mercoledì 10 gennaio 2018

È UFFICIALE: I PESCI PROVANO DOLORE

Ora la domanda è, cosa facciamo a riguardo? 




Dovremmo preoccuparci di come si sentono i pesci? Se lo chiede e offre una risposta lo Smithsonian, uno dei più autorevoli istituti scientifici amministrato e finanziato dal governo degli Stati Uniti.

Nel suo trattato del 1789, un'introduzione ai principi della morale e della legislazione, il filosofo inglese Jeremy Bentham - sviluppò la teoria dell'utilitarismo (essenzialmente, il più grande bene per il maggior numero di individui) - articolando un'idea che è stata centrale nel dibattito sull'animale benessere da allora. Considerando i nostri obblighi etici verso altri animali, scrisse Bentham, la domanda più importante non è: "Possono ragionare? Possono parlare? Possono soffrire? "La saggezza convenzionale ha a lungo ritenuto che i pesci non possano farlo, che non sentano dolore.

Da allora non è cambiato il nostro atteggiamento nei riguardi degli abitanti dei mari.

Eppure pare che le evidenze siano contrarie, come spiega la Smithsonian institution.

Non è certo la prima ricerca: quella condotta sul grado di sofferenza degli essere marini.  Condotta presso il Roslin Institute di Edimburgo (parliamo di almeno 5 anni fa) dimostra che i pesci  reagiscono al dolore in modo marcato, sia nella fisiologia sia nel comportamento. 

Ma precedenti ricerche come quelle del Roslin Institute e dell’Università di Edimburgo, hanno osservato regioni nel cervello delle trote arcobaleno che rispondono a stimoli dannosi. Inoltre hanno scoperto che i pesci mostrano reazioni marcate quando vengono esposti a sostanze nocive. Pubblicata sulla rivista “Proceedings of the Royal Society London B” le conclusioni sono state che i profondi mutamenti comportamentali e fisiologici mostrati dalle trote dopo l’esposizione a sostanze nocive sono comparabili con quelli osservati nei mammiferi superiori. .

Nessun commento: