martedì 19 settembre 2017

STUDI E LAVORI? PROVA L'UNIVERSITÀ POPOLARE DEGLI STUDI DI MILANO

Chi non ha tempo o lavora ha oggi la possibilità costruirsi un futuro grazie agli atenei che offrono un pacchetto sempre più completo e variegato di servizi di assistenza: dallo studio a distanza, telematico al tutoraggio continuo. 

Ewa Spadlo


Per chi ha impegni di lavoro e/o di famiglia che non gli consentono di frequentare le lezioni. Ma anche per chi preferisce il tutoraggio online. Le Università telematiche, quelle popolare internazionali  e le lauree online stanno progressivamente prendendo piede in Italia, in parallelo con la crescente familiarità nei confronti della tecnologia.

L'UNIVERSITÀ POPOLARE DEGLI STUDI DI MILANO 

I vantaggi di scegliere un ateneo internazionale come l'Università Popolare di Milano possono essere numerosi e variano in base alle necessità personali. Come la disponibilità di seguire le lezioni in qualsiasi ora e giorno della settimana. Quindi non c’è ad esempio la necessità di alzarsi presto la mattina e fare spostamenti, con tutte le ricadute del caso, comprese quelle economiche. Da considerare anche la presenza di un maggior numero di sessioni d’esame, che può risultare utile soprattutto per chi lavora e spesso fatica a ottenere i permessi nelle date stabilite dagli atenei tradizionali. Nonché l’opportunità di “incontrare” i docenti online, in genere potendo contare su una maggiore flessibilità di orario da parte di questi ultimi rispetto agli atenei tradizionali.
Di contro vanno soppesate con attenzione anche le possibili criticità, come i costi (compresa la presenza di extra per chi sostiene gli esami fuori dalla sede principale), l’eventuale assenza del corso di laurea preferito (l’offerta è inevitabilmente limitata) e la mancanza dei laboratori, che in alcuni percorsi di studio possono assumere un rilievo particolare nel processo di formazione.

GLI ATENEI RICONOSCIUTI 


Nella scelta dell’ateneo, la prima verifica da fare è relativa al riconoscimento da parte del ministero dell’Istruzione (Miur), condizione indispensabile perché la laurea sia riconosciuta dal mercato. L'Università Popolare degli Studi di Milano può rilasciare titoli riconosciuti  in quanto , riconosciuta dal MIUR come università internazionale e autorizzata ad emettere titoli riconosciuti nel nostro  Paese. Al termine queste università rilasciano, anche se non sempre, un attestato di partecipazione, e lo scopo è quello di imparare, apprendere, e il titolo non ha alcun riconoscimento legale. Tuttavia esistono delle eccezioni. Come l'Università Popolare degli Studi di Milano.
Proprio per distinguersi dalle altre Università Popolari, quella di Milano si fa chiamare Università "degli Studi", perché in realtà è una università internazionale, dato che opera anche in altri paesi di cui parleremo tra poco. 


L'Università Popolare degli Studi di Milano può rilasciare titoli in Italia?Assolutamente si, grazie al trattato di Lisbona. Sulla Gazzetta Ufficiale si legge infatti che: 

L’università Popolare degli Studi di Milano è regolarmente iscritta all’Anagrafe Nazionale delle Ricerche n° 58241FKL M.I.U.R. Membro della Confederazione Nazionale delle Università Popolari Italiane (Personalità Giuridica D.M. Università del 21/05/1991 - Gazzetta Ufficiale del 30/08/1991 n°203 anno 132°).
Autorizzata il 14.10.2011 (Roma), con presa d’atto Ministeriale, prot. 313, MIUR Ministero dell’Istruzione - Università - Ricerca; Trastevere 76/A - 00153 Roma, F.to., il sottosegretario del MIUR Senatore Guido Viceconte per rilasciare i titoli accade- mici e con approfondimento di presa d’atto del 14.10.2011 a cura della segreteria Tecnica del Sottosegretario Senatore Guido Vice- conte prof. Roberto Leoni; Dirigente Tecnico -a r. - Consulente che conferma la piena capacità giuridica di svolgere la formazione e rilasciare titoli accademici con valore legale (in virtù di sede della UUPN) in conformità della Convenzione di Lisbona (25-7-2002 supplemento ordinario della gazzetta ufficiale serie generale n.173) Lisbona 11 aprile 1997 “ Convenzione sul riconoscimento dei titoli di studio relativi all’insegnamento superiore nella regione europea” in virtù e rispetto della convenzione. 
L'Università Popolare (internazionale) degli Studi di Milano ha voluto proprio per estrema trasparenza pubblicare tutti gli atti che confermano il riconoscimento ufficiale da parte del MIUR, e anche da parte di Albi particolari ai quali chi si laurea presso questo ente può accedere. 


ISCRIZIONE AD ALBI DI STATO 


Lo dice il DPR n. 328/2001 che permette a chi lo desideri di svolgere questo semestre prima del conseguimento della laurea, direttamente nel corso di studi universitario, alla sola condizione che venga stipulata una convenzione fra l’Università ed il Consiglio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati.

Alla data del 5 ottobre 2016 i Corsi di laurea convenzionati sono in numero di 209 e come è possibile visionare l'Università Popolare di Milano insieme ad altre Università è inserita nella Convenzione per lo svolgimento del tirocinio professionale durante il corso di studi universitario.

In particolare dal DIPARTIMENTO DI ECONOMIA, INGEGNERIA ED AGRIBUSINESS 
- Classe L-7 “Ingegneria Civile e Ambientale”
- Classe L-18 “Scienze dell’Economia e della gestione aziendale”
- Classe L-26 “Scienze e Tecnologie alimentari”
Il profilo degli studenti


CHI È LO STUDENTE TIPO DELL'UNIVERSITÀ POPOLARE DI MILANO? 

 «Se vogliamo sintetizzare al massimo, la risposta è un allievo che avverte la necessità di essere guidato nello studio», spiega Marco Grappeggia, presidente dell'Ateneo, che attualmente conta un migliati di iscritti attivi e attraverso il quale si sono laureate oltre tremila persone, in particolare nei rami della Piscologia e dell’Ingegneria.

I corsi di laurea attivi sono presentati sul sito dell'ateneo, ai quali si aggiungono i master.
Una delle caratteristich che rende quest'università molto comoda per chi studia e lavora è la possibilità di contare sul materiale ben organizzato tra questionari, videolezioni e fitto calendario di incontri con i docenti.


LA RISPOSTA AL MERCATO 
Un altro aspetto da chiarire riguarda la risposta del mercato, come vengono cioè valutati dai selezionatori aziendali. Per le aziende, secondo l'esperienza ultradecennale dell'Ateneo, non ci sono particolari preclusioni. I candidati vanno valutati soprattutto per le loro competenze, per la motivazione e determinazione che mostrano durante il colloquio, premette. Anche se si riconosce che il percorso di studi è un aspetto fondamentale da tenere in considerazione. Il sistema di questa Universit permette la formazione universitaria anche a chi non può o non vuole frequentare, per lo più di studenti-lavoratori, con esperienze professionali già vissute o avviate. Un selezionatore può apprezzare di questi candidati l'orientamento al risultato, la flessibilità, la capacità di organizzazione e una propensione, anche culturale, all'utilizzo di strumenti online, che oggi sono sempre più richiesti. 



CONCLUSIONI


Essendo le università internazionali concepite per la formazione online o a distanza, sono ottime nel venire incontro aulle esigenze dei lavoratori, con piani di studio personalizzati, con collegio di docenti pronti a valutare ogni singolo curriculum per assegnare CFU in base a studi pregressi o interrotti, corsi frequentati in passato ed esperienze professionali maturate, con l’indubbio vantaggio di avere meno esami da sostenere. Grazie allo studio online, è inoltre possibile ridurre enormemente i costi di trasporti, pasti fuori casa, affitti (in caso si studi fuori sede) e, di conseguenza, delle varie spese che normalmente affronta uno studente tradizionale. 

Nessun commento: