lunedì 12 agosto 2019

Gli errori più comuni nell’utilizzo della bilancia


Hai da poco acquistato una bilancia perché hai letto che è buona e funziona bene. Dopo qualche pesata, tuttavia, ti sei accorto che i risultati sono sballati. Allora accendi il PC, clicchi sul sito del rivenditore e scrivi una recensione negativa sconsigliando ad altri di acquistare quel modello di bilancia. Ecco, questo è un comportamento decisamente sbagliato. Sai perché? Perché il non funzionamento della bilancia potrebbe dipendere da te che hai letto troppo frettolosamente le istruzioni e non vedevi l’ora di scoprire il tuo peso. Ecco perché, come trovi ampiamente spiegato su bilanciapesapersone.it, sarebbe opportuno utilizzare questi strumenti in modo corretto, visto che hanno a che fare con la tua salute. Perciò vediamo come utilizzare correttamente i vari tipi di bilancia e perché è sbagliato scagliarsi a capofitto contro il rivenditore. 
Bilance di troppi tipi: quali scegliere? 
Prima di capire la natura di certi errori di misurazione dobbiamo fare una distinzione sintetica sui vari tipi di bilance. Ne esistono di meccaniche, elettroniche, Smart ed impedenziometriche. Le prime sono quelle a funzionamento analogico che vanno tarate sullo zero tutte le volte che ti accingi a scoprire il tuo peso. Le bilance elettroniche possiedono due elettrodi sul piatto che inviano una minima scarica di corrente nel tuo corpo a partire dai piedi. Questo flusso consente allo strumento di calcolare un differenziale che, passando per il tuo corpo, riconosce i tessuti molli dalle ossa e mostra su uno schermo il tuo peso. Le bilance Smart sono quelle che ti danno la possibilità, tramite Wi-Fi o Bluetooth, di inviare i dati del tuo corpo ad un app che ti spiega tutte le variabili del tuo peso, tra cui metabolismo, fabbisogno calorico consigliato, miglioramenti ecc… Le impedenziometriche sono bilance ultra professionali che stimano IBM, acqua, ossa e grasso dandoti una panoramica molto approfondita sul tuo peso e sulla composizione del tuo corpo. Servono a tracciare un percorso di allenamento e di alimentazione su misura dei tuoi valori e sono quelle più costose. Per scegliere, quindi, devi prima aver capito di quale bilancia hai bisogno. Se ti interessa solo il peso, scegli un modello semplice. Se sei un atleta opta per i modelli più evoluti. Facile, vero?
La bilancia elettronica può indurci ad errori grossolani
In realtà non è così semplice. Perché alcune bilance possono trarre in inganno. Ci riferiamo a quelle che funzionano tramite gli elettrodi, ovvero le Smart, le elettroniche e le impedenziometriche. Per funzionare correttamente devono essere poggiate su un piano perfettamente parallelo al piatto della bilancia e devono restare ferme, senza essere spostate prima di pesarti. Poi anziché salire direttamente sul piatto a bilancia spenta, dovrai accenderla con un tocco e aspettare lo zero. Sei hai spostato la bilancia dovrai ripetere l’operazione due volte aspettando che si spenga da sola. Solo così facendo il peso risulterà esatto. In caso contrario alcune bilance segnalano il peso memorizzato dalla misurazione precedente oppure aggiungono o tolgono chili falsando il risultato. Non sono rotte o mal funzionanti, quindi. Sono solo utilizzate impropriamente. La colpa spesso è dei rivenditori che per dare risalto alla funzione di auto spegnimento che salva la batteria, lasciano intendere che basta salire per accendere la bilancia così come basta scendere per spegnerla. 
Quando e come pesarsi? Sbugiardiamo le false credenze

Per pesarti correttamente il miglior modo è quello di farlo al mattino, una volta a settimana. Stabilisci un giorno e cerca di rispettarlo. Questo è l’unico modo corretto di pesarsi. Ovviamente dovrai essere svestito e senza scarpe, soprattutto se sali su una bilancia elettronica, perché le calzature falsano il passaggio della corrente. Se ti pesi tutti i giorni non è positivo perché le piccole variazioni in grammi potrebbero darti un’idea del tutto sballata della tua reale condizione di peso. E infine ricorda che oltre al peso c’è di più. Per qualsiasi dubbio non rifugiarti nel fai da te ma parla sempre con sincerità con il tuo medico di fiducia. 

Nessun commento: