lunedì 27 giugno 2016

DALLA BREXIT UN CONTO SALATO PER IL COMMERCIO BRITANNICO

Dopo quarantatré anni, il Regno Unito esce dall’Unione Europea. I possibili scenari prevedono un aumento delle barriere al commercio internazionale del paese. L’uscita dal mercato unico costerebbe alle famiglie britanniche tra le 850 e le 1.700 sterline l’anno. E si tratta di stime prudenti.

Referendum 2016: il Regno Unito lascia l'Europa:  - Shutterstock


.
Quando il Regno Unito era nell’Unione
L’ingresso nella Ue ha ridotto sostanzialmente le barriere commerciali tra il Regno Unito e gli altri paesi membri. Da un lato, l’unione doganale ha eliminato tutte le barriere tariffarie nello scambio di beni e servizi tra i paesi membri. Dall’altro, la creazione del mercato unico europeo ha comportato una riduzione sostanziale delle cosiddette barriere non tariffarie, ad esempio delle regole di origine dei prodotti, dei controlli doganali, licenze, delle regole tecniche e di quelle date dagli standard.
L’Ufficio nazionale di statistica britannico calcola che prima di entrare nella Comunità economica europea nel 1973, gli scambi con i paesi Cee erano circa un terzo del commercio internazionale del Regno Unito. Nel 2014, il 45 per cento delle esportazioni britanniche di beni e servizi (pari a circa il 13 per cento del Pil) era verso paesi Ue; ancora maggiore, il 53 per cento, la quota delle importazioni dall’Ue.
I benefici del commercio
Gli effetti positivi del commercio internazionale sull’economia di un paese seguono diverse strade. Il primo canale è quello dei vantaggi comparati proposto da uno dei padri dell’economia politica, David Ricardo. L’apertura al commercio permette ai consumatori e alle imprese di comprare i migliori beni e servizi disponibili su scala mondiale a prezzi inferiori.
Un secondo canale raccoglie i vantaggi derivanti dalla disponibilità di una gamma di beni e servizi più vasta di quella possibile in economie chiuse.
Un terzo canale è dato dagli effetti competitivi e di selezione: la maggior concorrenza prodotta dall’apertura commerciale elimina dal mercato le imprese meno produttive, aumentando così la produttività media delle economie nazionali.
L’analisi economica ha dimostrato che questi canali generano anche effetti dinamici, aumentando ancor più i vantaggi del commercio. Per esempio, gli effetti concorrenziali e di selezione spingono le imprese a innovare di più, migliorando così la qualità dei prodotti e riducendone costi e prezzi.
I conti in tasca agli inglesi
Un gruppo di esperti europei di commercio internazionale della London School of Economics  ha analizzato i possibili gli effetti della Brexit sulle importazioni e esportazioni britanniche e le relative conseguenze per l’economia del Regno Unito. Lo studio tiene conto dei costi economici della Brexit causati da uno solo dei canali descritti sopra, i vantaggi comparati.
Per calcolare l’impatto della Brexit dovuto al cambiamento delle barriere al commercio estero bisogna fare alcune ipotesi sulle conseguenze che l’uscita dalla Ue avrà sul commercio. Gli scenari più probabili sono due: quello ottimistico immagina un accordo commerciale con la Ue simile a quello della Norvegia, che proibisce le tariffe, ma permette barriere non tariffarie. Nello scenario pessimistico, il commercio con la Ue avverrebbe secondo le regole dell’Organizzazione mondiale del commercio e comporterebbe un aumento delle barriere sia tariffarie sia non tariffarie.
A questi costi gli economisti della Lse aggiungono i trasferimenti fiscali tra Ue e Regno Unito. Il contributo fiscale netto del Regno Unito al budget della Ue è oggi circa lo 0,53 per cento del Pil britannico. Nello scenario ottimista porterebbe un risparmio su questo contributo pari allo 0,09 per cento del Pil. Nello scenario pessimista, il risparmio sarebbe pari allo 0,31 per cento del Pil. Questi risparmi, insieme agli aumenti delle barriere doganali, vengono poi inseriti in un modello molto avanzato per l’analisi quantitativa degli effetti degli scambi internazionali. La tabella qui sotto riassume i risultati delle simulazioni.
Tabella 1 – Effetti della Brexit sui redditi delle famiglie
Schermata 2016-06-27 alle 10.02.50
Lo scenario ottimista prevede una riduzione del reddito nazionale pro-capite dovuta alle nuove barriere al commercio, al netto del risparmio fiscale, dell’1,28 per cento all’anno. Questo corrisponde a una riduzione del reddito della famiglia media britannica di circa 850 sterline (1.080 euro) l’anno. Nello scenario pessimistico il Pil pro-capite scende del 2,61 per cento, che comporta una perdita di 1.700 sterline (2.160 euro) l’anno per famiglia.
Le stime sono in realtà troppo caute, perché considerano solo i minori benefici del commercio dovuti ai vantaggi comparati. Escludono così tutti i vantaggi del libero scambio tra nazioni avanzate dovuti alla maggiore varietà di beni a disposizione e agli effetti di selezione. Studi recenti hanno inoltre dimostrato che gli effetti dinamici possono raddoppiare, se non triplicare, i benefici del commercio misurati dai tradizionali modelli statici. Infine, l’incertezza sulle caratteristiche dell’accordo commerciale tra Regno Unito e Ue, incertezza che durerà certo vari anni, causerà di per sé costi non trascurabili.
Fonte: lavoce.info

Nessun commento: