martedì 13 febbraio 2018

STRUMENTI TECNOLOGICI LASER PER LA DIAGNOSTICA DI PATOLOGIE OCULARI

I disturbi e le patologie oculari possono colpire chiunque dai bambini agli adolescenti, dagli uomini maturi ai grandi anziani, per questo è importante prevenire rivolgendosi ai migliori centri oculisti che fanno ricorso dei migliori strumenti tecnologici laser per la diagnostica malattie dell’occhio. 


Quali sono le patologie oculari più diffuse nei Paesi occidentali? A chi rivolgersi per diagnosticare le malattie dell’occhio? E, soprattutto, quali sono gli strumenti tecnologici laser utilizzati per la diagnosi delle patologie dell’occhio? Si tratta di tanti validi quesiti che ogni giorno i pazienti si pongono con maggiore frequenza, per questo è importante dedicare un articolo ad hoc.

Patologie oculari: quali sono le più diffuse
Grazie a quanto ci hanno riferito gli esperti di Visionfuture.it, nella maggior parte delle casistiche le patologie oculari vengono classificate con criterio topografico, cioè riferendosi alle diverse zone anatomiche che compongono l’occhio (cornea, retina, apparato lacrimale, etc.) o suddivise in base al criterio eziologico (alterazioni congenite ed acquisite). 
Dato che si dice che “gli occhi siano lo specchio dell'anima e rivelatori del proprio stato di salute”, sottoporsi ad una visita diagnostica aiuta il paziente a prevenire piuttosto che curare.
Per questo a scopi di prevenzione è sempre consigliato sottoporsi ad una visita oftalmologica specialistica volta a sondare lo stato di salute dell’occhio e a prevenire la comparsa di patologie oculari che provocano disturbi o difetti della vista. 
Il Glaucoma ed il Trattamento al Laser
Il Glaucoma è tra le patologie oculari che colpisce il nervo ottico ed è cagionato da un continuo incremento della pressione intraoculare che si traduce in un’alterazione della vista.
Nelle prime fasi il glaucoma può essere asintomatico e manifestarsi solo quando si è instaurato un danno grave del campo visivo.
I maggiori fattori di rischio sono ascrivibili al fattore età over 50 anni, precedenti casi familiari, traumi oculari, miopia, uso prolungato di cortisone ed ipertensione arteriosa.
Si tratta di una patologia oculare importante che può essere curata e diagnosticata ad hoc con una terapia adeguata e monitoraggi da espletarsi presso un centro oculistico ben attrezzato e dotato della migliore strumentazione diagnostica all’avanguardia.
Nel caso in cui la terapia medica non sia più sufficiente, si ricorre al trattamento Laser: si tratta di un intervento che dura alcuni minuti ed è totalmente indolore. L’occhio non viene bendato ed è possibile riprendere subito le normali attività.
Una visita oculistica ed esami diagnostici accurati sono raccomandati per la diagnosi precoce del glaucoma al fine ultimo di prevenire la diminuzione della vista e la cecità.
Malattia degenerativa della cornea-cheratocono: Terapia CXL
Il cheratocono è una malattia degenerativa non infiammatoria che colpisce la porzione centrale della cornea che si assottiglia progressivamente.
Tra i fattori di rischio il fattore genetico ha probabilmente un suo peso maggiore, solitamente colpisce entrambi gli occhi e provoca disturbi visivi progressivi come l’aumento della miopia e dell’astigmatismo e provoca la comparsa di edema e cicatrici corneali. 
Tale patologia oculare influenza la capacità di eseguire compiti semplici e quotidiani; per diagnosticare il cheratocono è fondamentale effettuare una visita oculistica mediante l’utilizzo di topografi corneali a scansione, che forniscono informazioni sullo spessore corneale. 
Le migliori cliniche oculistiche ricorrono alla terapia parachirurgica del Cross linking corneale per arrestare l’evoluzione del cheratocono: si tratta di una metodica che tende ad incrementare la resistenza del tessuto corneale, deve essere eseguito in condizioni controllate di sterilità, in anestesia locale e dura circa 60 minuti. 
Laserterapia retinica
​La retina può essere colpita da diversi tipi di patologie degenerative quali la sclerosi vascolare, il diabete e l’ipertensione arteriosa che hanno ripercussioni gravi sulla vista.
La Retinografia digitale consente l’acquisizione ad alta definizione di immagini digitali del fondo oculare utili ai fini della prevenzione delle patologie retiniche dato che la tempestività è un fattore importante per intervenire, risolvere o limitare i gravi danni che le patologie oculari possono procurare all’apparato visivo.
La Laserterapia retinica consente di “bruciare” zone della retina affetta da patologie: il fascio luminoso ha un’azione termica che sfrutta il fenomeno della c.d. “fotocoagulazione”. 
Si tratta di un trattamento eseguito con anestesia locale durante il quale il paziente può sentire un lieve dolore. 
Diagnostica patologie oculari: altri strumenti tecnologici
Per diagnosticare e prevenire le patologie oculari è buon consiglio rivolgersi ad un centro oculistico dotato delle migliori strumentazioni tecnologiche innovative ed all’avanguardia tra cui: autorefrattometria oculare, biometria oculare, campimetria, cheratometria, conta delle cellule endoteliali, elettro-oculogramma, elettro-retinogramma, pachimetria corneale, pupillometria dinamica, tonometria ad applanazione, topografia corneale. 

Affidati ai migliori esperti del settore, prenota la tua visita oculistica a scopo diagnostico e di prevenzione. 

Nessun commento: