venerdì 16 febbraio 2018

IL MAIS OGM NON FA MALE ALLA SALUTE? ATTENZIONE, NON È PROPRIO COSÌ...




Su vari media e testate scientifiche nazionali è stata lanciata una notizia che riporta i risultati di ricercatori italiani della Scuola Superiore Sant’Anna e dell’Università di Pisa sul mais Ogm. Secondo le notizie di stampa la ricerca direbbe che questo tipo di mais non sarebbe dannoso alla salute.

Non è proprio così, come ci segnala Ignazio Lippolis, direttore di «Villaggio Globale». La testata di ecologia oggi ha infatti pubblicato un articolo che definisce il lancio giornalistico come "superficiale" e dovuto ad una lettura poco approfondita.

In realtà - ci comunica Villaggio Globale -  lo studio non parla assolutamente di effetti sulla salute del mais Ogm (non è stata presa in considerazione nemmeno una ricerca sulla salute umana) ma raccoglie 21 anni di dati su decomposizione, biomassa, lignina, impatto sui parassiti e parametri biochimici.

L'unica speculazione riguardante la salute umana è tossicologica, ma semplicemente riporta di un minor rischio di micotossine. Non c'è alcun dato su mutazioni genetiche, cancro, ecc. degli ultimi 21 anni semplicemente perché studi così lunghi sulla salute umana non sono mai stati effettuati.

Roberto Cazzolla Gatti, Ph.D., Biologo ambientale ed evolutivo, Professore associato di Ecologia e Biodiversità presso il Dipartimento di Biologia della Tomsk State University (Russia), ci precisa: «L'articolo, come scrivono gli stessi autori, è una "meta-analisi della letteratura scientifica (dal 1996 al 2016) sulla resa [del mais Ogm e non] che estende l’analisi a nuovi parametri come la qualità [nel senso di contenuto in micotossine] della coltura, gli organismi non target a livello di famiglia [tassonomica] (NTOs), gli organismi target (TOs) e la decomposizione della biomassa nel suolo". In pratica, è stata realizzata una revisione di studi condotti nell’ultimo ventennio su parametri che, però, non riguardavano, né direttamente né indirettamente, la salute umana e che è stata diffusa dalla stampa con il messaggio “gli Ogm non fanno male alla salute”».
«L'unica speculazione – continua Roberto Cazzolla Gatti - riguardante la salute umana è di carattere tossicologico, ma semplicemente riporta, in una breve riga delle conclusioni, che la minor presenza di micotossine rilevata nel mais Ogm rappresenterebbe un minor rischio per la salute. Questo, però, non ci dice nulla sul pericolo di sviluppare patologie quali tumori, mutazioni genetiche, malattie cardiovascolari o neurodegenerative, ecc.».

Nessun commento: