lunedì 27 luglio 2015

GATES, MUSK, WOZNIAK E HAWKING: L'INTELLIGENZA ARTIFICIALE ANNIENTERÀ LA RAZZA UMANA

Le più grandi aziende dell'Information Tecnology stanno investendo miliardi di dollari nel settore dell'intelligenza artificiale. Ma sono ormai molti gli esperti che temono  il giorno in cui, come nella saga dei film "Terminator" o in tanti romanzi di fantascienza, le macchine diventeranno più intelligenti di noi, mettendo a rischio l'incolumità dell'intero genere umano.


Robot Bellico - Shutterstock 

Stephen Hawking, Bill Gates, Steve Wozniak, Elon Musk, sono solo alcuni dei grandi nomi dell’IT che ci hanno messo in guardia sul fatto che l’intelligenza artificiale potrebbe essere "la più grande minaccia alla nostra esistenza", "potenzialmente più pericolosa della minaccia delle bombe nucleari". 

Il fondatore di SpaceX e Tesla, Elon Musk, dal canto suo non si limita a mettere in guardia il grande pubblico. Ha infatti investito milioni di dollari per contrastare l'uso spregiudicato di robot o comunque  nel cercare di dotarsi di alcune contromisure. Nel gennaio scorso, Elon Musk ha donato 10 milioni di dollari al Futur of Live Institute (FLI), una organizzazione che lavora per ridurre i rischi che mettono a repentaglio l’esistenza dell’umanità .

Il FLI ha in seguito annunciato che 7 milioni di dollari – di cui 6 provenienti da Elon Musk – saranno conferiti a circa 37 squadre di ricerca specializzate nell’intelligenza artificiale. Una ricerca volta a impedire che i robot un giorno “ci uccidano”! 

Oltre 1.000 menti di alto profilo, scienziati ricercatori ed esperti in intelligenza artificiale hanno firmato un lettera aperta che avverte l'esistenza di un piano volto alla costituzione di un "esercito artificiale rivolto agli armamenti di intelligence" e chiedendo il divieto di "armi offensive automatizzate".


La lettera, presentata in occasione della Conferenza internazionale sulla Intelligenza Artificiale a Buenos Aires, Argentina, è stata firmato da Elon Musk, fondatore Tesla e SpaceX, dal co-fondatore Apple  Steve Wozniak, dall'amministratore delegato  di Google Demis Hassabis e dal professor Stephen Hawking in persona insieme a oltre 1.000  ricercatori di AI e robotica. 

La lettera afferma che: "La tecnologia AI ha raggiunto un punto in cui il dispiegamento di [armi autonome] è - praticamente Legalmente, se non - fattibile entro anni, non decenni, e la posta in gioco è alta: le armi sono in grado di essere autonome (pensare autonomamente)". Il tutto viene descritto come la terza rivoluzione nella guerra , dopo la polvere da sparo e le armi nucleari.

Musk e Hawking hanno ha avvertito che  "l'intelligenza artificiale è la più grande minaccia all'umanità" e che il suo sviluppo indiscriminato potrebbe "significare la fine della razza umana." 

Nel corso di una conferenza delle Nazioni Unite a Ginevra nell'aprile scorso si è discusso a lungo del  futuro di armi non convenzionali, tra cui i cosiddetti "robot killer", contro cui ricercatori e imprenditori come Musk sono schierati. 

Nessun commento: