giovedì 1 novembre 2018

PREMIO VINCENZO DONA 2018. VOCE DEI CONSUMATORI

L’Unione Nazionale Consumatori conferisce 2 premi di laurea con lo scopo di promuovere la conoscenza delle problematiche di consumo sul tema dei Big Data, Intelligenza Artificiale, algoritmi, profilazione e, più in generale, di protezione dei consumatori negli ambienti digitali e Internet. 


La dodicesima edizione del Premio “Vincenzo Dona, voce dei consumatori” si svolgerà il 16 novembre (dalle 9,00 alle 14,00) al Teatro Argentina di Roma sul tema dei “Dati”.

Questo infatti è stato l’anno dei dati, non solo perché a livello regolamentare è entrato in vigore a fine maggio il Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali, ma anche perché i dati sono stati protagonisti del quotidiano dei consumatori e delle cronache con una serie di scandali che hanno coinvolto le grandi piattaforme del web. In questo contesto, il dato è stato criminalizzato creando un contesto di terrore, spesso eccessivo, nei confronti di tutti coloro che ci chiedono informazioni.

Nella tradizionale logica dell’Unione Nazionale Consumatori di mettere al centro del Premio riflessioni di grande attualità, da illuminare con una luce originale, il pensiero è stato quello di affrontare il tema (pur con tutte le necessarie attenzioni, tutele ed etica che devono riguardare il rapporto tra imprese e consumatori) in modo propositivo e quindi riflettendo sull’utilità dei dati nella nostra società (da qui la parola “intelligenza” del titolo). 

Questo percorso ci porterà quindi a raccontare quanto una società “data driven” evolve grazie all’uso intelligente dei dati, quale buon uso può esserne fatto, quali sono le buone pratiche messe in atto. 

Durante l'evento verrà presentato il libro di Gianni Bientinesi "Le persone oltre i numeri" con prefazione di Massimiliano Dona, Presidente Unione Nazionale Consumatori.

La Business Intelligence si propone oggi come un nuovo approccio multidisciplinare che parte dall’analisi dei dati, Big e Small, fino alle storie delle persone, per indirizzare le aziende ad adottare una strategia più completa. Non solo algoritmi, ma approccio, apertura mentale, condivisione e comunicazione di quelli che sono gli obiettivi strategici dell’azienda.

Questo saggio dunque cerca di offrire una visione più profonda della Business Intelligence, la disciplina che ripensa al ruolo del marketing per proporre un nuovo mo dello, più consapevole e responsabile, per guidare le strategie aziendali. Un business intelligente, infatti, che non si ferma al superfluo, ma ascolta le storie delle persone e migliora la qualità della vita di tutti noi.

Un saggio rivolto a tutti, in particolare a chi deve prendere decisioni strategiche a partire dai big data, e che permette di riconsiderare la centralità del cliente, della persona, dell’abitante, rendendosi conto che sopravvive nel tempo solo l’organizzazione in grado di soddisfare sempre tutti i suoi clienti.

Per maggiori informazioni:  www.habitante.it/press

Nessun commento: