domenica 9 novembre 2008

BUON COMPLEANNO, HERMANN WEYL


"Io odio la matematica" è una delle frasi più scritte e più pronunciate nelle aule delle nostre scuole, per non parlare del fatto che una persona a cui piaccia la matematica è spesso considerata "strana".

Così nasce, quasi per scherzo nel lontano 1999, Rudi Mathematici, rivista elettronica (www.rudimathematici.com) che parla di matematica, come risposta a questa antipatia e a questa diffidenza: un percorso a metà strada tra l'educativo e il giocoso e con lo scopo di divertirci con la matematica.

E così nacque anche il libro "Rudi Simmetrie" dove gli autori, finora sempre celati da misteriosi pseudonimi, si sono dovuti rivelare con i loro nomi veri.

E' un invito anche per andare a ritrovare una presentazione Hermann Klaus Hugo Weyl di cui oggi, proprio i Rudi Matematici sul loro blog di Le Scienze, ci ricordano la nascita avvenuta il 9 novembre 1885.

Ma attenzione, non lo confondete con altri matematici (Weil soprattutto, ma anche Wiles). In realtà, l’incredibile somiglianza tra i cognomi Weyl e Weil viene talvolta usata proprio come metro di paragone per saggiare la conoscenza degli studenti che si avventurano nello studio della storia della matematica. Entrambi i matematici sono stelle di prima grandezza della matematica del Novecento.

Il libro, di gradevole e simpatica lettura, è un percorso matematico attraverso la Teoria dei Gruppi e delle Simmetrie, con degli interessanti inserimenti di biografie, a volte romanzate, dei matematici che hanno maggiormente contribuito allo sviluppo di queste teorie. Il libro ha ricevuto anche una segnalazione di merito al Premio Peano 2007.

Rodolfo Clerico e Piero Fabbri
Rudi simmetrie
CS libri, 2007, pp. 127

Oltre al libro "Rudi Simmetrie", potete trovare una estesa narrazione della vita di Weyl sulla rivista dall’archivo di Rudi Matematici.


Nessun commento: