domenica 4 dicembre 2016

QUANDO SAPREMO I RISULTATI SUL REFERENDUM?

Anche se i seggi chiuderanno alle 23 sapremo quasi subito i primi  exit poll e da mezzanotte le prime proiezioni.



Giornalisti e ospiti televisivi (ma anche i siti web) potranno iniziare a parlare di exit pool solo alla chiusura dei seggi, per non influenzare il voto.  Già dalle 22.30 i principali canali televisivi italiani – quelli della Rai, Sky Tg 24, Canale 5 e La7, con la lunga diretta condotta da Enrico Mentana – faranno collegamenti in diretta e avranno ospiti in studio. Ma se vorrete seguire in tempo reale online i risultati su ogni comune d’Italia il posto in cui andare è sempre lo stesso: il sito del ministero dell’Interno.

BUFALE IN RETE

Sulle cose non vere che circolano in rete ne ha parlato anche la stampa internazionale, The Guardian,  e in italia Il Post che ha pubblicato anche questo articolo di BuzzFeed sul M5S e internet, e anche Gravità Zero ha ribadito la necessità di fare ordine mentale nell'articolo "La Verità che ci stanno nascondendo e altre bufale".  
Ma il record delle condivisioni sarebbe relativo a un post sul presunto ritrovamento di schede già segnate con il sì in un inesistente paesino. Il sito di fact-checking Pagella Politica ha stilato una classifica dei post più popolari sulla consultazione del 4 dicembre. Cinque sono vere, cinque no.

SI PUÒ VOTARE SENZA DOCUMENTO?

Gira soprattutto sui social network ma anche su qualche giornale nazionale parecchia disinformazione. Tutto è partito da una richiesta del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, che arrivato all'istituto De Amicis di Pontassieve insieme alla moglie Agnese intorno alle 10.30 del mattino, si è rivolto agli scrutatori: "Non ho il documento, spero di essere riconosciuto...".
In realtà la legge dice che: 
"In mancanza di documento l'identificazione può avvenire anche attraverso:
- uno dei membri del seggio che conosca personalmente l'elettore e ne attesti l'identità
- un altro elettore del comune, noto al seggio (provvisto di documento valido), che ne attesti l'identità




CHE DIFFERENZA ESISTE TRA EXIT POOL E "PROIEZIONI"? 


Un exit poll (dall'inglese, letteralmente «sondaggio all'uscita del seggio elettorale») è un sondaggio effettuato, durante un'elezione, tra gli elettori, dopo l'espressione del voto da parte di questi presso un seggio elettorale. Le proiezioni invece sono calcoli fatti dagli istituti di statistica, che in base alle schede già scrutinate proveranno a capire quale potrebbe essere il risultato. Attenzione: le proiezioni non tengono conto dei voti degli italiani all’estero. Intorno a mezzanotte dovrebbero invece iniziare ad arrivare i dati reali, pubblicati e costantemente aggiornati sul sito del ministero dell’Interno: dopo la chiusura dei seggi sono necessarie alcune operazioni burocratiche, e solo una volta concluse si può effettivamente iniziare lo spoglio vero e proprio.

I primi dati potrebbero però non essere molto attendibili: potrebbero arrivare soprattutto da aree geografiche molto ristrette, e dare quindi un’idea sbagliata sul voto complessivo. Ma saranno comunque dati su una parte dei voti totali, o proiezioni. Va anche tenuto presente che le proiezioni non tengono conto dei voti degli italiani all’estero, che in caso di margine ristretto potrebbero essere determinanti. Nel caso in cui il divario dovesse essere ristretto sarà probabilmente necessario aspettare almeno fino alle tre di notte per avere un’idea più chiara (anche se magari non definitiva). E se il margine sarà ridottissimo, ci vorrà ancora più tempo.

E I VOTI ALL'ESTERO?  

Saranno tutti scrutinati a Castelnuovo di Porto, un comune a nord di Roma. Anche lì lo spoglio inizierà alle 23 ma bisognerà scrutinare 1.400 sezioni: ci vorrà almeno qualche ora. Anche lo scrutinio di questi voti si potrà seguire sul sito del Ministero dell’Interno.
Come essere aggiornati sui risultati

Nessun commento: