rubrica dedicata alla ricerca scientifica intitolata “E’ nata una stella”.

Link a "E' NATA UNA STELLA"

Pochi giorni fa è tornata in Italia per ricevere il riconoscimento della quarta edizione del prestigioso “Premio Pitagora” a Crotone.

Il Premio Pitagora è ormai giunto alla quarta edizione. Le prime tre hanno laureato altrettanti matematici di notorietà mondiale (Andrew Wiles, Edward Written ed Enrico Bombieri).

Tanto per comprendere l'importanza dei premiati, basti ricordare che l'inglese Andrew Wiles è famoso per aver ottenuto la dimostrazione dell'ultimo teorema di Fermat, che per quasi 400 anni è rimasto irrisolto nonostante gli sforzi delle più grandi menti matematiche di tutti i tempi. Mentre l'italiano Enrico Bombieri è il vicitore della medaglia Fields (l'equivalente del Premio Nobel per la matematica) nel 1974.


Claudio Pasqua

PER APPROFONDIRE:

Nessun commento: