venerdì 3 giugno 2016

ALLUVIONE IN FRANCIA: LOUVRE CHIUSO PER SALVARE LE OPERE

I funzionari a Parigi hanno da poco chiuso due dei musei più famosi del mondo: la Senna, salita  sopra il suo livello di allerta preliminare di cinque metri che evocano i timori di una ripetizione delle catastrofiche inondazioni del 1910, sottolineando il ruolo fondamentale dei piani di preparazione alle catastrofi. Il personale del Louvre ha evacuato migliaia di opere d'arte provenienti da camere di stoccaggio sotterranee e dal Musée d'Orsay chiuso la scorsa notte come misura precauzionale.

Statua della Libertà sulle rive della Senna, a Parigi.

.

Molte città a est e a  sud della capitale francese hanno sofferto la peggiore alluvione degli ultimi decenni. Barche bandite e alcune banchine sono già allagate. Tafrfico ferroviario e stradale  compromesso.

Il signor François Duquesne, capo della Vigicrues, l'agenzia che controlla i livelli dell'acqua in Francia, ha detto: "La Senna è ancora in aumento, ma siamo lontani dai 8,5 metri registrati nel 1910 (quando le grandi zone della capitale sono stati inondati per 45 giorni) . Dovremmo vedere un aumento ad un picco di circa 5,6 metri durante la notte. "

NEL FILMATO UNA SIMULAZIONE DI ESONDAZIONE SIMILE A QUELLA DEL 1910




Il ministro francese per l'ambiente, la signora Ségolène Royal, ha detto che il 50% dei comuni francesi sono vulnerabili alle inondazioni. Diciassette milioni di francesi vivono in zone a rischio di torrenti e fiumi traboccanti, e 1,5 milioni nelle zone minacciate da inondazioni con acqua di mare, secondo i dati del ministero. Una valutazione del rischio a livello nazionale nel 2012 ha anche mostrato che un posto di lavoro su tre è potenzialmente esposto a rischi legati all'acqua.

Secondo gli esperti francesi, un diluvio delle stesse dimensioni di quello del 1910 coprirebbe 500 chilometri quadrati della regione metropolitana. Interesserebbe in tutto 830.000 persone nella zona di inondazione e circa 100.000 aziende, mettendo a rischio 750.000 posti di lavoro a Parigi con un costo stimato € 17 a € 20 miliardi.


Nessun commento: