sabato 13 maggio 2017

I DINOSAURI GIGANTI DALL'ARGENTINA SONO GIUNTI AL MUDEC DI MILANO

Il "ventre" della lucertola argentina
Dite la verità; se vi chiedessero i primi tre nomi di dinosauri che ricordate, rispondereste: "Tyrannosaurus Rex, Stegosauro e Triceratopo". Se è così, significa che il più grande carnivoro che conoscete è il T. Rex, poi vi ricordate quella schiena a forma di rombi dello stegosauro e la testa un po' larga e piatta del triceratopo. Se è così, siete rimasti indietro. Se anche vostro figlio non ha altro da aggiungere, allora portate anche lui.

Dove? a Milano, perché al Mudec c'è veramente roba grossa e importante, in tutti i sensi. Occorre aggiornarsi, perché sono arrivati i dinosauri dall'Argentina e sono proprio giganti. Ma non giganti, intendo dire giganti come non li avete mai visti.

Rimarrete di stucco, quando vedrete la lucertola argentina (Argentinosaurus huinculensis), un erbivoro da 38 metri e 80.000 Kg. Dovrete attraversare tre (grandi) stanze per osservarlo interamente. Una serve per la coda, un'altra per il corpo e la terza per la testa. Peraltro la testa sbuca proprio nel book shop dove troverete una gradita sorpresa. Siete abituati a cataloghi delle mostre costosissimi, illeggibili, enciclopedici o che non aggiungono nulla a ciò che è esposto? Ecco, allora siete nel posto sbagliato, perché invece al book shop del Mudec scoprirete il volume "Dinosauri - Giganti dall'Argentina" che ha delle notevoli caratteristiche: non costa molto, è scontato per i visitatori, contiene la mostra e molto altro, ma non troppo, in modo da essere un testo effettivamente leggibile ed utilizzabile. Ecco, queste - per me - sono le caratteristiche che deve avere un catalogo di una mostra.

Il catalogo della mostra, che in realtà
è un buon libro
Ma torniamo alla lucertola argentina. Era un puzzle con pochissimi pezzi: solo alcune vertebre dorsali, qualche osso delle zampe e alcuni frammenti di costole. E' stato interamente ricostruito ed è uno dei dinosauri più grandi del mondo. Mentre fissavo le sue vertebre dorsali da 130 cm - ve lo devo dire perché per me è stata un'emozione notevole - ho pensato alla sua enorme pancia come quella della balena in cui finì Mastro Geppetto con tutto l'arredamento della sua stanza. Ecco, in quella pancia ci sarei stato comodo anch'io, con una bella scrivania e un bel po' di libri interessanti da leggere...

E da uno dei più grossi titanosauri mai ritrovati passiamo ad uno dei più piccoli. Si tratta della "lucertola topolino" (Mussaurus patagonicus) che - sebbene piccola - non passa certo inosservata. 220 milioni di anni fa quel giovane esemplare da 30 cm, ora fossilizzato, sarebbe arrivato a tre metri di lunghezza. E voi avete la possibilità di vedere uno dei più antichi cuccioli di dinosauro al mondo. Con la bocca piccola, ma già piena di denti per mangiare piante.

Lucertola topolino
Ma la mostra "Dinosauri - Giganti dall'Argentina", al Mudec in Via Tortona 56 a Milano, fino al 9 luglio 2017 riserva moltissime sorprese. Ad esempio, riuscite ad immaginare un dinosauro con quattro zampe appoggiate a terra che, ad un certo punto, si alza sulle zampe posteriori e si mette a correre? E' la lucertola che mangia lontano (Adeopappasaurus mognai), un erbivoro di dimensioni ridotte (2 metri di lunghezza e 80 Kg di peso) che se ne andava in giro circa 190 milioni di anni fa. E' stato ritrovato nel bacino di Mogna, provincia di San Juan, Argentina nord-occidentale.


E a questo punto devo raccontarvi del Gigante del Sud. Sono entrato nella sua stanza e ho piegato il collo per guardare in alto.

Walter Caputo cerca di misurare la lunghezza della
mascella del Gigante del Sud
Per interminabili minuti ho fissato soltanto la sua mascella, che mi è sembrata lunga quanto me, cioè circa 180 cm. Ebbene, Giganotosaurus carolinii, lungo 14 metri e pesante 8 tonnellate, con la sua mandibola proprio da un metro e ottanta avrebbe potuto ingoiare diversi esseri umani in un sol boccone. E' stato probabilmente il più grande predatore di terraferma, altro che T. Rex! Meno male che nessun umano abitava da quelle parti, circa 93 milioni di anni fa. Altrimenti i suoi discendenti, circa 65 milioni di anni fa avrebbero assistito ad una delle più grandi catastrofi che la Terra abbia mai sperimentato: l'estinzione dei dinosauri....

presso il Mudec, Museo delle Culture
in Via Tortona 56 a Milano
Fino al 9 luglio 2017

Orari
- lunedì 14:30-19:30
- martedì, mercoledì, venerdì e domenica 9:30-19:30
- giovedì e sabato 9:30-22:30

Biglietti
- intero 12 euro; ridotto 10 euro; ridotto speciale 8 euro
- gruppi: adulti 10 euro; scuole 6 euro; scuola infanzia (3-6 anni) 3 euro.


Nessun commento: