Pagine

giovedì 2 settembre 2010

TECHNOLOGY QUARTERLY IN EDICOLA CON THE ECONOMIST


Laura Bianconi, dell'ufficio stampa The Economist, ci segnala che domani con la rivista esce anche Technology Quaterly, il trimestrale di tecnologia che offre una panoramica sulle ultime innovazioni e valuta sia il loro utilizzo che i rischi per il mondo moderno.

Energia geotermica: la produzione di energia dal calore sotterraneo non è più limitata alle sole aree vulcaniche. Se si trivella il suolo per creare pozzi profondi, questa energia può essere generare quasi ovunque. The Economist considera i vantaggi di questa nuova fonte di energia rinnovabile, ma anche i rischi, in particolar modo quello dei mini terremoti, e spiega come mai l’interesse nel settore sta crescendo.

Tecnologia e sviluppo: l’uso dei cellulari si è diffuso rapidamente nei Paesi sviluppati anche grazie a progetti di “micro-imprenditorialità”. Lo stesso approccio può essere applicato alla distribuzione di energia? La caduta dei prezzi e un numero crescente di iniziative stanno promuovendo metodi bottom up di distribuzione di energia nelle aree povere del mondo che, come argomenta The Economist, sembrano far diventare questo approccio realtà.

Biomedicina: i medici stanno facendo ricorso ad un processo chiamato “reinnervazione mirata", capace di offrire ai pazienti un controllo più naturale delle protesi del braccio e riportare in vita arti paralizzati. Le protesi diventano sempre più sofisticate e possono agire e sentire come una vera estensione del corpo. The Economist descrive come è nata e funziona questa tecnica, un mix di neuroscienza e robotica.

Software: dalla vendita di prodotti nella grande distribuzione alla lotta contro il terrorismo, l’abilità di analizzare le connessioni sociali sta diventando sempre più utile. The Economist indaga una nuova frontiera del data mining che viene ora applicata ai social networks, consentendo alle aziende di osservare i propri clienti all'interno della loro rete sociale. Operatori di telecomunicazioni, assicuratori e società di carte di credito, fra gli altri, hanno scoperto che, ampliare il data mining per analizzare le reti sociali, rende possibili molte nuove cose.

Scan celebrale: Jaron Lanier, un pioniere della tecnologia della realtà virtuale, è diventato esplicitamente critico nei confronti dei social media. Nel suo libro “Tu no sei un gadget”, Lanier attacca la cultura Web 2.0 sostenendo che ciò che oggi passa per creatività è, in realtà, solo un continuo rimaneggiamento di contenuti. Questo profilo di Lanier offre uno sguardo sulla sua vita, sulla sua capacità di connettersi con "persone intelligenti", sulla creazione della sua società VPL Research e sul suo lavoro come "partner architect" di Microsoft per la console Xbox 360.

Tra gli altri argomenti trattati nell’ultimo numero di Technology Quarterly: il monitoraggio medico in remoto, un nuovo tipo di motore a reazione, stratagemmi per ridurre i costi di stampa, una migliore tecnologia di riconoscimento vocale, fibre acustiche, l’utilizzo del magnetismo per misurare la qualità degli alimenti, crittografia quantistica veloce e progetti creativi di crowdfunding.


Nessun commento: