martedì 8 gennaio 2013

LATTE, BURRO, FORMAGGI DISTRUGGONO LA FERTILITÀ MASCHILE

Se i figli non arrivano può essere colpa di lui. Almeno nella metà dei casi.  L'infertilità maschile è in aumento (si stimano quasi due milioni di uomini in Italia) e, parallelamente, è in diminuzione la qualità del liquido seminale.  Fumo, alcool e una vita carica di stress sono solo alcune delle cause che possono diminuire la fertilità nell'uomo. Ma ora una ricerca ha posto l'accento anche sull'eccesso di grassi saturi nella dieta.

Foto: Archenzo su Wikipedia
Eccedere con i latticini potrebbe infatti mettere a rischio la possibilità di fare figli, diminuendo la concentrazione e la vitalità degli spermatozoi.

A dirlo è studio danese pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition che ha dimostrato come una dieta troppo ricca di grassi saturi (presenti in determinati alimenti come latticini,  carne rossa  e a tutti i grassi monoinsaturi o polinsaturi, come olio d’oliva o olio di semi)  potrebbe mettere a rischio la fertilità maschile fino al 41%  nella quantità di spermatozoi.


La ricerca di Tina Jensen del Rigshospitalet di Copenhagen  è stata condotta su 701 giovani danesi di età media di 20 anni sotto studio dal 2008 al 2010. I volontari hanno compilato un modulo con la descrizione  le proprie abitudini alimentari e i ricercatori hanno messo in relazione queste abitudini con la concentrazione e la conta spermatica. Chi ricavava meno dell’11,2% dell’ energia dai grassi saturi aveva una concentrazione spermatica media di 50 milioni per millilitro e un conto totale di 162 milioni.

Quelli che invece inserivano oltre il 15%  di grassi saturi nella loro dieta avevano una concentrazione di 45 milioni per millilitro e un risultato totale di 128 milioni di spermatozoi. Questi dati sono stati correlati con i dati  indicati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Secondo una stima dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, circa il 10-20% delle coppie nei paesi industrializzati soffre di problemi di fertilità.

Per chi vuole diventare papà, ecco una serie di regole da seguire.

Nessun commento: