mercoledì 17 gennaio 2018

PROGRAMMA ITACA: ONLINE LE GRADUATORIE PER 1250 BORSE PER VIAGGI STUDIO

Sono state pubblicate sul sito dell'INPS le graduatorie relative al bando del Programma Itaca 2018/2019, che consente di vivere l’esperienza di un programma scolastico all'estero e una eccezionale esperienza formativa che permette di confrontarsi con usanze e stili di vita completamente diversi dai propri, migliorando le proprie competenze linguistiche, inserendo allo stesso tempo nel proprio curriculum vitae un’esperienza molto importante, migliorando il futuro lavorativo dei ragazzi.



Il Programma Itaca mette a bando per il solo 2018 ben 1250 nuove borse di studio per prendere parte a questi soggiorni, favorendo così la possibilità di un percorso di mobilità internazionale, di crescita umana, sociale e culturale. Si rivolge a tutti gli studenti, figli di dipendenti e di pensionati della pubblica amministrazione, che ad oggi frequentano il 2°ed il 3° anno scolastico in un Istituto secondario superiore Italiano.

I ragazzi che sono entrati in graduatoria e ottenuta la borsa di studio, a partire dal 16 febbraio 2018 ed entro il 28 febbraio 2018 i beneficiari dovranno trasmettere all’Inps, con le modalità indicate all’art. 11 del bando, i documenti richiesti:
  • dichiarazione di presa d’atto dalla scuola italiana circa il periodo di studio che lo studente intende svolgere all’estero, con l’eventuale indicazione delle modalità da seguire per il riconoscimento di detto periodo ai fini del proseguimento del percorso scolastico; 
  • copia dell’accordo/contratto sottoscritto con un unico fornitore (soggetto privato o istituto italiano intermediario) ovvero i contratti eventualmente sottoscritti con più fornitori nel caso previsto dall’art. 2, comma 2. In tale ultimo caso, andrà allegato anche il programma proposto/organizzato dall’Istituto scolastico. 

Entro il 19 marzo 2018 INPS procederà all’eventuale scorrimento delle graduatorie, dando quindi comunicazione ai beneficiari subentrati dell’avvenuto scorrimento. 
LE BORSE DI STUDIO DELL'INPS PER I VIAGGI STUDIO 

Entro il 13 aprile 2018 i beneficiari subentrati a seguito dello scorrimento delle graduatorie, dovranno trasmettere gli stessi documenti richiesti ai ragazzi che sono rientrati in graduatoria già il 10 gennaio. Ultimato lo scorrimento, l’INPS procederà a pubblicare le graduatorie definitive dei beneficiari, sul sito istituzionale.

Phoenix Travel è da più di 25 anni al fianco di INPS per fornire ai ragazzi la migliore vacanza studio, e nel 2017 è stata eletta migliore agenzia per i viaggi studio finanziati dall'INPS. Contattateci per scegliere la vostra destinazione di Programma Itaca.

PERCHÉ VIAGGIARE QUANDO SI È STUDENTI È UTILE?

Il viaggio mette nella condizioni di arrangiarsi. Lontano dalla famiglia il ragazzo o la ragazza (sempre però sotto l'ala vigile e la responsabilità del tour operator) ha la possibilità di compiere esperienze positive. Non solo visite a musei, campus e college, ma anche quella di confrontarsi con altri ragazzi, ragazze e insegnanti stranieri. Apprendere la lingua in questo modo è un gioco e lo si fa più rapidamente che con qualsiasi percorso alternativo. Un mese di full immersion in un ambiente dove tutti parlano una lingua straniera vale più che 1-2 anni di scuola. Ma non è solo questo: le relazioni, i legami che si formano in un ambiente nuovo per tutto sono molto formative, costruttive. Si creano legami duraturi e si matura più in fretta. È anche, per osì dire, l'anticamera del mondo lavorativo. E anzi può esserlo. Infatti sono molti gli stage che si completano con una formazione lavorativa. La possibilità di confrontarsi con realtà molto diverse, spesso migliori, e di dover "badare a se stessi" nel proprio piccolo è molto formativo. E non è legato a un età particolare. Prima si inizia e prima si matura. Ragazzi e ragazze che sono abituati a spostarsi, ad arrangiarsi crescono più in fretta divrtendosi. Non sono mai da soli: c'è sempre uno o più accompagnatori adulti, insegnanti, tutor e dunque qualsiasi difficoltà insormontabile viene subito colmata. E poi nasce una forma di cameratismo comune dove non si è mai soli: essere in gruppo, della stessa generazione, in uno spazio comune, in un paese diverso, ti porta a creare legami, a condividere e ad aiutare altre persone.
Si formano in questo modo legami che difficilmente potranno dissolversi con il tempo. E ricordi che accompegneranno positivamente tutta la vita dei ragazzi. È una esperienza che è bene fare quando si è ancora giovani, perché chissà cosa ci aspetta quando saremo adulti, pieni di responsabilità, di lavoro, e di impegni. La spensieratezza di un viaggio studio che porta vantaggi in termini di apprendimento (e non solo per la lingua) di relazioni sociali e di maturità intellettiva.



Nessun commento: