sabato 27 maggio 2017

IL MINISTERO DELLA SCIENZA IRANIANO PREMIA IL PROF. YAROSLAV SERGEYEV

Ancora un significativo riconoscimento per il matematico di fama mondiale, Yaroslav Sergeyev. Il prof. Sergeyev è stato insignito dal Ministero della Scienza iraniano  del Premio Internazionale Khwarizmi, intitolato al matematico e astronomo del IX secolo Muhammad ibn Musa al-Khwarizmi. Lo si legge in una nota dell'Università della Calabria, dove Yaroslav D. Sergeyev è Professore Ordinario di Analisi Numerica dal 2002  (chiamata diretta per “chiara fama”).

L'articolo su La Prima Pagina, quotidiano nazionale



Abbiamo chiesto al prof. Walter Caputo, redattore della nostra testata scientifica Gravità Zero, di spiegarci l'importanza di questo riconoscimento.
"Molte persone oggi continuano a pensare che la matematica sia una disciplina esclusivamente teorica. I premi assegnati ai matematici servono invece a ricordare a tutti come stanno le cose: la matematica ha moltissime applicazioni pratiche e produce risultati di notevole importanza in molti settori della nostra vita".

"I metodi elaborati dal Prof. Sergeyev, sia nell'ambito dell'ottimizzazione globale che nel campo dell'aritmetica dell'infinito sono stati tradotti in software e sono diventati nuovi strumenti di lavoro (più precisi, più versatili e più semplici dei precedenti) per molti scienziati, che - a loro volta - hanno ottenuto nuovi e importanti risultati".
"È però evidente che non è semplice far comprendere ai non addetti ai lavori metodi matematici elaborati negli ultimi dieci o vent'anni. I miei studenti mostrano difficoltà con la matematica del 1700, che è stata studiata, ristudiata, digerita e rielaborata da tantissimi matematici. Di conseguenza molti insegnanti non presentano agli studenti alcuna idea recente in matematica, giustificando la loro scelta con il fatto che gli studenti comunque non capirebbero. Io ho invece deciso di utilizzare l'approccio divulgativo, che significa affermare: "Lo sapete che si può misurare l'infinito?". A quel punto scende il silenzio, lo stupore è evidente, gli studenti si sforzano di fornire qualche risposta e poi dicono: "Non è possibile!"; allora io rispondo: 'E invece sì, vi racconto la storia del Prof. Yaroslav Sergeyev'". 

Così ho introdotto il nuovo approccio del Prof. Sergeyev al trattamento di quantità infinite e infinitesime, affiancando la nuova metodologia al calcolo tradizionale dei limiti. E, fuori dall'aula, ormai da più di 7 anni, divulgo il nuovo approccio scrivendo articoli su Gravità Zero". 
Walter Caputo con il Prof. Yaroslav Sergeyev
Il premio viene conferito ogni anno (nel 2017 è stata la 30-esima edizione) dal Ministero della Scienza e Tecnologia dell’IRAN come riconoscimento a studiosi che abbiano fornito contributi fondamentali in settori scientifici e tecnologici di punta. Oltre a Yaroslav, quest’anno sono stati premiati altri cinque scienziati provenienti dalla Francia, Gran Bretagna, Svezia e Canada.

Il professore ha ottenuto numerosi riconoscimenti per la sua attività di ricerca. Tra questi, il Pythagoras International Prize in Mathematics, The 2014 Journal of Global Optimization Best Paper Award, l’Outstanding Achievement Award from the 2015 World Congress in Computer Science, Computer Engineering, and Applied Computing, USA. Dal 2016 è EUROPT Fellow.

I suoi interessi di ricerca sono molto vasti, a partire dall’Ottimizzazione Globale, cui si è dedicato con continuità fin dagli anni ‘80 (È Vice Presidente dell’International Society of Global Optimization). In anni più recenti ha focalizzato la sua attività sulla costruzione di un’aritmetica che permetta di eseguire calcoli con numeri infiniti ed infinitesimi usando un nuovo tipo di calcolatore, detto “Infinity Computer”, brevettato in Europa, USA e Russia. Oltre all’importante sfida teorica, le potenzialità applicative del nuovo paradigma di calcolo appaiono amplissime e vengono attualmente esplorate da numerosi ricercatori operanti nelle varie aree della Matematica Applicata.


Altri articoli sul Prof. Yaroslav Sergeyev e sul Grossone.

Il sito web del Ministero della Scienza in Iran


Nessun commento: