giovedì 14 luglio 2016

È CINESE LA PRIMA BATTERIA AL GRAFENE AL MONDO CHE SI RICARICA IN 15 MINUTI

Una società con sede a Pechino ha lanciato "prima batteria al grafene del mondo", che si può ricaricare in soli 15 minuti.



Il comunicato, rilasciato da  Dongxu Optoelectronics, afferma che la batteria di G-Re imballa 4,800mAh e si dice che riempire la sua carica perduta tra i 13 ei 15 minuti. Questo lo rende almeno 10 volte più veloce rispetto alle batterie agli ioni di litio comunemente adottate nei dispositivi mobili.

L'azienda produttrice, con 27 anni di esperienza e quotata alla Borsa di Shanghai, ne ha dato annuncio venerdì 8 luglio a Pechino.

Il grafene è un nuovo tipo di carbonio che è "200 volte più forte e sei volte più leggero dell'acciaio."



Gli studi dimostrano che può cambiare la tecnologia che circonda le batterie aprendo la strada a una fonte di alimentazione flessibile, super-leggera, rendendo i futuri dispositivi mobili più sottili e leggeri. Inoltre, il grafene è in grado di fornire una maggiore potenza a droni, auto elettriche e altri dispositivi in ​​quanto si carica più velocemente di ogni altro dispositivo. 

Dongxu, nella veste del suo presidente Li Zhaoting, ha mostrato come la batteria grafene possa  durare fino a 3.500 cicli di ricarica.

Tech in Asia, tuttavia, ha osservato che la realizzazione delle applicazioni con questa nuova tecnologia sono ancora "molto lontane". Dongxu, inoltre, non ha lasciato molto indizi utili per capire  quando la tecnologia sarà disponibile al consumo. 
Nel frattempo, alcuni prototipi hanno già dimostrato l'uso del grafene al Mobile World Congress lo scorso febbraio. Una società denominata FlexEnable ha mostrato un display curvo che avvolge il polso come un orologio.
Un altro produttore, Zap & Go, ha inoltre presentato un "sandwich di 50 strati in foglio sottile di alluminio rivestiti in inchiostro grafene", come afferma Digital Trends .

La tecnologia grafene sembra integrarsi molto bene anche con la realtà virtuale, come abbiamo poutot vedere al MWC. Una società ha inventato un paio di guanti in grafene in grado di determinare la temperatura e leggere i gesti.

Eppure resta da vedere se l'adozione di grafene nei prodotti di largo consumo potrà decollare presto e nel modo in cui la gente aveva sperato.

Nessun commento: