lunedì 9 gennaio 2017

MEDICINA E PSEUDOSCIENZA: LA SALUTE TRA SCIENZA E FALSI MITI

A Roma Congresso nazionale per medici e infermieri promosso dal Gruppo C1V. 
Tra i relatori: Piero Angela, Valerio Rossi Albertini, Roberto Burioni, Giorgio Dobrilla, Silvano Fuso, il ricercatore dell'Istituto “Mario Negri” Antonio Clavenna e Giovanni Rezza dell'Istituto superiore di sanità. Gravità Zero è Media Partner dell'evento. 


“Medicina e pseudoscienza. La salute tra scienza e falsi miti nell'era 2.0: dai vaccini, al cancerogeno, agli psicofarmaci, al ruolo dell'informazione sul web”. Si tratta del congresso nazionale promosso e organizzato dal Gruppo C1V e in programma a Roma il 7 e l'8 aprile prossimi. L'evento è una novità nel campo della formazione sanitaria perché si affrontano con approccio sistematico tutti i principali temi oggetto di disinformazione e di correnti contrarie alla scienza spesso alimentate dal web con rischi per la salute dei singoli e della collettività. Da qui l'idea di un congresso rivolto a quelle figure professionali parte integrante della “catena della scienza” e primo punto di riferimento per i pazienti: un evento pensato, dunque, per i medici (area interdisciplinare), per gli infermieri, i biologi, i farmacisti, gli psicologi e per i medici specializzandi.


Tanti i relatori, tra questi: il giornalista e divulgatore scientifico Piero Angela, Antonio Clavenna, responsabile dell'unità di Farmacoepidemiologia presso l'Istituto “Mario Negri” di Milano, Roberto Burioni,  Professore ordinario, Facoltà di Medicina e Chirurgia Università Vita-Salute San Raffaele e Giovanni Rezza, direttore del dipartimento Malattie infettive dell'Istituto superiore di sanità. 

I due giorni di formazione sono validi ai fini dell'attribuzione dei crediti formativi Ecm (Educazione continua in medicina) grazie alla collaborazione della Sifop (Società Italiana di Formazione Permanente per la Medicina Specialistica). I medici specializzandi che avranno partecipato a entrambe le giornate riceveranno, invece, un attestato di partecipazione. 



IL PROGRAMMA 

Il programma dettagliato e le informazioni per partecipare si trovano sul sito di C1V, www.c1vedizioni.com. I termini per le iscrizioni sono stati appena aperti. La partecipazione è subordinata all'ordine di arrivo delle richieste di adesione. 

“Cancro, cibo, campi elettromagnetici”: con questo tema, venerdì 7 aprile, di mattina, si aprono i lavori. La giornalista scientifica e medico Roberta Villa parla di cancro e cibo, delle credenze sull'uso dei telefoni cellulari e sul consumo della carne, di rischi percepiti e rischi reali, tra leggende e realtà. Mentre l'oncologo Salvo Catania si occupa di tumori tra medicina tradizionale, bufale online e pseudo cure. Modera il medico e scrittore scientifico Edoardo Altomare.

La seconda sezione si apre sempre di venerdì mattina e si concentra sui vaccini. Antonio Clavenna, responsabile dell'unità di Farmacoepidemiologia presso l'Istituto “Mario Negri” di Milano, chiarisce il valore sociale delle conquiste della ricerca. Ai vaccini, a come funzionano, alla buona e alla cattiva informazione in Rete si dedica il virologo Roberto Burioni. Mentre il pediatra Giovanni Ragazzini analizza i vaccini in termini di speranza di vita. Il direttore del dipartimento Malattie infettive dell'Istituto superiore di sanità, Giovanni Rezza, invece si sofferma sull'andamento delle vaccinazioni in Italia e nel mondo. Moderatore: lo psicologo Armando De Vincentiis, consulente Cicap e direttore di “Scientia et Causa”, la collana di divulgazione scientifica di C1V Edizioni.

Sempre al tema dei vaccini è dedicato il pomeriggio di venerdì: Edoardo Altomare si sofferma su come sarebbe il mondo senza i vaccini; Marco Sani, ginecologo e medico legale, parte della storia delle vaccinazioni per arrivare alle attuali implicazioni sociali; Luigi Sudano, responsabile Servizi attività vaccinali dell'azienda sanitaria Ausl Valle D'Aosta, parla dei vaccini disponibili oggi e del ruolo delle istituzioni; Stefano Tafi, medico di medicina generale presso l'azienda sanitaria Usl Toscana Centro, analizza invece le paure nei confronti dei vaccini e le risposte della scienza. Modera il chimico e divulgatore scientifico Silvano Fuso, che introduce il tema parlando di oscurantismo e salute. 

Una specifica sezione è inoltre dedicata, sabato 8 aprile, agli psicofarmaci e all'importanza delle cure farmacologiche integrate a quelle psicologiche, tra pregiudizi, false credenze e realtà. Ne parlano Matteo Pacini, psichiatra e psicoterapeuta, e Daniel Bulla, psicologo e psicoterapeuta. Mentre il professor Giorgio Dobrilla, gastroenterologo e giornalista, responsabile della segreteria scientifica del congresso, si sofferma sugli effetti psicobiologici del placebo. Moderatore: Armando De Vincentiis.

Ampio spazio è poi dedicato all'informazione scientifica e alla disinformazione alimentata soprattutto dalla Rete. Si parlerà, ad esempio, di comunicazione scientifica e dei rischi dell'informazione fai-da-te, di fonti giornalistiche, della differenza tra opinioni e dati scientifici, del rapporto tra scienza e democrazia. Modera Armando De Vincentiis. Relatori: il fisico Valerio Rossi Albertini, Giorgio Dobrilla, Pellegrino Conte, chimico e docente all'Università di Palermo, il semiologo Marco Cappadonia Mastrolorenzi, il giornalista scientifico e scrittore Pietro Greco. A chiudere questa sezione il giornalista scientifico Piero Angela.


L'editrice C1V: “Occasione di incontro tra scienziati e professionisti della salute”


“Questo primo congresso nazionale su medicina e pseudoscienza - dichiara l'editrice di C1V, Cinzia Tocci - rappresenta una grande occasione di formazione e di incontro tra scienziati, divulgatori scientifici e professionisti della salute per fare chiarezza su questioni medico -scientifiche spesso esposte a falsi miti e a credenze prive di fondamento scientifico. Un congresso - conclude Tocci - unico nel suo genere e in linea con l'obiettivo costante del Gruppo C1V, che attraverso l'editoria, i libri e la formazione promuove la cultura come fonte di conoscenza per la crescita individuale e lo sviluppo sociale”.


IL GRUPPO C1V


Le origini del Gruppo C1V risalgono al 2008, quando Cinzia Tocci fonda la casa editrice romana “Edizioni C'era una volta”, con un‘idea che sarà una costante: il libro, come la fiaba, per la crescita individuale e sociale. Da qui i progetti a carattere benefico associati a diversi testi della collana C'era una volta Kids e non solo. “Tartarughe sorprese”, per esempio, sostiene con i diritti d'autore l'Aila, associazione contro la malattia rara di Lafora. Mentre “Il Sole nel Bauletto”, “Rosso Maltopo”, “Accendi una Stella!” e ancora “Tartarughe soprese” sono i libri portati dal 2010 in dono ai piccoli pazienti di diversi ospedali anche grazie alla solidarietà dei lettori nell'ambito dell'attività di clownterapia dell'associazione “Vip Applausi”: si tratta dell'iniziativa “In corsia” promossa da C1V Edizioni e premiata con menzione speciale dal ministero delle Attività culturali. 

Inoltre, tra i progetti a carattere sociale è compreso l’incontro di lettura con i bambini e i ragazzi della scuola di Amatrice con la donazione dei libri “Tartarughe sorprese”, “Il Sole nel bauletto” e “1 dei tanti” e la raccolta fondi per la ricostruzione post terremoto.

“C'era una volta Edizioni”, identificato come C1V Edizioni, è invece il marchio dei libri per adulti e adolescenti: anche in questo caso un esempio di solidarietà è dato da “1 dei tanti”, di Sauro Benvenuti: il libro sostiene infatti l'associazione “Nicco Fans Club Onlus”, impegnata in favore dei piccoli pazienti della Fondazione Meyer di Firenze.

Favorire la cultura della scienza per la crescita sociale è poi l'obiettivo specifico della collana di divulgazione scientifica “Scientia et Causa”, nata nel 2015 e caratterizzata dal contributo di esperti quali ad esempio Piero Angela, Giorgio Dobrilla e Armando De Vincentiis, quest'ultimo curatore della stessa collana, dedicata a questioni di grande attualità come i vaccini, il giornalismo scientifico e le false credenze in tema di medicina, salute e ambiente.

Dal 2015, inoltre, la casa editrice diventa “Gruppo C1V” allargando il proprio campo di attività: oltre ai libri e agli eventi si aggiungono infatti la formazione e il debutto in ambito cinematografico come principale sponsor del film “Bomba libera tutti”, da cui è nato “1 dei tanti”.

Oggi, come da sempre, il Gruppo C1V rientra nella categoria delle case editrici non a pagamento.

-------------------------------------

Per ulteriori informazioni: 
Sito web: www.c1vedizioni.com
E-mail: c1vpress@gmail.com
Facebook: C1V Edizioni https://www.facebook.com/GruppoC1V/?fref=ts
Twitter: C1V Edizioni @C1Vedizioni

Nessun commento: