lunedì 12 settembre 2016

II EDIZIONE DEL PREMIO "ALDO FASOLO" 2016 PER LE NEUROSCIENZE

Il Premio intende valorizzare la conoscenza e favorire la visibilità scientifica di giovani studiose e studiosi nell’ambito delle neuroscienze ed incoraggiarne l’impegno e l’attenzione per la comunicazione in campo scientifico.

Neuroscienze -: Shutterstock




.
Le FASI del Premio

CANDIDATURE: dal 10 Luglio ed entro il 16 Settembre 2016 (ore 24:00) sarà possibile presentare la propria candidatura on line:

https://form.jotformeu.com/premioaldofasolo/premio-aldo-fasolo-2016

SELEZIONE: le 10 migliori candidature saranno selezionate sulla base del merito scientifico (entro il 10 Ottobre 2016);

COMPETIZIONE: i 10 finalisti saranno invitati a presentare la propria ricerca in formato video (da
inviare entro il 2 Novembre 2016). La Giuria sarà presieduta da Gianmaria Ajani, Rettore dell’Università di Torino e composta da altri 4 esperti di comunicazione scientifica.

PREMIAZIONE: nel mese di Dicembre 2016, in occasione del conferimento del Premio, il vincitore sarà invitato a tenere una conferenza pubblica presso l’Università di Torino.

Il Premio, di importo pari a 1.500,00 Euro, è rivolto a giovani ricercatori in possesso dei seguenti requisiti:

• essere iscritti a un Dottorato di ricerca in Italia o aver conseguito il titolo di Dottore di ricerca in Italia, nell’ambito dei cicli XXVI, XXVII, XXVIII, XXIX, XXX, XXXI;
• essere coinvolti in ricerche rilevanti nell’ambito delle neuroscienze;
• essere autori e/o coautori di almeno una pubblicazione scientifica (primo o ultimo nome).

NOVITÀ Edizione 2016 

Oltre al Premio Aldo Fasolo, un ulteriore riconoscimento -“Premio speciale della Giuria” – di importo pari a 500,00 Euro, reso possibile dal contributo della Fondazione Compagnia di San Paolo, potrà essere assegnato a uno/due video che, pur non risultando vincitori, si distinguano e risultino particolarmente apprezzati dai membri della Giuria.

Per consultare il Bando del Premio vai al link: Bando
Per maggiori informazioni, visitare il sito http://dott-neuroscienze.campusnet.unito.it
Scrivere a: dottorato.neuroscienze@unito.it


Aldo Fasolo 


Il premio è dedicato al Prof. Aldo Fasolo 


Nato ad Alba (Cuneo) nel 1943, scomparso prematuramente nel 2014. Dal 1980 Professore Ordinario di Anatomia Comparata e Citologia (nominato Professore Emerito nel 2014) presso l’Università di Torino.
Coordinatore del Dottorato in Neuroscienze dell’Università di Torino dal 2006 al 2013.

Il prof. Fasolo è stato Presidente del Comitato Scientifico del Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino; Vicedirettore della Rivista “L’Indice dei Libri” e Presidente (sino al 2004) dell’Associazione per la diffusione della cultura scientifica “Centro Scienza”; chairman del Comitato Scientifico Internazionale della Stazione Zoologica di Napoli; socio nazionale dell’Accademia delle Scienze di Torino e dal 2012 Direttore della Classe di Scienze MFN in tale Accademia; socio dell’Accademia Nazionale dei Lincei; socio dell’Istituto Veneto diScienze, Lettere ed Arti, dell’Istituto Lombardo di Arti e Scienze, dell’Accademia di Medicina di Torino (socio onorario).
Tra le altre importanti cariche Istituzionali è stato inoltre Membro del Consiglio d’Amministrazione dell’Università di Torino; Membro del Senato Accademico dell’Università di Torino e Presidente della Commissione Ricerca; Membro del Consiglio Generale della Compagnia di San Paolo; Coordinatore del Corso Interfacoltà di Comunicazione Scientifica.

Ha dato contributi sulla Didattica delle Scienze e allo sviluppo della Cultura scientifica, sui temi della Divulgazione e Filosofia della biologia (teorie evolutive, neurobiologia). Nel corso della sua lunga e proficua attività di ricerca ha pubblicato oltre 250 lavori in extenso e presentato circa 300 comunicazioni a congressi. La sua attività di ricerca, attraverso numerose esperienze di collaborazione in Italia e all’estero, si è concentrata in particolare su tre campi: studi di neuroanatomia comparata; studi comparativi sulla biologia dei neuropeptidi e sull’organizzazione neurochimica dell’encefalo; studi sulla biologia cellulare e molecolare del sistema olfattivo, con particolare attenzione ai meccanismi di sviluppo, plasticità e rigenerazione. Le ultime ricerche sono state prevalentemente indirizzate allo studio delle cellule staminali e della neurogenesi nel sistema nervoso adulto.

Ha scritto un centinaio di articoli divulgativi ed altrettante recensioni. Ha inoltre curato il testo di “Introduzione alla neurologia comparata dei vertebrati” (in collaborazione con V. Mazzi; Boringhieri, Torino, 1977) e coordinato l’opera collettiva “Dizionario di Biologia” (UTET 2003-2004). Nel 2012 ha curato The Theory of Evolution and its Impact (Springer).



Nessun commento: